Risonanza Schumann Oggi

Risonanza Schumann Oggi

22 Marzo 2019 – 17:00 UTC

Risonanza Schumann Oggi. Cercheremo di mantenervi aggiornati sulle variazioni della Risonanza con questa pagina Risonanza Schumann Oggi. Le grandi variazioni che nessuno sa spiegare con precisione ma che ci danno un chiaro segno che il Pianeta sta cambiando. La Terra sta risuonando sempre più in alto, così come noi!   Fonte RS Frequenza Base 7.83 Hz.  RS Picchi di Oggi:

  • 22/3 – Come ieri anche oggi abbiamo avuto due picchi minori a 15 Hz, il primo alle 6 e il secondo alle 8 UTC, per il resto delle ultime 24 ore è stata pressoché calma piatta.
  • 21/3 – Una giornata di calma, gli unici due picchi che vengono riportati sono stati a 15 Hz e si sono verificati attorno alle 7, durato circa 1 ora, e alle 9:30 UTC.
  • 20/3 17:00 – Non molto da aggiungere al report precedente, come prevedibile l’attività si è calmata, vedremo ora se il modello si ripeterà, anche in funzione dell’Equinozio e di altri eventi che stanno accadendo dietro le quinte. La Terra non solo un pezzo di roccia nello spazio e la Risonanza Schumann non è solo una frequenza, sapremo tutti di più tra non molto.
  • 20/3 10:00 UTC – Il grafico di oggi mostra un modello che abbiamo già visto molte volte in precedenza, un graduale aumento dell’ampiezza della frequenza che spesso ha portato a forti picchi. Nei giorni riportati si nota il passaggio dai 13 Hz del 18 Marzo ai 30 Hz del pomeriggio UTC del 19 Marzo al picco di 35 Hz avvenuto alle 1 UTC di oggi.
  • 19/3 – Questo grafico fa ancora impressione, la parte di bianco totale di due giorni fa è assolutamente massiccia. In ogni caso, anche se le ultime 48 ore sembrano poca cosa confronto al 17 Marzo una certa attività è rimasta “latente”. Oggi abbiamo visto un leggero costante aumento, dall’iniziale ampiezza di 15 Hz alle 4 UTC fino ad arrivare ai 30 Hz alle 14 UTC.
  • 18/3 – Lieve attività da riportare oggi, i picchi hanno raggiunto i 15 Hz e si sono verificati dell’arco di tempo che va dalle 3 alle 11 UTC.
  • 17/3 – Sono state 24 ore di Bianco Totale, un’attività massiccia che ha visto dei picchi stratosferici a 150 Hz e molti altri a 120 Hz. E’ abbastanza evidente che qualcosa sta accadendo, l’Energia sul Pianeta è notevole e stiamo entrando in tutto e per tutto nella Fascia Fotonica di Alcyone, il sole delle Pleiadi, che contraddistingue l’Era dell’Acquario. Vedremo certamente altri picchi di attività come questo mentre ci avviciniamo sempre di più alle nuove fasi evolutive.
  • 16/3 17:17 UTC – In queste ultime ore, dal nostro aggiornamento precedente, è stato bianco totale, una fortissima attività che come abbiamo detto è iniziata alle 12:30 UTC a 130 Hz. Dopo questo potente picco per le ore successive fino ad ora l’ampiezza della RS non è mai andata sotto i 50 Hz. Un’latro picco rilevante è avvenuto alle 15:45 UTC e ha raggiunto circa 90 Hz. L’attività sembra decisamente continuare, aggiorneremo più tardi.
