Operazione Perseo Cobra Terza Parte

Operazione Perseo Cobra Terza Parte

Operazione Perseo Cobra Terza Parte. Di Interstellar.

Continuiamo la storia mitologica di Perseo riallacciandoci all’ultimo post di Cobra dell’11 Novembre. In questa parte Perseo dopo avere decapitato Medusa incontra Andromeda.

La Liberazione di Andromeda

A volo si affrettò sulla via del ritorno. Passò mari e monti, campagne e deserti, e infine capitò nel paese degli Etiopi, dove stava accadendo un grave fatto. Dall’alto egli vide, su uno scoglio in riva al mare, una fanciulla biancovestita, con le braccia legate dietro il dorso, che levava al cielo alte grida do orrore, grida e singhiozzi e lacrime mescendo a quelli del padre e della madre, che le stavano vicino.

Offerta Pietre Cintamani - Pianta il Tuo Seme della Vita!


Offerta 1

7 Cintamani Opache da 3/4 grammi a prezzo speciale per la Liberazione Planetaria - 240 € Spedizione Inclusa

Offerta 2

7 Cintamani Opache da 6/7 grammi a prezzo speciale per la Liberazione Planetaria - 450 € Spedizione Inclusa

Scrivici per Maggiori Informazioni

Acquista la Tua Pietra Cintamani

Offerta Cintamani Opache Uniche a Prezzi Scontati

10 grammi - 12 grammi - 16 grammi - 17 grammi - 20 grammi - 30 grammi

Perseo Liberazione di Andromeda

Perseo Liberazione di Andromeda

Operazione Perseo Cobra Terza Parte

Commosso dalla drammatica scena e dalla bellezza della fanciulla, Pèrseo sospese il volo e si posò sullo scoglio, domandando che cosa accadeva. Fra le lacrime Cèfeo, il re, raccontò concitatamente.

La moglie, Cassiopea, insuperbita della propria bellezza e di quella della figlia Andromeda, aveva osato vantarsene, affermando ch’esse erano di gran lunga più belle delle cinquanta figlie di Nereo. Le Nereidi, sdegnate di tanta presunzione e improntitudine, avevano presentato le loro lagnanze a Poseidone, pregandolo di punire la superba donna; e Poseidone aveva dapprima mandato un’inondazione a distruggere i raccolti, poi un mostro marino che faceva strage di animali e di uomini.

Egli allora, il re, aveva interrogato un oracolo per sapere quale dio fosse tanto irato e che cosa convenisse fare per far cessare quel flagello; e l’oracolo aveva risposto che si doveva esporre, in espiazione, la giovinetta Andromeda sulla riva del mare, perché il mostro si saziasse finalmente con quel pasto.

Cefeo aveva appena finito questo racconto, che lontano, sul mare, apparve come una nuvola turbinosa e fosca, la quale si avanzava velocemente e con grande strepito verso la riva, sollevando ondate e svolate di spruzzi fino al cielo; e tra le onde e gli spruzzi e l’alto vapore s’intravvedeva, or sì or no, l’orrenda forma del mostro.

Perseo e Anromeda - Rubens

Perseo e Anromeda – Rubens

Operazione Perseo Cobra Terza Parte

I tre infelici proruppero in più acute strida e lamenti;· ma Pèrseo prontamente disse:

Non è tempo di pianti; occorre agire. Io sono figlio di Zeus, e posseggo la forza e i mezzi per vincere il mostro. Io salverò la fanciulla, ma, quando l’avrò salvata, voi me la darete in moglie. Promettete?

Gli sventurati ebbero fede nelle parole del giovane, che avevano veduto calarsi a volo dal cielo, e promisero senz’altro.

Allora Perseo s’alzò di nuovo a volo e corse incontro al mostro, che ormai era prossimo allo scoglio, e, portatosi sopra di lui, cominciò a tempestarlo dall’alto con la sua falce, la quale ad ogni colpo apriva un’orrenda piaga nel corpo della fiera, facendone scaturire fiotti di nero sangue. Il mostro si difendeva con tutte le sue forze, ergendosi con metà del corpo fuori dell’acqua, avventandosi con due enormi zampe armate di unghioni e con la bocca per tentar di raggiungere nell’aria il nemico; ma questi con rapidi movimenti non gli dava tregua, spostandosi rapidamente e sfuggendo alla presa, e seguitava a tempestarlo di colpi.

