Terremoti Italia Gennaio 2019 Archivio

Terremoti Italia Gennaio 2019 Archivio

Aggiornamento 31 Gennaio 2019 – DNI

Dopo i movimenti in Asia occidentale infine anche l’Iran ha subito il rilascio di pressione che si sta muovendo verso ovest. Una scossa di M4.1 si è verificata a est di Teheran questa mattina. Dopo questo movimento più a ovest si sono verificati dei movimenti, nel primo pomeriggio, in Grecia alle Isole Ionie di M3.7.

L’Italia ha subito delle scosse da nord a sud, la maggiore un paio di ore dopo quella alle Ionie, in Molise di M2.8. Sembrerebbe ancora una volta che le direttive della pressione sismica siano verso i Balcani e verso il Mediterraneo con scosse minori in Italia.

In serata una scossa di M3.0 si è verificata in Romania e una simile di M3.4, praticamente 1 ora dopo, si è manifestata a Gibilterra. Anche le Azzorre, punto di rilascio finale, hanno visto un movimento di M3.5. Movimenti si sono verificati anche in Israele, al confine con la Cisgiordania su mar Morto, di M2.6, stessa magnitudo delle scosse in Turchia.

Scosse Europa 31 Gennaio 2019

Scosse Europa 31 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 31 Gennaio 2019 – Dutchsinse

Ancora qualche scossa sulla M4 alta in Cina e Kazakhstan non riportate, anche in Russia, Africa e Brasile non vengono mai riportate, BRICS in pratica, sembra una cosa politica più che scientifica.

Nota DNI: Come conseguenza di questi movimenti nella zona più occidentale della Cina, nella zona dello Xinjiang, sono riportate due scosse avvenute ieri, di M3.9 e M4.4. L’Iran continua ad essere silenzioso a parte due scosse sulla M3 nella parte sud occidentale.

Nel Mediterraneo abbiamo visto una serie di scosse sulla M3 alta nella zona di Gibilterra e Marocco mentre in Europa centrale una scossa sulla M3 in Francia.

Nota DNI: La pressione dall’Europa Centrale ha raggiunto l’Islanda come previsto, con un movimento di M3.0 mentre in Europa, nelle ultime ore, si nota una linea di movimento con scosse equidistanti sulla M2.

Scosse Eurasia 30-31 Gennaio 2019

Scosse Eurasia 30-31 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 30 Gennaio 2019 – DNI

La situazione in Europa si sta svilluppando come prevedibile e in parte previsto. Dopo i movimenti in Italia della scorsa settimana la spinta simica ha raggiunto il centro della Francia, perdendo un po’ di potenza e generando un M2.9, oltre allo Stretto di Gibilterra come anticipato ieri con dei movimenti sulla M3 media in Marocco. Nel nord Europa il trasferimento è continuato verso il Polo Nord con un movimento di M2.6 a sud est dell’Islanda.

In Italia abbiamo visto il movimento atteso al sud con una scossa sulla M3.2 in Calabria, probabilmente la spinta da est ha perso un poco della sua potenza a causa dei movimenti diffusi e del forte rilascio di pressione alle Isole Ionie in Grecia. Sulle Alpi si sono verificati molti movimenti sulla M2, alla fine del confine delle placche, qui la spinta ha trovato il blocco è si è diffusa in varie zone.

In Iran ancora nessun movimento, se continuasse l’arrivo della pressione da est, ieri sera una scossa di M4.3 nell’Hindukush e oggi qualche M4 non riportato in Tajikistan e zone vicine, il movimento previsto di M4 medio alta potrebbe anche raggiungere la M5.

PS Continuano i magri rapporti di Dutch molto distanziati tra loro e senza previsioni, l’ultimo è di più di 24 ore fa.

Scosse Europa 29-30 Gennaio 2019

Scosse Europa 29-30 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 29 Gennaio 2019 – DNI

Dutch ha ridotto di molto le sue trasmissioni riguardanti gli eventi sismici e inoltre non fa più le sue previsioni settimanale, e nemmeno prevede i luoghi in cui le scosse potrebbero verificarsi. Lascia a noi capire dive è probabile che gli eventi si verifichino basandosi sulla sua analisi che è di facile comprensione e utilizzo. E’ probabile che tutto questo sia dovuto all’enorme pressione a cui è sottoposto.

La situazione in Europa è ancora in forte movimento, dopo le scosse in Grecia e a Rodi della settimana scorsa la forza sismica si è espansa verso le solite direttive, la Romania ha visto dei movimenti sulla M3 mentre la Polonia Occidentale ha subito una scossa di M4.8 e una di M4.1, quindi pressoché della stessa magnitudo delle scosse nel sud Europa. Questa spinta raggiungerà l’Islanda con movimenti fino alla M5 nei prossimi giorni.

