Terremoti Italia Febbraio 2020 Archivio

Terremoti Italia Dicembre 2019 Archivio

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia, Di Dutchsinse.

La pressione sismica si trasferisce continuamente fra le placche tettoniche del pianeta. Le energie galattiche e l’evoluzione planetaria che stiamo attraversando provoca un movimento anche a livello sismico, Dutchsinse ci aiuta, con le sue previsioni che, come dice lui stesso, riescono a raggiungere una precisione sopra l’80%.

Scosse in tempo reale ultime 48 ore (Viola Ultima ora, Rosse ultime 24 ore, Arancio ultime 48 ore)

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

Terremoti Tempo Reale 4.0 o Superiori

Scosse Globali in tempo reale ultime 24 ore

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

AdBolck vari ci uccidono 🙂

Immagine Scosse Riportate nell'Ultima Ora

Scosse Ultima Ora Europa

Immagine Scosse Riportate nelle Ultime 24 Ore

Immagine Scosse Riportate nella Ultima Settimana

Immagine Scosse Riportate nella Ultime 2 Settimane

Linee di Trasferimento di Pressione Punti di Scosse Profonde

Linee di Trasferimento di Pressione Punti di Scosse Profonde

Dutchsinse Previsione Terremoti Italia

DNit Telegram Channel

Aggiornamento 30 Dicembre – DNIt

L’immagine della parte del pianeta che ci riguarda mostra sul margine est una serie di ‘spilloni’ sulla M4 che rappresentano le scosse profonde avvenute nel Pacifico Occidentale, tutte sui 400 km di profondità e sono avvenute negli ultimi due giorni, tra circa una settimana questa spinta raggiungerà l’Europa.

Nel frattempo l’onda precedente ha provocato numerosi movimenti durante il suo transito sia nell’Hindukush che in Iran, in ambedue le zone si sono verificate scosse sulla M5 questo pomeriggio.

Più a ovest vediamo dei movimenti nel Mar Rosso, causati dal transito della forza proveniente dall’Oceano Indiano che ha causato dei movimenti sulla M4 nei giorni scorsi. Anche in Turchia si sono verificate delle scosse e la più forte è di ieri di M4.4 questa scossa è utile per determinare i punti intermedi lungo le linee di transito della forza, uno sembra essere la zona di Cipro.

In tutta Europa la magnitudo prevalente è la M3, i movimenti si sono verificati nelle zone che erano silenziose e di cui abbiamo parlato in precedenza, aspettiamo quindi come sempre l’arrivo di questa nuova onda dovrebbe essere sulla M3 alta fino alla 4 in Grecia e Albania e sulla M3 in Italia e le altre direttive europee.

Scosse 29-30 Dicembre 2019

Scosse 29-30 Dicembre 2019

Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 27 Dicembre – DNIt

L’immagine di questo aggiornamento mostra le scosse di M3 e superiori avvenute negli ultimi tre giorni, si nota come gli effetti del grande movimento profondo in Afghanistan non sono ancora terminati, l’Iran è ancora sotto pressione e una scossa di M5.1 si è verificata questa mattina.

Dopo circa 4 ore da quest’ultima scossa si nota una scossa del ‘Club 4.9’ quindi di M5, avvenuta in Turchia occidentale, accompagnata una serie di movimenti sulla M3 in tutta la Turchia e il Mediterraneo occidentale.

Più a ovest l’Europa Meridionale continua a essere scossa dia movimenti sulla M3 un po’ ovunque anche se tutti questi movimenti risalgono a ieri, è probabile che vedremo un leggero aumento della magnitudo fino alla M4 nelle zone che sono rimaste in silenzio neglio ultimi giorni. In Italia i movimenti sulla M3 si sono verificati ieri nella zona di Norcia.

Zone di silenzio 27 Dic. 2019

Zone di silenzio 27 Dic. 2019

Infine la spinta dei giorni precedenti si è, come sempre succede, riaccumulata dei punti di rilascio finali nel Nord Atlantico con scosse fino alla M5 alle Azzorre.

Abbiamo visto come in quest’ultima onda sismica, da cui non siamo ancora completamente affrancati, abbia rilasciato gran parte della forza lungo in Mediterraneo evitando di interessare il Nord Europa.

