Nel Regno dei Cavalieri di Malta - Ancora Pedofilia!

Nel Regno dei Cavalieri di Malta

Ancora Pedofilia!

Nel Regno dei Cavalieri di Malta – Ancora Pedofilia! Di Alcuin and Flutterby. Martedì 6 dicembre 2016, Albrecht von Boeselager (Germania) è stato rimosso dalla sua posizione di Gran Cancelliere dei Cavalieri di Malta. Questo in diretta sfida della volontà, chiaramente dichiarata, del Papa e il Vaticano.

I Cavalieri di Malta sono il più antico militare e ordine cavalleresco cattolico romano, risalente al secolo XI DC. Il nome completo è Cavalieri dell’Ordine dell’Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta.

La rimozione di Boeselager è stato il risultato di una cospirazione tra il Gran Maestro dell’Ordine, Matthew Festing (Inghilterra), e il Cardinale Raymond Burke (USA).

Il fatto è stato presentato come se avesse a che fare con la distribuzione di preservativi in Africa e in Myanmar.

Non era niente del genere.

Festing e Burke

E’ stata una manipolazione progettata, una azione di fascismo spirituale conservatore (Festing e Burke) contro la politica pastorale, liberale e compassionevole (il Papa) all’interno della cristianità romana.

Cavalieri di Malta Festing Boeselager

Preservativi ovvero Pedofilia

Nel Regno dei Cavalieri di Malta

Festing e Burke hanno fatto finta che la rimozione di Boeselager fosse in conformità con i desideri della Santa Sede (Papa + Vaticano). Il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato del Vaticano, ha scritto a Festing chiarendo che il Papa non voleva Boeselager venisse rimosso.

Siccome la volontà del Papa è stata ignorata, il Vaticano ha istituito un’indagine formale sui Cavalieri di Malta. Questa indagine è stata guidata dall’arcivescovo Silvano Tomasi, che aveva una squadra di quattro persone per le sue indagini: Gianfranco Ghirlanda (ex rettore della Pontificia Università Gregoriana), Marc Odendall (banchiere), Jacques de Liedekerke (avvocato) e Marwan Sehnaoui (Presidente dell’Ordine di Malta in Libano).

Matthew Festing ha detto al Papa che il sacco di Boeselager era una questione interna dei Cavalieri di Malta. Il Vaticano non aveva alcun diritto di interferire perché i Cavalieri di Malta sono un’entità sovrana.

Nel Regno dei Cavalieri di Malta Matthew Festing

Matthew Festing

Nel Regno dei Cavalieri di Malta

Festing Festing

Festing stava dicendo sciocchezze. I Cavalieri di Malta è un Ordine religioso cattolico. I capi dell’ordine hanno fatto voto solenne di obbedire al Papa. Il sacco di Boeselager è stato un atto di disobbedienza nuda e cruda. Il Vaticano aveva tutto il diritto, dopo un’indagine, di emettere una sentenza e trovare un rimedio.

Per le prime tre settimane di Gennaio 2017, Festing persisteva nella sua convinzione che un’indagine del Papa sulla questione fosse ingiustificata.

Un nuovo personaggio compiacente, John Critien, è stato nominato Gran Cancelliere da Festing e Burke. Critien ha scritto all’Ordine dicendo che non potevano collaborare con la ricerca del Papa perché era giuridicamente irrilevante. Nessun membro dell’Ordine avrebbe potuto contraddire la decisione di Festing di rimuovere Boeselager.

Critien, come Festing, stava adicendo sciocchezze. La questione della rimozione di Boeselager e la conseguente indagine del Vaticano in quell’atto non ha nulla a che vedere con la sovranità dei Cavalieri di Malta; si trattava di disobbedire al Papa e alla Santa Sede.

Il Vaticano

A quel punto, quello che il Vaticano avrebbe deciso di fare non è stato subito chiaro.

Sembrava che ci fossero cinque possibilità principali:

(1) Non fare nulla. Mettere tutto sotto il tappeto. Giustificarlo con motivi pastorali parlando di un bisogno di andare avanti e dando tempo adeguato alla guarigione delle ferite. Perdonare Boeselager e offrirgli una promozione spettacolare altrove.

(2) Rimuovere e/o scomunicare Festing e Critien. Spostare Burke altrove. Ripristinare Boeselager.

Cavalieri di Malta Libri Biblioteca

Antichi Libri Templari Ospitalieri

Nel Regno dei Cavalieri di Malta

(3) Rimuovere e/o scomunicare Festing, Critien ed ogni anziano Cavaliere di Prima Classe che li hanno sostenuti. Spostare Burke. Ripristinare Boeselager.

(4) Dispensare Festing, Critien e tutti i loro alleati di prima classe da i voti religiosi di povertà, castità e obbedienza. Ben trenta individui avrebbero potuto essere coinvolti. Secondo le regole dell’Ordine, questi trenta non poteva quindi continuare in posizioni di leadership in quanto nel diritto canonico che non sarebbero più religiosi. Spostare Burke. Ripristinare Boeselager.

(5) Nominare un commissario esterno al di sopra di Festing e Burke. Il Vaticano prende il controllo di ogni aspetto della gestione dell’Ordine, tra gli appuntamenti, la gestione, documenti, siti, edifici, terreni, tesoro, finanza e Costituzione. Ripristinare Boeselager. Esprimere disappunto per le dimissioni di massa dall’Ordine che sarebbe seguito. Se Burke non si dimette, lo rimuoverebbe.