In Italia i movimenti sulla M2 stanno continuando lungo tutto il confine delle placche rilasciando la pressione in modo diffuso. E’ probabile che ora si verifichino dei movimenti sulla M3 lungo la direttiva verso Gibilterra, quindi Pirenei e Spagna.

In Grecia alle Isole Ionie continua lo sciame con scosse sulla M3 mentre un potete sciame sismico si è verificato alle Azzorre, come previsto, con una somma di scosse che eguaglia una sulla M4 abbondante.

Più a est continuano i movimenti in Cina, di cui alcuni non riportati, e nell’Hindukush, in quest’area si è creata una zona di silenzio tra Afghanistan e Iran ed è probabile che qui vedremo dei movimenti sulla M4 alta nei prossimi giorni.

Scosse Eurasia 28-29 Gennaio 2019

Scosse Eurasia 28-29 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 27 Gennaio 2019 – DNI

Dutch non è più prolifico nei suoi report come in precedenza quindi cercheremo noi di fare una analisi della situazione. Ieri nella zona dell’Hindukush si sono verificate 3 scosse superiori alla M3 tutte sui 200 km di profondità, questo comporta che le zone a valle potrebbero subire l’arrivo di questa onda di pressione. Il punto di fulcro è in Iran centro occidentale dove è possibile un movimento fino alla M5.

In Europa la zona in grande movimento va da est di Rodi fino alle Isole Ionie. Una scossa di M4.4 si è verificata nella Grecia nord occidentale verso il confine con l’Albania mentre altre scosse attorno alla M4 si sono manifestate nella Turchia Occidentale. L’Isola di Rodi questa mattina ha subito una scossa di M4.0, oltre ad altre scosse minori di M2 e M3.

In Italia stiamo invece vedendo un grande numero di movimenti sulla M2 lungo tutto il confine delle placche, probabilmente l’onda sismica dopo la scossa di M5 in Grecia viene rilasciata in modo diffuso invece che con un singolo forte movimento. Una parte di questa sembra si stia dirigendo verso Gibilterra e l’Atlantico con una scossa di M3 nel Mediterraneo tra Malta e pantelleria. E’ possibile che ora si possa verificare una ulteriore movimento sulla M3 anche altra sulle coste Algerine.

Dei movimenti sulla M3 si sono verificati anche in Bosnia e in Romania, a testimonianza delle suddivisione dell’onda nelle solite direzioni di trasferimento Europee.

Al Largo del Portogallo del sud e alle Azzorre si sono verificate delle scosse rispettivamente di M3.5 e M3.1, scossa simile di M3.0 in Islanda.

Scosse Eurasia 26-27 Gennaio 2019

Scosse Eurasia 26-27 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 25 Gennaio 2019 – DNI

La situazione si è animata molto nelle ultime 24 ore, iniziamo dalla scossa avvenuta in Italia, di M4.3 a 213 km di profondità; questo movimento può generare una scossa superficiale fino alla magnitudo di M4.7 nelle zone circostanti nei prossimi 2 o 3 giorni. Avevamo detto nel report precedente che la previsione era per una scossa sulla M4 in Molise, questa è avvenuta tra le coste della Calabria e Stromboli, esattamente a 320 km (circa 2900 miglia, che è il limite per le previsioni di Dutch considerate azzeccate) dalla zona che avevamo citato. Il fatto che sia una scossa profonda però non mette ancora al riparo l’Italia centro-sud da altri movimenti di M4 alta, anche se la spinta che viene da est potrebbe prendere la direzione del Nord Africa e causare questo stesso movimento in quell’area invece che in Italia.

Questa mattina nel nord dell’Afghanistan si è verificato un movimento a 200 km di M4.1 e nel pomeriggio una serie di scosse, dalla M3 fino alla M4.2 si sono verificate nell’Iran occidentale e nella zona del Caucaso, questi movimento sono la nuova onda di pressione che si sta trasferendo verso l’Europa.

Altri movimenti sulla M3 si sono verificati nell’Egeo del nord; nelle zone della ex Iugoslava e dei Balcani ci aspettiamo ancora dei movimenti simili a quello avvenuto oggi in Italia. Islanda e Azzorre hanno visto dei movimenti sulla M3 ma è probabile che si verificheranno altre scosse nei prossimi giorni, vedremo l’evoluzione dei movimenti in corso nel sud Europa nei prossimi giorni.

Onda Sismica M5 Est Ovest 20-24 Gennaio 2019

Scosse Eurasia 25 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 24 Gennaio 2019 – DNI

Nell’immagine sotto si può vere come la scossa di M5.3 che si è verificata oggi nella zona dell’Isola di Rodi non sia spuntata dal nulla, nella zona Cina, Nepal e Hindukush, ma anche dall’Oceano Indiano, si notano un’insieme di scosse, avvenute nei giorni precedenti, che mostrano un’onda di magnitudo 5 che si dirige verso il Medio Oriente e poi come sempre verso l’Europa e i punti di rilascio finale nel Nord Atlantico.