  • 16/3 13:00 UTC – Fortissima attività in corso, nelle ultime 24 ore ci sono stati vari picchi isolati ma in questo momento sono in atto delle variazioni di ampiezza massicce. Il primo picco è stato alle 21 UTC di ieri sui 30 Hz, il secondo significativo ha raggiunto 69 Hz circa alle 1 UTC e in questo momento, alle 12:30 UTC, un potente picco ha raggiunto i 130 Hz.
  • 15/3 – Il terzo giorno di rilevazioni che vengono riportate sul grafico come “ondeggianti”. Il picco di oggi ha raggiunto i 30 Hz. alle 4 UTC.
  • 14/3 – Anche oggi un picco significativo che ha superato di i 40 Hz, raggiungendo 43, poco dopo le 6 UTC. Un secondo picco minore poco sopra i 20 Hz si è verificato alle 9 UTC.
  • 13/3 – Una giornata di relativa calma se non fosse per le misurazioni che hanno generato uno strano grafico. Ancora una volta è difficile capire, sembra che le ampiezze misurate sulle varie frequenze abbiano dati misurazioni diverse, come nel caso dei Picchi Differenziali della settimana scorsa.
  • 12/3 – Sembra che ancora una volta stiamo andando verso un graduale aumento dell’attività, ieri due picchi, oggi due picchi ma più potenti. Il primo è stato alle 6 UTC e ha raggiunto i 43 Hz. il secondo alle 8 UTC ha raggiunto i 40 Hz.
  • 11/3 – Dopo praticamente tre giorni di calma oggi abbiamo una nuova serie di picchi, non potentissimi ma significativi. I due picchi maggiori hanno raggiunto circa 37 Hz. e si sono verificati in successione, il primo alle 9 UTC e il secondo alle 10:30 UTC. Questi due picchi sono stati anticipati da un graduale aumento dell’attività qualche ore prima, dalle 00 UTC, dove sono stati registrati picchi attorni ai 15 Hz.
  • 10/3 – Una giornata di calma, da riportare un picco moderato a 17 Hz. alle 6:30 UTC.
  • 9/3 – Calma.
  • 8/3 – Oggi una giornata in cui riprendere fiato, solo alcuni picchi moderati che però anche oggi vengono misurati in modo non uniforme dai vari rilevatori, come nel caso dei Picchi Differenziali di qualche giorno fa. Probabilmente la scarsa ampiezza non ha provocato quelle strane curve che abbiamo visto allora. 
  • 7/3 17:17 – Un ulteriore picco ad aggiungersi al rapporto precedente, ha raggiunto i 20 Hz. alle 15:30 UTC.
  • 7/3 8:50 UTC – Beh, sapevamo tutti che ci aspettavano giorni di grande movimento ed eccone uno; senza sosta dall’ultimo report l’aumento dei movimenti è stato notevole con questo massiccio picco a 89 Hz. a circa le 8 UTC. E’ stato preceduto in nottata alle 3:30 UTC da un’altro forte a 50 Hz. Si ha il sentore che probabilmente possa continuare in questo modo fino all’Equinozio di Primavera.
  • 6/3 – Dopo il picco a 61 Hz. che abbiamo riportato nel precedente aggiornamento di oggi l’attività non si è fermata, un’ulteriore movimento a circa 30 Hz. si è verificato alle 7:30 UTC. In seguito, alle 13:45 e alle 16:45 UTC, altri due picchi relativamente minori sui 20 Hz. I periodi di calma non sono stati molti nell’ultima settimana come si può vedere nell‘archivio.
  • 6/3 09:09 UTC – In una giornata che è iniziata con calma dopo una lunga sequenza di giorni molto movimentati, a ricordarci che qualcosa di grosso potrebbe essere in atto a livello planetario, un potente picco, durato quasi un’ora, si è verificato questa mattina tra le 6 e le 7 UTC. Il suo massimo è stato 61 Hz.