Vedremo come si comporterà questa seconda spinta sempre di Magnitudo tra M3 e M4 una volta giunta in Europa, è probabile che interesserà le zone rimaste silenziose, Romania poi più a nord est, la parte nord dell’Italia e della ex Iugoslavia.

Scosse 25-27 Dicembre 2019

Scosse 25-27 Dicembre 2019

Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 23 Dicembre – DNIt

L’immagine mostra le scosse sopra la M3 dopo il movimento di M6.1 in Afghanistan, avvenuto in una regione estremamente montuosa e bellissima a nord della Valle del Panshir chiamata Badakhshan.

Come sempre succede abbiamo visto dei movimenti sulla M5 in Iran, più a ovest di dove avevamo pensato, nella zona della Turchia orientale una scossa sulla M4 si è verificata nel punto di silenzio identificato e altri movimenti sulla M4 si sono avuti nella zona delle Isole Greche.

Tutto questo mostra come dalla M6 si sia passati alla M5 poi alla M4 e quindi è probabile che ora vedremo dei movimenti sulla M3 nelle solite 3 direttive, Europa dell’Est inizialmente in Romania, poi nella Penisola Balcanica e in Italia. Qui la zona di silenzio è al nord, potenzialmente a ovest.

Scosse 22-23 Dicembre 2019

Scosse 22-23 Dicembre 2019

Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 21 Dicembre – DNIt

L’immagine di oggi mostra come la spinta da est si sia manifestata solo ad ovest del Golfo Persico, per ora lasciando l’Iran indisturbato, con una prima serie di movimenti nei primi punti di fulcro che avevamo identificato ieri. L’entità delle scosse si è mantenuta sulla M3 ed ha percorso tutta l’Europa fino alle Azzorre e il Nord Atlantico transitando sulle coste del Nord Africa.

Difficile che questo sia tutto dopo la scossa profonda di ieri, sembrerebbe piuttosto il risultato di una potentissima spinta sulla placca che si è ‘mossa’ nella sua interessa, questo era solo il giorno 1.

Scosse 20-21 Dicembre 2019

Scosse 20-21 Dicembre 2019

Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 20 Dicembre – DNIt

Oggi inizieremo da est, le onde sismiche viaggiano da est a ovest e nel nord dell’Afghanistan oggi si è verificata una scossa profonda a 201 kn di M6.1. L’origine di questo forte movimento è dalle innumerevoli scosse profonde avvenute nel Pacifico Occidentale nell’ultima settimana, noi le aspettiamo dopo il buco nero di Russia e Cina.

Oltre alla scossa profonda, che aggiunge circa 1/2 unità di magnitudo alla spinta verso la superficie, si aggiungono anche, nella stessa zona, numerose scosse di M4 altà. Tutto questo fa presagire delle scosse molto forti verso occidente, probabilmente la tempistica è leggermente allungata, data la scossa profonda, generalmente fino a 10 giorni.

Lo stato di allerta inizia dall’Iran sud-orientale, al confine con Pakistan e Afghanistan, questo sembra essere il primo punto di fulcro verso occidente, ma non è detto che venga rispettato alla lettera chiaramente. Qui in ogni caso la massima forza che potrebbe avere questa scosse è sulla M6 media.

Guardando l’immagine si nota anche un’altra zona lungo il confine delle placche e va da Cipro fino alla Turchia orientale, qui potremmo vedere un movimento sulla M5.

In Europa il movimento in questi ultimi giorni è stato incessante, tutte le zone che sono lungo fratture o linee di confine delle placche hanno visto movimenti di M3 medio alta fino alla M4 medio alta, ovunque; definire quindi le zone di silenzio in Europa ora è abbastanza complicato, aspetteremo prima di vedere i movimenti a monte.