Onda Sismica M5 Est Ovest 20-24 Gennaio 2019

Onda Sismica M5 Est Ovest 20-24 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

La scossa di M5.3 avvenuta a Rodi, insieme alle altre scosse sulla M3 nei dintorni, lascia presagire che ora ci sarà la solita divisione nelle tre principali direttive Europee, I Balcani, la ex Iugoslavia e l’Italia. E’ probabile che la zona di confine tra Bulgaria e Romania subisca una scossa sulla M4, stessa cosa per la zona di Bosnia e Croazia fino al confine con la Slovenia e anche per l’Italia.

La zona che è rimasta silenziosa e che rappresenta anche il punto di fulcro tra quest’ultima scossa a rodi e i movimenti sulla M2 nell’Italia Centrale è la zona del Molise, è possibile che qui si possa vedere questo movimento, anche se l’onda sismica potrebbe subire delle deviazioni verso il Nord Africa a causa della frattura alle Isole Ionie.

Scosse Europa 24 Gennaio 2019

Scosse Europa 24 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 22 Gennaio 2019 – DNI

Sembra che EMSC abbia risolto l’impasse sui server, anche Dutch è rimasto inattivo per mancanza di dati (avranno goduto i detrattori probabilmente). Cerchiamo di riassumere la situazione dei movimenti avvenuti in Europa tenendo presente che i dati potrebbero non essere accurati.

L’immagine che abbiamo allegato mostra delle scosse prossime alla M5 a sud est di Rodi, una avvenuta il 20 e una oggi, la spinta per questi movimenti potrebbe essere l’arrivo della forza sismica dall’Oceano Indiano e il mar Rosso. Alle Isole Ionie viene riportata una scossa di M4.4 avvenuta ieri e una di M3.6 avvenuta oggi. Si potrebbe dire che le due onde di pressione si stanno dirigendo verso l’Europa Centrale una dopo l’altra. In Italia vengono riportati dei movimenti al centro nord sulla M2, è possibile che questa spinta sulla M4 raggiunga la penisola a breve, probabilmente al sud dello stivale.

Si notano due scosse di M4.9 nell’Atlantico e alle Azzorre avvenute ieri e oggi, a conferma che la pressione della scorsa settimana ha raggiunto i punti di rilascio finali.

Scosse Europa 20-22 Gennaio 2019

Scosse Europa 20-22 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 20 Gennaio 2019 – DNI

Purtroppo il sito Europeo EMSC è spento, sembra che il certificato di sicurezza SSL sia scaduto… sono due giorni che non va e quindi è difficile avere il quadro della situazione in Europa dato che USGS è molto carente in questa parte del mondo. La professionalità degli scienziati e della loro controparte IT è stupefacente… e intendo che spero si facciano le canne così hanno un’alibi.

Da riportare una forte scossa di M6.7 sulle coste del Cile, questa potrebbe essere collegata alla scossa profonda avvenuta circa 2 settimane fa. Nell’Oceano Indiano, dopo il movimento sulla M5 di qualche giorno fa, stiamo vedendo il trasferimento di pressione verso l’Isola Mayotte con il suo vulcano dormiente e verso l’Iran come accennato qualche giorno fa.

USGS in Europa riporta solo una scossa di M4.4 alle Ionie, è possibile che dopo queste scosse nella stessa zona nei giorni scorsi si possano avere dei movimenti nelle solite 3 direttive, scosse che potrebbero raggiungere anche la M4. Le zone in questione sono verso la Romania, Bosnia Serbia e Italia.

EMSC Morto e Pochezza USGS 20 Gennaio 2019

EMSC Morto e Pochezza USGS 20 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 19 Gennaio 2019 – DNI

La situazione che ci viene mostrata in Europa oggi indica il trasferimento di pressione lungo le solite “vie”. La Normandia, zona che non aveva ancora visto movimenti (citata in precedenza come zona della Manica) dopo le scosse superiori alla M4 di questa settimana nel sud Europa, ha infine subito una scossa di M3.8.

È probabile che a breve vedremo dei movimenti sulla M4 nella zona dell’Islanda e Nord Atlantico.

Anche l’Italia ha visto il movimento di cui abbiamo parlato nei giorni precedenti, era probabile un movimento in Molise invece si è verificato al largo delle coste della Calabria, all’interno del raggio di circa 300 km che è la tolleranza per la previsione, la magnitudo di questa scossa è stata di M3.2 a 222 km di profondità. Questa scossa profonda potrebbe spingere un’ulteriore movimento sulla M3.6 di massimo potenziale nei prossimi giorni nelle zone circostanti.