Cavalieri di Malta Libri Biblioteca

Ritratto di Madame Stuart Merrill – Jean Delville

Nel Regno dei Cavalieri di Malta

Dal punto di vista di molti nell’Ordine, Festing era diventato un fastidio anti-papa, anacronistico, che bramava un ritorno allo stile del 1950 e a una leadership autocratica dall’alto al basso.

Il sostituto ad interim di Matthew Festing nel ruolo di Gran Maestro dei Cavalieri di Malta è stato Ludwig Hoffmann-Rumerstein (Austria). Albrecht von Boeselager è stato reintegrato come Gran Cancelliere.

Al momento delle dimissioni di Festing, il Papa ha anche nominato un delegato pontificio per i Cavalieri di Malta, che avrebbero agito al di sopra di Raymond Burke come collegamento dell’Ordine con la Santa Sede. Burke era ancora tecnicamente in carica come patrono dell’Ordine, ma era senza potere.

Il nome del delegato pontificio non è stato reso pubblico fino a Sabato 4 Febbraio 2017, quando divenne chiaro che sarebbe stato l’arcivescovo Giovanni Becciu. Il portavoce unico del Papa su tutte le questioni che hanno a che fare con i Cavalieri di Malta. A Beccui è stato anche affidato il compito di vigilare sul rinnovamento morale e spirituale dell’Ordine, con una particolare attenzione ai cavalieri completamente professi quali Festing e Critien.

All’interno dei Cavalieri di Malta, ci sono solo 55 cavalieri completamente professi su un totale mondiale di 13.500. In tempi recenti si è avuta l’impressione che questo gruppo d’elite ha utilizzato il lavoro caritatevole dell’Ordine come una copertura per macchinazioni geopolitiche e di forzature. Tale comportamento è in contrasto con le caratteristiche spirituali dei voti religiosi del gruppo di obbedire al Papa.

Un insider dei Cavalieri di Malta, Erich Lobkowicz (Germania), ha detto che la questione è stata una battaglia tra tutto ciò che Papa Francesco rappresenta e una minuscola cricca di vecchi ultraconservatori irriducibili; irriducibili che hanno perso il treno sotto ogni aspetto immaginabile.

Il Papa stesso, è noto, diffida degli ordini cavallereschi cattolici perché potrebbero mostrare atteggiamenti di dissolutezza e di mondanità spirituale. E i Cavalieri di Malta, in particolare, hanno mal gestito uno scandalo di abusi sessuali su un bambino quando Matthew Festing è stato responsabile dell’Ordine.

Cavalieri di Malta Erich Lobkowicz

Erich Lobkowicz

Nel Regno dei Cavalieri di Malta

Il Papa ha dato il compito al nuovo delegato pontificio di lavorare a stretto contatto con Ludwig Hoffmann-Rumerstein per assicurare un rinnovamento spirituale e morale dei Cavalieri di Malta.

C’è, naturalmente, un quadro più ampio sul retro di questo ritratto pubblico dell’élite. Si tratta di un’immagine occulta. Nel tentativo di bloccare il reset dellaa valuta globale da parte dell’Asia e dei loro fondi umanitari e di prosperità associati, l’Ordine ha messo in pericolo la propria sopravvivenza.

In questo momento di rapidi movimenti finali, i Cavalieri di Malta si ritrovano bloccati dalla parte sbagliata della storia. I più perspicaci tra loro sono a conoscenza di due certezze geopolitiche:

 

1 – Saranno aperti i Libri;

2 – Lo storico centro non può reggere.

I click sulle pubblicità ci tengono in vita 🙂

Pillole Disclosure News Testata

 

Augurio

Spero che in questo nuovo anno voi facciate errori. Perché se state facendo errori, allora state facendo cose nuove, provando cose nuove, imparando, vivendo, spingendo voi stessi, cambiando voi stessi, cambiando il mondo. State facendo cose che non avete mai fatto prima e, ancora più importante, state facendo qualcosa. Questo è il mio augurio per voi e per tutti noi e il mio augurio per me stesso. Fate nuovi errori. Fate gloriosi, stupefacenti errori. Fate errori che nessuno ha mai fatto prima. Non congelatevi, non fermatevi, non preoccupatevi che non sia abbastanza buono o che non sia perfetto, qualunque cosa sia: arte, lavoro, famiglia, vita. Qualunque cosa abbiate paura di fare, fatela. Fate i vostri errori, il prossimo anno e per sempre.  

Neil Gaiman

 

Web Hosting

Fai una Donazione in Bitocoin

1NrkczypToK9xZAY26nyAn8UEC127cgPk8

  • Supporto per il Costo del Server 2020 - 3200 € 9% 9%
Acquista la Tua Pietra Cintamani

Sostieni Disclosure News Italia

Ci stiamo impegnando molto per mantenere questo blog e ci lavoriamo ogni giorno, cerchiamo e traduciamo articoli ma ne pubblichiamo anche di nostri. Come voi siamo alla ricerca della verità. Se volete collaborare con noi siete i benvenuti, scriveteci! Le spese del blog sono a nostro carico, la pubblicità ci rimborsa in modo molto marginale quindi se vi piace il nostro lavoro e lo trovate utile offriteci un caffè cliccando sul bottone di donazione con PayPal. Ci serve l'aiuto di gente come te!

Pin It on Pinterest