Reinventare il Sistema Bancario Russia Islanda Ecuador

Reinventare il Sistema Bancario Russia Islanda Ecuador

Gli sviluppi mondiali nel campo della finanza e della geopolitica stanno spingendo verso una forte revisione della struttura bancaria e del modo in cui vengono gestiti i soldi. Questi alcuni nuovi punti salienti:

  • In Russia, in seguito alle sanzioni Occidentali, ci sono state delle proposte per un sistema bancario che non sia solo indipendente da quello Occidentale ma che sia basato su principi diversi.
  • In Islanda, il botto ed il crollo culminati con la crisi del 2008-2009 ha spinto i legislatori a creare un piano che tolga i poteri di creare denaro alle banche private.
  • In Irlanda, Islanda e Regno Unito una recessione indotta in modo da creare carenza di denaro per il credito locale ha spinto la proposta di cerare banche di interesse pubblico come la Sparkassen in Germania.
  • In Ecuador la Banca Centale, in risposta alla carenza di Dollari Americani (la moneta ecuadoriana ufficiale) ha risposto introducendo Dollari Digitali per mezzo di conti correnti a cui ognuno ha accesso creando effettivamente una banca della gente.

Gli Sviluppi in Russia

In un articolo di Novembre 2015 intitolato Russia Debates Unorthodox Orthodox Financial Alternative William Engdahl scrive:

Un significativo dibattito è in corso in Russia da quando sono state imposte le sanzioni alle banche ed alle corporazioni nel 2014. Si discute della proposta presentata dal Moscow Patriarchate of the Orthodox Church. La proposta, che ricorda il modello Islamico ossia un sistema bancario privo di interessi, è venuta alla luce nel Dicembre 2014 nel pieno della crisi del Rublo ed il crollo del prezzo del petrolio. Questo Agosto la proposta ha ricevuto il benestare della Camera di Comemrcio e dell’Indistria Russa. Questo potrebbe cambiare la storia in meglio in relazione al modo in cui sarà attuata e portata avanti.

Enghdal fa notare che le sanzioni deliberate dalla US Treasury nel 2014 ha costretto ad un ripensamento da parte di intellettuali e funzionari russi. Come la Cina anche la Russia ha sviluppato un sitema di scambio interbancario alternativo allo SWIFT e sta pensando ad una completa ristritturazione del sistema bancario. Enghdal scrive:

Come il sistema bancario Islamico, che vieta l’usura, il Sistema Finanziario Ortodosso non permetterà interessi sui mutui. I partecipanti al sistema si assumono i rischi, le perdite ed i profitti. Un comportamento speculativo è proibito… Ci sarà una nuova banca a basso rischio o una organizzazione che controllerà tutte le transazioni, i fondi di investimento e le compagnie che forniscono o fanno da mediatrici… La priorità sarà di assicurare il reale finanziamento all’economia reale…

Nel Settembre 2015 Sergei Glazev, uno dei consulenti economici di Putin, ha presentato una serie di proposte economiche al Presidente del Consiglio di Sicurezza che prospetta cambiamenti radicali all’orizzonte. Il piano focalizza sulla riduzione della vulnerabilità alle sanzioni Occidentali, al raggiungimento di una crescita a lungo termine ed alla sovranità economica. Particolarmente interessante è la proposta di prestiti mirati per attività ed industrie fornendo mutui a basso interesse, 1-4%, finanziati dalla Banca Centrale attraverso il quantitative easing (creazione di moneta digitale). La proposta è di immettere 20 miliardi di Rubli a questo scopo in un epriodo di cinque anni. Questa proposta fa eco a quella di Jeremy Corbin nel Regno Unito di attuare una quantitative easing per la gente. William Enghdal conclude che la Russia è in “un affascinante processo di ristrutturazione di ogni aspetto della sua sopravvivenza economica come affetto reale dell’attacco occidentale,” un attacco che “può produrre una molto sana trasformazione alla larga da difetti mortali” del corrente sistema bancario.

Il Radicale Modello Monetario Islandese

Anche l’Islanda sta guardando ad una trasformazione radicale del sistema finanziario dopo avere subito il botto/crollo nel 2008 del modello privato finito in bancarotta. Secondo un articolo dell’UK Telegraph di Marzo 2015

Il Governo Islandese sta considerando una proposta monetaria rivoluzionaria: togliere il potere alle banche commerciali e darlo in mano alla Banca Centrale. La proposta, che può essere una pietra miliare nella storia della finanza moderna, è parte di un report scritto da un legislatore del centrista Parito Progressista, Frosti Sigujonsson, intitolato Un miglior sistema sistema monetario per l’Islanda. Le conclusioni saranno un contributo importante per le discussioni a venire, qui ed altrove, sulla creazione del denaro e sulla politica monetaria. Ha detto il Primo Ministro Sigmundur David Gunnlaugsson. Il report, commissionato dal premier, cerca di mettere fine ad un sistema monetario messo in piedi attraverso un ripetersi di crisi finanziarie, inclusa quella del 2008.

In questa proposta di Moneta Sovrana la Banca Centrale della nazione diventerà l’unica creatrice di moneta. Le Banche continuarenno ad avere il controllo dei conti correnti e dei pagamenti con la funzione di intermediario fra risparmiatori e prestatori di denaro. La proposta è una variante del Kumhof and Benes del FMI e del gruppo Positive Money nel Regno Unito.