Più a est la Romania ha subito una scossa simile, di M3.3 nella solita zona dove la crosta forma quella specie di esse.

L’Iran e la Russia Caucasica hanno subito due scosse gemelle ciascuna, quattro in totale, di M3.7, tra ieri sera e questa mattina. Questa forza sulla M4 transiterà verso l’Europa nei prossimi giorni.

Scosse Europa 18-19 Gennaio 2019

Scosse Europa 18-19 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 18 Gennaio 2019 – DNI

La prima immagine di questo aggiornamento mostra il trasferimento della forza sismica da est a ovest avvenuto in Europa in questi ultimi gironi con una serie di scosse, dal rosso più scuro al bianco per quelle più recenti.

Si nota come la pressione sulla M4 abbia percorso il Mediterraneo verso i punti di rilascio finale nell’Atlantico lungo il confine delle placche e come la nuova frattura delle Isole Ionie in un certo senso attiri i rilasci in superficie.

Dopo i movimenti in Italia e Grecia dei Giorni scorsi si nota, nella seconda immagine, come la forza sismica si sia espanda in Europa del nord e occidentale con scosse di M3 alta. Nello Ionio orientale, solita zona delle Isole Ionie, si stanno verificando altri movimenti con due scosse significative, di M4.4 avvenuta ieri sera e di M3.8 questa mattina, oltre ad altre scosse di M3 medio-bassa.

Trasferimento Pressione Sismica Est Ovest 15-18 Gennaio 2018

Trasferimento Pressione Sismica Est Ovest 15-18 Gennaio 2018

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

In Italia si è verificata una scossa sulla M2 nel Tirreno meridionale, è possibile che questi ultimi movimenti in Grecia accentuino la possibilità di un movimento sulla M3 medio alta anche in Italia, in alternativa esiste anche la probabilità che l’Italia venga nuovamente aggirata e la pressione di diriga verso i Balcani e il Mediterraneo sud orientale, come già avvenuto altre volte in questo ultimo periodo. A nostro modesto parere la zona Italiana in cui in questi ultimi giorni non si sono verificati movimenti è il Molise ed è possibile che questa sia l’area che potrebbe essere interessata.

La pressione che sta transitando nell’Oceano Indiano meridionale ha assunto una direttiva verso il Mar Rosso con un movimento di M4.5 al largo delle coste dell’Oman; Mar Rosso e coste del Pakistan/Iran potrebbero anch’esse subire dei movimenti attorno alla M4 a breve.

Nel Pacifico Occidentale, a Vanuatu e in PNG si sono verificate, oggi e ieri, dei movimenti sulla M6 dopo le scosse profonde sulla M4/5 nella zona delle Fiji e Karmadec dei giorni scorsi.

Scosse Europa 17 Gennaio 2018

Scosse Europa 16-17 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 17 Gennaio 2019 – Dutchsinse

Se vi ricordate la forte scossa profonda in Sud America circa 10 gironi fa, non ha provocato ancora nulla di superficiale, è possibile che questa scossa sia una trollata (come un’altra riportata poi cancellata dai Zelandesi in Myanmar superiore alla M6), rimarremo comunque in osservazione per un possibile movimento.

Le scosse profonde avvenute nelle ultime 24 ore sono state un M5.2 a 200km a Vanuatu nel Pacifico Occidentale, un M4.0 a 400 km nelle Isole Kurili e un M4.4 in Sud America tra Bolivia e Argentina a 303 km. Tutti questi movimenti spingeranno le zone circostanti con movimenti superficiali nei prossimi giorni.

In Cina e zone di confine verso il Tajikistan come al solito non vengono riportate varie scosse sulla M4 e M5 ma che influenzeranno i movimenti più a ovest.

Dopo le scosse sulla M4 media in Iran dei gironi scorsi oggi in Europa si è verificata una scossa di M4.5 nella punta sud del Peloponneso in Grecia. Come previsto la zona del Nord Atlantico, tra Islanda e Svalbard, si è verificata la scossa di M4.8 generata dal trasferimento di pressione dall’Europa centrale. Anche le altre zone lungo cui scorre la forza sismica hanno visto i movimenti facilmente prevedibili.

Lungo le coste del Nord Africa abbiamo vosto ieri una scossa di M3.0 in Algeria e oggi un movimento di M3.6 in Marcocco. Questa onda raggiungerà le Azzorre che hanno iniziato a muoversi con movimenti sulla M2 media. Anche i Pirenei hanno visto il movimento previsto sulla M3. Il Canale della Manica è la zona che ancora non ha visto movimenti.

In Italia abbiamo visto varie scosse sulla M2 lungo il confine delle placche che finisce tra Milano e Torino. La zona della Sila in Calabria ha visto dei movimenti di cui il più significativo di M3.4.