Scosse 15-20 Dicembre 2019

Scosse 15-20 Dicembre 2019

Previsione Terremoti Italia

Scosse M3 e Superiori 15-20 Dicembre 2019

Scosse M3 e Superiori 15-20 Dicembre 2019 – L’immagine della parte del pianeta su cui ci troviamo mostra l’intensissimo movimento in atto, e che ci aspetta; come dice Dutch per capire i movimenti basta immaginare le placche tettoniche come le lastre di ghiaccio rotte sulla superficie di un lago, se si crea un movimento da sotto alla fine tutte si muoveranno e la spinta transiterà lungo le direttive con minore resistenza, ossia le ‘spaccature’ tra le lastre (corrispondenti ai confini delle placche), nelle parti centrali i movimenti saranno molto minori o inesistenti.

Aggiornamento 16 Dicembre – DNIt

Nella giornata di oggi si stanno verificando numerose e significative scosse nella zona che da un po’ di tempo era al centro dell’attenzione in quanto rimasta silenziosa per parecchio. Durante l’onda sismica precedente abbiamo visto come la pressione in transito lungo la linea di confine delle placche (la linea bianca che nelle immagini scorre lungo l’Italia) abbia provocato delle scosse principalmente sulla costa est dell’Adriatico.

Scosse Asia 14 Dicembre 2019

Scosse Asia 14 Dicembre 2019

Circa due giorni fa, (non abbiamo fatto il report per mancanza di tempo) nella zona dell’Hindukush e più a est, abbiamo visto questa serie di movimenti potenzialmente sulla M5; questa era la spinta che ha iniziato ad arrivare in Europa oggi.

Ieri abbiamo visto movimenti nel Caucaso, in Albania, in Ungheria mente la zona si silenzio in Italia all’altezza del Gargano ha subito un lieve movimento sulla M2. Sempre ieri abbiamo anche avuto una serie di scosse in Francia e Spagna, oltre che un movimento sulle coste Africane vicino alla M4, quest’ultimo sembra essere la spinta provocata dalla scossa profonda nel Tirreno che si è mossa lungo l’altra linea di confine delle placche Europea e Africana. Le Azzorre anch’esse hanno visto l’arrivo della forza con molte scosse vincine alla M4.

Torniamo a oggi, la spinta della nuova onda ha raggiunto la Grecia e precisamente alle Isole Ionie, con una scossa di M4.7, e poi quasi in contemporanea l’Italia e questa volta il punto di fulcro tra tutti i movimenti scorsi non ha potuto non subire la pressione e il rilascio è avvenuto con un lungo sciame la cui forza massima ha sfiorato la M4.

Anche l’Islanda, che ha visto sporadici movimenti nonostante il tumulto in Europa Centrale, ha infine visto l’arrivo di una serie di scosse che, anche queste come quasi ovunque, hanno sfiorato la M4.

Previsione Terremoti Italia - Scosse 15-16 Dicembre 2019

Scosse 15-16 Dicembre 2019

Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 12 Dicembre – DNIt

Continuano i movimenti significativi in Europa, nella zona del Mediterraneo tra Creta e Rodi ancora una scossa riportata di M5.1, questo fa pensare che la spinta verso ovest stia continuando.

In Croazia e in Bosnia abbiamo visto i movimenti previsti anche se sulla magnitudo M3 e M2 rispettivamente. Altri movimenti si sono verificati in Romania, M3.6 e sulle coste dell’Algeria orientale di M3.2. In Italia, dopo la scossa profonda sulla M3 davanti alle coste della Calabria non ci sono stati movimenti. Rimane l’allerta per una possibile scossa che potrebbe raggiungere la M4 nell’area che nell’immagine sotto mostra come zona di silenzio nel centro-sud Italia.

Da riportare anche che l’onda sismica nel suo transito verso i punti di rilascio finali nel Nord Atlantico ha provocato dei movimenti al largo della Norvegia, di M3.4 in una zona di frattura, e nelle vicinanze del Polo Nord di M4.7, zona in prossimità del supervulcano sottomarino.

Previsione Terremoti Italia - Scosse Europa 10-11 Dicembre 2019

Scosse Europa 10-11 Dicembre 2019

Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 11 Dicembre – DNIt

Aggiornamento –  24:00 – Avevamo dimenticato la terza possibilità, che la pressione si spingesse verso le coste del Nord Africa, la scossa è stata sulla M3 bassa. Vederemo l’evoluzione.

—————————————

Ieri abbiamo visto una scossa abbastanza forte, superiore alla M5, nella zona tra Creta e Rodi, questo movimento ci da l’entità della spinta verso ovest che interesserà l’Europa e poi l’Atlantico.