Infine, quando vide che le forze del mostro, per il molto sangue perduto e per gli spasmi delle ferite, andavano ormai scemando, fermò le ali dei piedi, piombò sul suo dorso e con un più formidabile colpo della falce gli troncò la testa.

L’orrido corpo mutilato si arenò immoto sulla spiaggia, e il mare intorno era tutto sozzo di sangue.

Perseo depose le armi, si purificò le mani e il corpo in una pozza d’acqua chiara e quindi si avvicinò alla fanciulla, ne sciolse i legami e la fece scendere dallo scoglio.

Andromeda i suoi genitori ora piangevano di commozione, di gioia e di gratitudine.

Si recarono alla reggia, e lì fu imbandito un ricco banchetto, come preludio alle nozze dei due giovani.

Perseo e Andromeda - Vasari

Perseo e Andromeda – Vasari

Operazione Perseo Cobra Terza Parte

Fineo Pietrificato

Ma mentre il banchetto si svolgeva, ecco piombare sulla città Fineo, il fratello del re, con una schiera di armati, a reclamare per sé la mano di Andromeda, che gli era stata promessa prima.

L’assalto di Fineo era del tutto inatteso, talché Cefeo, preso alla sprovvista, non sapeva come opporre resistenza. Ma non si sgomentò Perseo, che sapeva di possedere un’arma irresistibile, qualunque fosse stata la forza del nemico.

Egli strasse cautamente dalla bisaccia la testa di Medusa, badando a noti guardarne il viso, e, sollevandola in alto, la presentò alla vista di Fineo e dei suoi combattenti, e questi, a mano a mano che guardavano l’orribile trofeo, rimasero pietrificati. Così in breve ora tutti i nemici di Cefeo furono eliminati.

Fineo Pietrificato

Perseo e Andromeda – Vasari

Operazione Perseo Cobra Terza Parte

Polidette Pietrificato

Riposta nella bisaccia la testa della Gorgone, Perseo con Andromeda partì e tornò a Serifo.

Durante il viaggio meditò la vendetta contro Polidette, che aveva trattato così indegnamente la madre da tenerla in schiavitù. Giunto alla reggia, si presentò a Polidette, annunziandogli che aveva ottemperato a puntino al suo ordine e gli aveva portato la testa di Medusa.

E senz’altro, mentre il re si mostrava stupito del successo e piuttosto incredulo, gli mise sotto gli occhi l’orribile viso dalla bocca spalancata, dagli occhi sbarrati ma sempre terribilmente vivi e dalla chioma irta di serpentelli guizzanti.

Ecco – gli disse – questo in contraccambio della schiavitù di mia madre.

Polidette ebbe appena il tempo di udire le parole del giovane e di rendersi conto della sua vendetta: un grido presto soffocato nella strozza, un tremito istantaneo per tutte le membra, e ristette immobile, divenuto di sasso.

Così Perseo restituì la libertà alla madre e diede il regno al fratello di Polidette, Ditti, che aveva salvato sua madre e lui dalla morte in mare.

Perseo

Prima Parte

Perseo

Terza Parte

Perseo

Seconda Parte

Perseo

Quarta Parte

I click sulle pubblicità ci tengono in vita 🙂

Pillole Disclosure News Testata

Il Sentiero

Non seguire il sentiero già segnato. Và, invece, dove non vi è alcun sentiero, e lascia una traccia.  

Anthony Robbins

Sostieni Disclosure News Italia

Ci stiamo impegnando molto per mantenere questo blog e ci lavoriamo ogni giorno, cerchiamo e traduciamo articoli ma ne pubblichiamo anche di nostri. Come voi siamo alla ricerca della verità. Se volete collaborare con noi siete i benvenuti, scriveteci! Le spese del blog sono a nostro carico, la pubblicità ci rimborsa in modo molto marginale quindi se vi piace il nostro lavoro e lo trovate utile offriteci un caffè cliccando sul bottone di donazione con PayPal. Ci serve l'aiuto di gente come te!




Pin It on Pinterest

Vai alla barra degli strumenti