  • 5/3 – Una giornata di bassa attività ma non di calma, i picchi sono stati leggermente inferiori a ieri in quanto ad ampiezza ma inferiori in quanto a numero. Il picco maggiore ha raggiunto 25 Hz. alle 1:30 UTC. Per tornare ai Picchi Differenziali, nel grafico delle Dipendenze si può notare come ci sia una uniformità di rilevamento, cosa che non è avvenuta il 3 Marzo.
  • 4/3 – Pochi picchi oggi, che sono comunque stati non eccessivi, il primo alle 17 UTC di ieri a 24 hz. Il secondo sempre ieri alle 23 UTC ha sfiorato i 30 Hz. così come l’ultimo della serie alla 9:30 UTC. Gli altri movimenti sono stati leggeri anche se viene mostrata una sorta di “pressione”.
  • 3/3 – Secondo P1 quello che abbiamo visto oggi e riportato sotto sono Picchi Differenziali. Probabilmente il picco differenziale avviene quando su una stessa frequenza di risonanza avvengono delle differenze simultanee di ampiezza. Questa è una nostra interpretazione di cui però ignoriamo il significato. Vedi link sotto.
  • 3/3 – Un giornata movimentata, gli insoliti segni che vediamo sul grafico sono stati probabilmente causati da dei segnali di ampiezza di frequenza che non sono stati registrati da tutti i rilevatori. Spiccano nelle ultime 24 ore vari picchi: il primo, rilevato da un ricevitore alle 4:45 UTC a 24 Hz; il secondo alle 5:50 UTC a 29 Hz; il terzo alle 24 UTC a 15 Hz; il quarto e ultimo rilevato da tutti 4 i ricevitori a 28 Hz.
  • 2/3 – Dopo una lunga sequenza di gironi di forte attività e prima di una probabile ulteriore serie di picchi, oggi è stata una giornata di calma. Nullo di significativo ma se volessimo trovare qualcosa il picco di oggi è stato a 15 Hz. alle 11 UTC.
  • 1/3 – Oggi si è verificato un unico picco significativo, a 50 Hz. alle 8:30 UTC, il resto delle ultime 24 ore ha visto della attività che non ha raggiunto, nei suoi massimi, i 20 Hz.
  • 28/2 – Il movimento del giorno è stato senza dubbio il massiccio picco a 85 Hz. avvenuto questa mattina alle 7:30 UTC, è stato preceduto circa un’ora prima da un picco minore a 20 Hz. Per il resto della giornata solo attività minore con delle puntate sui 20 Hz. all’inizio del grafico di oggi. 
  • 27/2 – Non possiamo chiamarla una giornata di massiccia attività ma sicuramente è stata abbastanza forte. Dopo il pilastro bianco di ieri, alle 19 UTC è nuovamente iniziata l’attività con alcune ore durante le quali l’ampiezza media è stata sui 30 Hz. Dopo questo periodo i movimenti sono calati in intensità per proporre poi un picco molto forte a 64 Hz. alle 9 UTC. Dopo questo nuovamente un calo con ampiezze al disotto di 20 Hz.
  • Abbiamo aggiunto un nuovo grafico sotto che mostra gli Hertz se nel grafico principale supera i 40. Cercheremo di pubblicarlo giornalmente.
  • Frequenza significa quanti cicli ondulatori si verificano in un secondo, 1 Hz. significa 1 ciclo al secondo, 40 Hz. significa 40 cicli al secondo, L’Ampiezza è la dimensione della vibrazione, quanto è grande l’onda, il grafico mostra la variazione di frequenza in Hz e l’ampiezza usando il colore bianco.