Nora DNI: In seguito ai movimenti in Grecia e Calabria e quelli sulla M4 dei giorni precedenti nella zona di Ravenna è possibile che dei movimenti sulla M3 media si verifichino nella zona di Campobasso che è attualmente un punto di silenzio e di fulcro. Due nuove scosse si sono verificate nell’Oceano Indiano Meridionale, queste interessano l’Europa in quanto la spinta che proviene da est e che ha generato i movimenti continuerà verso il Mar Rosso e il Mediterraneo.

Scosse Europa 16-17 Gennaio 2019

Scosse Europa 16-17 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 15 Gennaio 2019 – DNI

Nell’immagine sotto si può notare come la pressione sismica si trasferisce, come un’onda, da est verso ovest. La prima scossa, di M4.6, è avvenuta ieri mattina nel nod della Penisola Indocinese, dopo circa 3 ore una seconda scossa sempre di M4.6 si è verificata nella Cina Occidentale e la terza in Iran Occidentale dopo altre 5 ore. La Placca Asiatica ha subito lo spostamento della forza sismica, lungo il suo confine, forza che arriva come sempre in Europa.

Scosse Eurasia 14 Gennaio 2019

Scosse Eurasia 14 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

I movimenti di oggi in Europa sono stati della stessa magnitudo, superiori alla M4, e si sono verificati in Italia e in Grecia come previsto. L’Egeo Centrale ha subito la scossa prevista da Dutch come riportato nel precedente resoconto e l’Italia ha visto la scossa, originariamente prevista sopra la M5, ad una magnitudo leggermente inferiore, M4.5, che si è verificata poco prima della mezzanotte a Ravenna, seguita da un’altro movimento di M3.1. La previsione di questa scossa era esattamente per il fine della settimana scorsa inizio di questa mentre la zona era leggermente più a ovest, sull’Appenino Tosco Emiliano.

Le Isole Ionie in Grecia hanno anche loro subito dei nuovi movimenti, verificatisi dopo la scossa Italiana, sempre della stessa magnitudo di M4.5 e M4.3, in rapida successione.

In consuntivo questa scossa non giunge inaspettata, i quakkademici potranno trarre le loro solite conclusioni, potranno anche nascondere le scosse forse per confondere coloro che, evidentemente ed in modo eclatante, fanno delle previsioni che, come al tempo dell’inquisizone, vengono tacciati di eresia.

E’ probabile ora che questa pressione, che si muove lungo il confine delle placche che scorre in Italia, raggiunga il termine di questa e, dovendo percorrere zone di maggiore resistenza, perda una parte della sua forza provocando dei movimenti sulla M3 media in Francia e verso la Manica oltre che dirigersi verso i Pirenei e Gibilterra. Anche le zone del Nord atlantico e Islanda è possibile che subiscano dei movimenti sulla M4.5 nei prossimi giorni.

Scossa M4.5 Ravenna 15-1-2019

Scossa M4.5 Ravenna 15-1-2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

In Europa, come conseguenza della spinta proveniente dall’Iran della scorsa settimana, si è infine verificato il movimento previsto nell’Egeo Centrale. La scossa è stata di M4.2, quindi M0.8 inferiore al previsto.

In Italia abbiamo visto una diffusione di scosse lungo tutta la penisola fino alle Alpi, fine del confine delle placche, di lì la pressione ha raggiunto i Pirenei e Gibilterra con scosse sulla M3.

Scosse Europa 13-14 Gennaio 2019

Scosse Europa 13-14 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 12 Gennaio 2019 – DNI

in Europa la situazione è in rapida evoluzione dopo le scosse sulla M5 avvenute nei giorni scorsi a est.

In prossimità dell’Isola di Rodi si è verificata questa mattina una scossa di M4.0 e costituisce la nuova onda di pressione in arrivo.

Questa mattina tra le 5 e le 6 Italiane nella zona ovest della Cina si sono verificate due scosse superficiali, di M4.4 e di M5.3, questa è la nuova onda sismica sulla M5 che si presenterà in questi giorni a ovest di quest’area, Afghanistan e Iran.

Inutile dire che una scossa di M5.3 in Tajikistan, una di M4.0 in Kazakhstan, qualche M4 in Cina ecc. ecc. non sono riportate… per il bene di chi?

Le scosse previste più a ovest, Italia, Balcani e ex Jugoslavia si stanno in parte verificando. Una scossa di M3.8 si è manifestata nella Polonia Occidentale, potrebbe essere quella prevista in Romania ma rimaniamo in osservazione in quanto la Romania rimane ora, e ancora di più, punto di fulcro.

Scosse Europa 10-11 Gennaio 2019

Scosse >M3 Europa 12 Dicembre 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

In Italia abbiamo avuto il movimento sulla M4, precisamente di M3.6 (abbondante), avvenuto nel Tirreno Meridionale nella zona di Palinuro a 280 km di profondità. Questa scossa è in grado di generare un movimento superficiale fino alla M4.1 (ma anche M4.5) nelle zone circostanti nei prossimi giorni.