Iniziative di Banca Pubblica in Islanda GB e Irlanda

Un preoccupazione nel togliere alle banche private il potere di creare denaro quando effettuano prestiti è che ridurrà sensibilmente la disponibilità di credito in una situazione economica già ristagnante. Una soluzione è di fare divenire queste banche, o alcune di loro, delle istituzioni pubbliche. Potranno ancora creare denaro prestando soldi ma come agenti del Governo ed i profitti saranno disponibili per uso pubblico, sul modello della Us Bank of North Dakota e della tedesca Sparkassen. In Irlanda tre partiti politici, Sinn Fein, il Green Party e Renua Ireland (un nuovo partito) sono ora a favore di iniziative per una rete pubblica di banche sul modello Sparkassen. In Gran Bretagna la New Economic Foundation propone che la craccata Bank of Scotland sia trasformata in una rete di banche pubbliche sempre sullo stesso modello. In Islanda il sistema banca pubblica è parte della piattaforma di un nuovo partito politico chiamato Dawn Party.

Il Dinero Electronico in Ecuador: Una Moneta Nazionale Digitale

Fino ad ora le revisioni del sistema bancario sono solo proposte ma in Ecuador è in atto una effettiva trasformazione del sistema. Dal 2000, quando l’Ecuador ha accettato ad usare il Dollaro USA come moneta ufficiale del paese, ha ricevuto una iniezione di cartaccia per attuare gli scambi commerciali. Per ottenere una vera efficienza nel sistema dei pagamenti, per promuovere e contribuire ad una stabilità economica del paese il Governo del presidente Rafael Corea ha lanciato la prima moneta digitale al mondo. Differentemente da Bitcoin ed altre divise private (crypto-currencies che sono state bandite dal paese) il Dinero Electronico Ecuadoriano è sostenuto ed operato dal Governo. La divisa digitale Ecuadoriana è basata sul telefono portatile (modeli economici, non smartphones) per i suoi scambi e pagamenti. Le banche centrali Europee hanno generato moneta digitale per i loro scambi interbancari, non disponibile al pubblico. In Ecuador ogni persona qualificata può avere accesso ai conti della banca centrale ed aprire facilmente un conto e cambiare la moneta cartacea in quella digitale residente nel proprio telefono. Le banche Ecuadoriane ed altre istituzioni finanziarie a Maggio 2015 sono state costrette ad adottare per legge ed entro un anno i pagamenti digitali facendoli così diventare dei macro-agenti del Sistema Monetario Elettronico. Secondo l’Assemblea Nazionale:

La Moneta Elettronica stimolerà l’economia; sarà possibile attrarre più cittadini Ecuadoriani, specialmente quelli che non hanno conti correnti bancari o assegni o carte di credito. La moneta elettronica sarà supportata da disponibilità finanziaria della Banca Centrale dell’Ecuador.

Questo significa che non ci sarà più timore che la banca fallisca, di bank-runs o bail ins e nemmeno l’eventualità che la moneta elettronica possa essere svalutata da speculazioni a breve termine. Il governo ha dichiarato che lo scambio elettronico con il dollaro sarà di 1:1, prendere o lasciare. Secondo un articolo di Ottobre 2015 Ecuador’s Digital Currency Is Winning Hearts! la moneta sta avendo un grande successo e altri paesi dell’America Latina e dell’Africa non sono molto dietro. Il Presidente dell’Associazione Banchieri Privati dell’Ecuador osserva che la moneta elettronica potrebbe essere usata per finanziare i debito pubblico. Il Governo insiste comunque che questo non sarà fatto e dice:

L’abbiamo fatto come Governo perché vogliamo che sia un prodotto democratico. In altri paesi la moneta digitale è fornita da privati, ed è costosa, ci sono ostacoli per entrare, spese se trasferisci denaro. Quello che abbiamo qui è qualcosa che chiunque può usare indipendentemente dall’operatore telefonico che usano.

Il Sistema Bancario si Muove Verso il 21° Secolo

I fallimenti catastrofici del sistema bancario occidentale obbligano ad una nuova visione. Queste trasformazioni, attuali o a livello di proposta, sono passi costruttivi verso una semlificazione del sistema bancario eliminando i rischi che hanno devastato individui e governi, verso una democratizzazione del denaro e la promozione di economie prospere e sostenibili. Fanno però anche sorgere delle domande provocatorie:

  • Una inziezione come quantitative easing di 20 miliardi di rubli per lo sviluppo in Russia potrebbe provocare una iper inflazione?
  • La fusione della versione Islandese del Chicago Plan con l’iniziariva di banca pubblica può ridare la possibilità di creare denaro senza fare collassare il credito?
  • Come può interfacciarsi la Moneta Digitale Ecuadoriana con la guerra al contante in atto in Europa?

Queste e altre domande verranno maggiormente analizzate in seguito.   Sorgente

I click sulle pubblicità ci tengono in vita 🙂

Pillole Disclosure News Testata

 

Consenso

Nessuno può farti sentire inferiore senza il tuo consenso.  

Eleanor Roosevelt

 

Web Hosting

Fai una Donazione in Bitocoin

1NrkczypToK9xZAY26nyAn8UEC127cgPk8

  • Supporto per il Costo del Server 2020 - 3200 € 9% 9%
Acquista la Tua Pietra Cintamani

Sostieni Disclosure News Italia

Ci stiamo impegnando molto per mantenere questo blog e ci lavoriamo ogni giorno, cerchiamo e traduciamo articoli ma ne pubblichiamo anche di nostri. Come voi siamo alla ricerca della verità. Se volete collaborare con noi siete i benvenuti, scriveteci! Le spese del blog sono a nostro carico, la pubblicità ci rimborsa in modo molto marginale quindi se vi piace il nostro lavoro e lo trovate utile offriteci un caffè cliccando sul bottone di donazione con PayPal. Ci serve l'aiuto di gente come te!

Pin It on Pinterest