Il grafico è basato sull’orario di Tomsk – Russia – UTC +7

Note

Gli antichi indiani Rishis chiamavano 7.83 Hz la frequenza di OM. È anche il ritmo naturale di Madre Terra, Le Risonanze Schumann prendono il nome professore Schumann che è stato coinvolto nei primi mesi del Programma Spaziale Segreto Tedesco e fu poi paperclipped negli Stati Uniti. Le frequenze di Risonanza Schumann sono piuttosto stabili e sono prevalentemente definite per le dimensioni fisiche della cavità ionosferica. L’ampiezza delle risonanze Schumann non cambia ed è più grande quando il plasma ionosferico viene eccitato. L’eccitazione del plasma ionosferico accade a causa dell’attività solare, temporali, uso di Armi Scalari al Plasma e HAARP e ultimamente anche quando le Forze della Luce compensano l’anomalia plasmatica.

Dipendenze dell'ampiezza della Risonanza Schumann

Dipendenze dell’ampiezza della Risonanza Schumann 21 Marzo 2019

Risonanza Schumann Picchi Differenziali

Risonanza Schumann Archivi PDF

Archivio Immagini

Tutte le Immagini Giornaliere

Space Weather DNI

Web Hosting

Spiegazione del Grafico Risonanza Schumann

Il Grafico Spettrografico della Risonanza

Il Grafico Spettrografico della Risonanza mostra i dati del rilevatore di campi magnetici per monitorare le risonanze che si verificano nelle onde del plasma che circondano costantemente la terra nella ionosfera. Questi spettrogrammi di tre giorni mostrano l’attività che si verifica alle varie frequenze di risonanza da 1 a 40 Hz. All’interno dello spettrogramma, la potenza o il livello di intensità di ciascuna frequenza viene visualizzato come un colore, con il bianco più intenso. Le risonanze di Schumann appaiono come linee orizzontali a 0.0, 4.0, 8.0, 12.0, 16.0, 20.0, 24.0, 28.0, 32.0, 36.0 e 40.0 Hz. Questo grafico si basa sull’ora di Tomsk, Russia, UTC +7 (UTC = Universal Time Coordinated).

Cos’è uno Spettrogramma?

Lo Spettrogramma è una rappresentazione visiva della gamma di frequenze nel campo magnetico in una determinata posizione. Simile a come un equalizzatore visualizza il contenuto in frequenza della musica riprodotta sullo stereo, lo spettrogramma visualizza il contenuto in frequenza di un campo magnetico. Invece di mostrare una breve istantanea, mostra le modifiche su un periodo di tempo, in questo caso 3 giorni.

Il campo magnetico locale è un campo dinamico che cambia costantemente a causa delle variazioni della ionosfera e del Sole e di molte altre influenze non ancora pienamente comprese. L’intervallo di variazione visualizzato nel grafico a spettrogramma va da 0 a 40 cicli al secondo. L’asse verticale è la frequenza e l’asse orizzontale è il tempo. L’ampiezza di una particolare frequenza in un momento specifico è rappresentata dall’intensità del colore (verde, giallo, bianco) di ciascun punto dell’immagine

Ciclo RisonanzaSchumann

Cos’è La Risonanza Schumann?

Per la prima volta la Risonanza Schumann ha superato 36 Hz

Punto Magnetico di Divergenza

La pressione della forza applicata al campo energetico planetario

Il Nucleo del Campo Magnetico Terrestre

Il Nucleo del Campo Magnetico Terrestre si Sta Spostando.

Pillole Disclosure News Testata

Consenso

Nessuno può farti sentire inferiore senza il tuo consenso.  

Eleanor Roosevelt

Fai una Donazione in Bitocoin

1NrkczypToK9xZAY26nyAn8UEC127cgPk8

  • Supporto per il Costo del Server 2019 - 2400 € 68% 68%
Acquista la Tua Pietra Cintamani

I click sulle pubblicità ci tengono in vita 🙂

Sostieni Disclosure News Italia

Ci stiamo impegnando molto per mantenere questo blog e ci lavoriamo ogni giorno, cerchiamo e traduciamo articoli ma ne pubblichiamo anche di nostri. Come voi siamo alla ricerca della verità. Se volete collaborare con noi siete i benvenuti, scriveteci! Le spese del blog sono a nostro carico, la pubblicità ci rimborsa in modo molto marginale quindi se vi piace il nostro lavoro e lo trovate utile offriteci un caffè cliccando sul bottone di donazione con PayPal. Ci serve l'aiuto di gente come te!

Pin It on Pinterest