Sempre in Italia una scossa di M3.2, riportata nella pagina di studio per i sismologi ma non nel feed, si è verificata a sud di Pavia, un terremoto fantasma? Qualcuno l’ha sentito verso le 12:30 Italiane di oggi?

Aggiornamento 11 Gennaio 2019 – Dutchsinse

Dopo le scosse sulla M5 avvenute in Grecia ieri è probabile che vedremo ora la solita suddivisione delle forza sismica nelle tre direttive, in Romania, nella zona della Serbia e Montenegro e in Italia. La magnitudo delle scosse previste sarà sulla M4, in Italia la zona possibile si trova in Toscana del nord verso l’Appennino Tosco Emiliano, punto di silenzio.

Nota DNI: La zona delle Isole Ionie sta rilasciando una grande quantità di pressione, oggi si sono verificate numerose scosse, alcune delle quali sulla M4 medio alta, questo potrebbe deviare la pressione verso la coste del Nord Africa e verso i Balcani come è successo spesso quando la zona delle Ionie è rimasta fortemente attiva. Questo non toglie la possibilità che si verifichi la scossa prevista in Italia.

Scosse Europa 10-11 Gennaio 2019

Scosse Europa 10-11 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 10 Gennaio 2019 – DNI

Un’altra scossa prevista da Dutch si è verificata, si tratta di una scossa di M5.0 avvenuta in serata a sud est di Creta, quindi più a sud rispetto all’Egeo Centrale dove era prevista con una magnitudo di M5.3.

Circa 1 ora prima, alle 18:30 Italiane, sempre in Grecia alle Isole Ionie, si è verificato un movimento di M4.8. Quasi in contemporanea con la scossa di M5 a Creta in Italia al confine con l’Austria si è verificato un movimento di M2.9, al centro e al sud Italia si sono verificati anche altri movimenti sulla M2.

Ricordiamo la previsione di Dutch per una scossa superiore alla M5 possibile in Italia in relazione a questi movimenti che si stanno puntualmente verificando, aspetteremo il report di Dutch per una precisione ma se dovessimo farne una noi diremmo che il Centro Ialia potrebbe essere la zona interessata.

Scosse Europa 10 Gennaio 2019

Scosse Europa 10 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 9 Gennaio 2019 – DNI

Continuando a monitorare la situazione in Europa e più a ovest per avere il quadro della situazione che potremo aspettarci nei prossimi giorni vogliamo evidenziare le due previsioni di movimenti fatte da Dutch ad inizio settimana e chiedere ai quakkademici se è solo “fortuna”, la loro solita spiegazione basata sul materialismo scientifico, lavaggio del cervello universitario ecc ecc…

La previsione per la Romania era per una scossa sulla M5 a sud dei Carpazi dove le placche hanno formato una specie di curva, la scossa si è appena verificata riportata di M4.1.

L’altra previsione verificatasi nella zona e nella magnitudo prevista è quella in Bosnia, prevista di M3.7 e riportata da coloro di M3.2.

In Russia viene riportata una scossa di M4.4 mentre non vengono riportate: M4.8 in Siberia, un M3.7, un M4.1, un M4.0 sempre nella stessa zona e tutte avvenute oggi. Anche una scossa di M5.3 nel Punjab in India è stata omessa. Con questo quadro vedremo probabilmente ora il movimento previsto in Iran, e ringraziamo i quakkademici per gli ostacoli che continuano a mettere in strada ma che finiranno per crollargli addosso. Dark To Light!

Previsioni Dutch Confermate Europa 9 Gennaio 2019

Previsioni Dutch Confermate Europa 9 Gennaio 2019 – Kek!

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 8 Gennaio 2019 – Dutchsinse Previsione Settimanale

Per questa settimana entrante dopo i grandi movimenti che si sono verificati in quella passata, sono possibili delle scosse significative un po’ ovunque.

Per la parte che interessa l’Europa (per le previsioni globali sul Pianeta vedi le immagini qui) il primo movimento è previsto in Iran dove è possibile una scossa nel punto di fulcro che si trova nel nord est del paese.

Nell’Egeo Centrale ancora una volta vedremo l’arrivo della pressione da est con una scossa di M5.3. La scorsa settimana le scosse previste in Europa si sono tutte verificate meno che quella in Romania ed è possibile che verso la fine di questa settimana, dopo la scossa in Grecia, nella zona della curva della placca vedremo un movimento sulla M5.

Anche la Bosnia potrebbe vedere un movimento che potrebbe raggiungere la M4 dopo il movimento Greco.