Nel Nord Atlantico il 9 Dicembre, il giorno prima della scossa nel Mediterraneo, si è verificata una scossa gemella, a testimonianza che tutta la placca sta subendo una forte pressione, probabilmente originatasi dalle numerose scosse profonde dei giorni scorsi nel Pacifico Occidentale.

Oggi il movimento più significativo è stato un M4.8 nell’Egeo Centrale. In Italia la situazione sembra complessa, il sud è la zona che negli ultimi giorni ha visto minori movimenti e infatti, nel Tirreno del sud, si è verificata una scossa profonda di M3.4 a 311 km. Questa spinta verso la superficie superiore a M4 è possibile che vada a sommarsi a quella dal Mediterraneo creando le condizioni per una scossa superficiale sulla M5, il centro-sud Italia lungo il confine delle placche sembrerebbe essere la zona possibile; è anche però eventuale che la scossa si verifichi dall’altra parte dell’Adriatico, Bosnia e Croazia, zona che fino ad ora non ha visto movimenti nonostante la prossimità con l’Albania.

Come sempre succede potremmo anche vedere una serie di scosse diffuse di magnitudo minore lungo tutta la linea. La tempistica dovrebbe essere entro un paio di giorni.

Previsione Terremoti Italia - Scosse Europa 11 Dicembre 2019

Scosse Europa 11 Dicembre 2019

Previsione Terremoti Italia

Aggiornamento 9 Dicembre – DNIt

La situazione in Europa è molto complessa, la spinta da est è pressoché continua, abbiamo vesto nei giorni scorsi un’oda sulla M4 attraversare l’Europa per dirigersi ai punti di rilascio finale nell’Atlantico quando altri movimenti sulla M4 continuano a Creta e in magnitudo minore in Albania. A questi si andrà ad  accodare quella che sembra una spinta minore, sulla M4, che probabilmente sarà sulla M3 media una volta in Europa.

In Italia in nottata ci sono stati altri movimenti sulla M3 al centro, zona che ha catalizzato tutti i rilasci in Italia in questi ultimi giorni mentre in Francia e sui Pirenei stiamo vedendo le scosse che ci aspettavamo.

Nell’immagine sotto si nota come le scosse con anelli bianchi si vadano a posizionare sistematicamente nei punti intermedi, in Italia la zona della Calabria e dall’estremo nordest fino alla Slovenia, potrebbero vedere dei movimenti sulla M3 con l’arrivo della nuova spinta. Molta calma anche in Polonia e Germania, zone che potrebbero vedere dei movimenti a breve sulla M2 alta fino alla M3.

Previsione Terremoti Italia - Scosse 8-9 Dicembre 2019

Scosse 8-9 Dicembre 2019

Previsione Terremoti Italia

Dutchsinse Previsore di Terremoti

Dutchsinse è una persona, Michael Janitch (di St. Louis Missouri), uno scienziato indipendente che sta studiando e insegnando temi legati alla geofisica. I suoi studi sono noti per essere controversi e provocatori.

Pillole Disclosure News Testata

 

Un Fiore

Quando ti piace un fiore lo cogli. Ma quando ami un fiore, lo annaffi tutti i giorni.  

Buddha

 

Web Hosting

 

Fai una Donazione in Bitcoin

1NrkczypToK9xZAY26nyAn8UEC127cgPk8

 

  • Supporto Italia per il Costo del Server 2020 – 3200 € 2% 2%
Acquista la Tua Pietra Cintamani

Sostieni Disclosure News Italia

Ci stiamo impegnando molto per mantenere questo blog e ci lavoriamo ogni giorno, cerchiamo e traduciamo articoli ma ne pubblichiamo anche di nostri. Come voi siamo alla ricerca della verità. Se volete collaborare con noi siete i benvenuti, scriveteci! Le spese del blog sono a nostro carico, la pubblicità ci rimborsa in modo molto marginale quindi se vi piace il nostro lavoro e lo trovate utile offriteci un caffè cliccando sul bottone di donazione con PayPal. Ci serve l’aiuto di gente come te!

Pin It on Pinterest