In Italia anche è possibile che si verifichi un movimento, anche questo legato all’arrivo dell’onda sismica Ellenica, probabilmente però saremo già verso la fine di questa settimana se non all’inizio della prossima; dovremo prima analizzare i movimenti orientali, a partire dal Pacifico e Indonesia e se si manifestassero tutti come è possibile che facciano, per l’Italia la previsione sarebbe di una scossa che potrebbe superare abbondantemente la M5, ma ancora una volta, è probabile che sarà oggetto della prossima previsione di lunedì prossimo.

Previsione 7-13 Gennaio 2019 Europa

Previsione 7-13 Gennaio 2019 Europa

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 7 Gennaio 2019 – Dutchsinse

La forza continua a trasferirsi verso ovest transitando dal Pacifico nord occidentale attraverso Cina e Russia verso l’Hindukush e l’Iran, oggi sono state riportate delle scosse in Cina e Mongolia sulla M4/5 ma altre sono state omesse. Come previsto la scossa di M5.7 attesa in Iran si è verificata.

Più a ovest in conseguenza a questa onda simica abbiamo visto una fioritura di M2 e M3 in tutta Europa. Dopo l’Italia e il su Europa, come prevedibile, le Azzorre sono state colpite da una scossa di M4.6 mentre oggi nella zona di Gibilterra abbiamo visto delle scosse sulla M3.

Scosse nella nostra parte di Mondo 6-7 Gennaio 2019

Scosse nella nostra parte di Mondo 6-7 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 6 Gennaio 2019 – Dutchsinse

Da riportare una scossa di M6.8 a 575 km di profondità avvenuta il 5 Gennaio alle 8:25 Italiane, al confine tra Brasile e Perù, questa scossa ha la forza per generare una scossa superficiale fino a M8 per un periodo che va da 7 a 10 giorni, dopo questa scossa, nelle zone circostanti. Questa situazione si è già verificata in precedenza e una scossa sulla M8 si è verificata in Cile.

In Russia e Cina si sono verificate scosse vicine alla M5 che continuano a non essere riportate nel feed ma che sono nella pagina di studio per i sismologi, forse non vengono mostrate per non mostrare il trasferimento dal Pacifico del nord ovest verso l’Europa.

In Iran è ancora in atto l’allarme per una scossa di M5 al confine con l’Iraq e fin’ora si sono verificate delle scosse sulla M5. Nota DNI: Poche ore fa si è verificata la scossa prevista di M5.5 oltre ad altre scosse di M3 e M4.

Scossa Profonda M7 Perù 6-1-2019

Scossa Profonda M7 Perù 6-1-2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

In seguito a questo movimenti la prossima zona che vedrà dei movimenti è l’Egeo Centrale fino alla M5 probabilmente nei prossimi 2 giorni. Nel frattempo in Europa si sono verificate scosse minori sulla M2 nelle zone prone a movimenti sismici. Siamo ancora in attesa della scossa di M4 in Romania dopo che Albania e Italia hanno subito le scosse previste.

In Italia abbiamo visto una scossa di M3.6 nella zona delle Isole Eolie e una scossa di M3.1 avvenuta a nordovest di Isernia in Molise. Oltre a questi movimenti altre scosse sulla M2 si sono verificate nel centro nord.

Scosse Europa Mid 5-6 Gennaio 2019

Scosse Europa Mid 5-6 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 4 Gennaio 2019 – Dutchsinse

Nel Pacifico, nella zona delle Fiji generalmente prona a numerosi movimenti e scosse profonde, nelle ultime ore non si è verificata nessuna scossa. Questa zona di silenzio va dalle Isole Karmadec fino a PNG e generalmente più è lungo il silenzio più forte sarà la scossa.

Una potente eruzione si è verificata in Indonesia al Vulcano Krakatau, con una nube vulcanica che ha raggiunto FL400, 40000 piedi di altezza ossia circa 12 km. Questo è lo stesso vulcano che nelle scorse settimane ha causato lo tsunami che ha causato molte vittime ma questa volta non c’è stato nessuno tsunami.

Nella zona di Cina e Russia ancora una volta non vengono riportate scosse anche se un movimento prossimo alla M5 si è verificato al confine tra Mongolia e Russia. Questi movimenti ci danno l’entità della forza sismica che si trasferisce verso overst e che arriva in Europa. Per la zona tra Iran e Pakistan rimane ancora attiva l’allerta della previsione settimanale per una scossa sulla M5.

La stessa allerta per una scossa sulla M5 bassa rimane anche per l’Egeo Centrale dopo che la scossa prevista a Cipro si è verificata invece a Creta. Anche verso il Polo Nord zona dell’Islanda ancora non abbiamo visto la scossa prevista mentre abbiamo visto un movimento di M2.2 in Scozia. Un movimento di M3.2 si è verificato ieri alle Canarie nel trasferimento della pressione sismica dall’Europa verso l’Atlantico.

Nota DNI: In mattinata una serie di scosse è in corso nella zona dell’Etna con la più forte di M3.5 mentre centro e nord Italia

Scosse Europa 3-4 Gennaio 2019

Scosse Europa 3-4 Gennaio 2019

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 2 Gennaio 2019 – Dutchsinse

In Iran questa mattina si è verificata una nuova scossa di M4.8 oltre, a altre di M4 medio alta, per l’accumulo delle pressioni in trasferimento derso ovest.

In Europa dopo il movimento in Italia di ieri elevato oggi a M4.3, e il precedente M4.8 a Creta, la forza simica ha continuato il suo cammino verso est con un movimento vicino alla M3 in Romania e verso ovest con scosse di M2 media tra Italia e Francia.

E’ probabile che la pressione si trasferisca verso i Pirenei e Gibilterra nel suo cammino verso le Azzorre dove verso la fine della settimana è possibile una scossa di M4 alta.

Scosse Europa 2 Dicembre 2018

Scosse Europa 2 Dicembre 2018

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 1 Gennaio 2019 – DNI 20:20 – M4.5 in Abruzzo

La previsione di Dutch si sta evolvendo velocemente in Italia. Dopo la scossa prevista a Creta verificatasi oggi nella tarda mattinata la forza sismica ha continuato il movimento lungo il confine delle placche Italiano per manifestarsi in Abruzzo, poco a sud della Piana del Fucino di M4.2. La previsione era per un movimento più a nord, la magnitudo riportata nei dati se calcolata togliendo il minimo e il massimo rilevato sembra essere superiore, questa scossa assomiglia di più a un M4.5, quella esattamente prevista, forse più tardi la ridurranno come al solito a M3.9.

Altri movimenti significativi si sono verificati in Iran, con un movimento di M4.5 a ovest delle precedenti scosse. Anche l’Hindukush ha visto una scossa profonda di M4.2 che continuerà nella spinta in Iran per scosse superficiali fino alla M4.6.

Scossa Abruzzo M4.2 1-1-2018

Scossa Abruzzo M4.2 1-1-2018

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 1 Gennaio 2019 – DNI

La previsione di Dutch in Europa si sta manifestando in modo leggermente differente e nel suo ultimo report ha modificato le zone in cui si potrebbero verificare le prime scosse. “In seguito alla scossa di M4.0 avvenuta ieri sera a est del Cairo in Egitto è possibile che la scossa di M5 prevista a Cipro si possa verificare a Creta“.

Oggi a circa mezzogiorno una scossa di M4.8 si è verificata a Creta mentre in precedenza, nella notte, un movimento di M4.1 si è verificato in Grecia occidentale.

Anche la zona prevista sulle Coste Africane in Algeria ha visto l’inizio dell’arrivo della pressione con una scossa di M3.5.

L’Italia ha visto dei movimenti sulla M2 al centro e al sud e rimaniamo in attesa di analizzare gli sviluppi dell’arrivo della nuova onda nel sud Europa. L’espansione dell’onda precedente, dopo dalle scosse dei giorni precedenti in Europa Centrale si sta manifestando a ovest con scosse vicine alla M3 sui Pirenei e in Francia.

Scosse Europa 31-1 Gennaio 2018

Scosse Europa 31-1 Gennaio 2018

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Dutchsinse Previsore di Terremoti

Dutchsinse è una persona, Michael Janitch (di St. Louis Missouri), uno scienziato indipendente che sta studiando e insegnando temi legati alla geofisica. I suoi studi sono noti per essere controversi e provocatori.

I click sulle pubblicità ci tengono in vita 🙂

Pillole Disclosure News Testata

 

Soffrire

Ma la grande, tremenda verità è questa: soffrire non serve a niente.  

Cesare Pavese, Il mestiere di vivere

 

Fai una Donazione in Bitocoin

1NrkczypToK9xZAY26nyAn8UEC127cgPk8

  • Supporto per il Costo del Server 2019 - 2400 € 90% 90%
Acquista la Tua Pietra Cintamani

Sostieni Disclosure News Italia

Ci stiamo impegnando molto per mantenere questo blog e ci lavoriamo ogni giorno, cerchiamo e traduciamo articoli ma ne pubblichiamo anche di nostri. Come voi siamo alla ricerca della verità. Se volete collaborare con noi siete i benvenuti, scriveteci! Le spese del blog sono a nostro carico, la pubblicità ci rimborsa in modo molto marginale quindi se vi piace il nostro lavoro e lo trovate utile offriteci un caffè cliccando sul bottone di donazione con PayPal. Ci serve l'aiuto di gente come te!

Fiore della Vita Sticker Pack

Fiore della Vita Sticker Pack - 10 Stickers - 5 Bianchi 5 Neri 9.5 x 9.5 cm

Pin It on Pinterest