Mentalità da Pecora

Mentalità da Pecora

Mentalità da Pecora. By W. Ben Hunt, Ph.D.

Le pecore non sono mai fuori di vista l’una dall’altra e il loro processo decisionale è interamente guidato da quello che vedono accadere alle altre, non a sé stesse. Sono estremamente intelligenti in questo modo legato alle altre.

Questa è la differenza tra un gregge e un branco.

Un gregge è una struttura sociale progettata per promuovere la coscienza l’uno dell’altro. Non ha obiettivi, nessun obiettivo di coordinamento diverso dalla comunicazione. Un gregge semplicemente E’.

Un branco, invece, è una struttura sociale concepita per sfruttare animali consapevoli di sé stessi nel servizio a un certo obiettivo che richiede un’azione congiunta: l’allevamento di cuccioli, la caccia, ecc. Il gregge e il branco sono strutture estremamente efficaci, ma operano con logiche completamente diverse.

Gioielli con Cintamani
Acquista la Tua Pietra Cintamani

Pensiamo che siamo lupi, vivendo nella logica del branco.
In verità siamo pecore, vivendo nella logica del gregge.

Non ci sono specie animali domestiche che hanno avuto più caduta reputativa della pecore.

Chiamare qualcuno pecora, oggi è il peggior insulto che si possa fare. Chiamare qualcuno una pecora è come chiamarli stupidi e, più precisamente, stupidamente obbedienti.

Gregge

Gregge

Mentalità da Pecora

Non è stato sempre così. Gesù non offendeva quando chiamava la sua gente pecora. Il punto di tutte quelle allegorie bibliche non è che le pecore siano stupidamente obbedienti o facilmente guidabili, ma che la vita sana di una pecora richiede un buon pastore.

Chiedi a chiunque allevi effettivamente pecore. Le pecore sono strane. Le pecore si sono evolute per avere un’intelligenza molto diversa rispetto agli esseri umani. Ma le pecore non sono stupide. Le pecore non sono obbedienti. E le pecore non sono sicuramente facilmente guidabili.

Le pecore si sono evolute per avere un tipo specifico di intelligenza che ha i seguenti segni distintivi.

Pecora

Mentalità da Pecora

  • Enorme capacità di osservazione ed interpretazione dei comportamenti degli altri. Le pecore sono incredibilmente sensibili a quello che le altre pecore stanno facendo e ai loro stati emotivi. Se un’altra pecora è felice, vale a dire, ha trovato una buona fonte di cibo, che è l’unica cosa che rende felice una pecora, ogni altra pecora nel gregge è piena di gelosia (non c’è veramente nessun altro modo di chiamarla) e si muoverà verso quella buona cosa. Se un’altra pecora è allarmata, che può essere dovuto a qualsiasi, dato che il coraggio non è esattamente un tratto caratteristico in una specie di preda, allora ogni altra pecora nel gregge è immediatamente consapevole di ciò che sta succedendo. Talvolta ciò significa anche che si preoccupano.
  • Zero altruismo e egoismo schiacciante. L’idea sbagliata più diffusa sulle pecore è che sono seguaci obbedienti. È vero che non sono dei leader. È vero che sono incredibilmente sensibili alle altre pecore. Ma è anche vero che sono il mammifero più egoista si possa incontrare. Non guidano altre pecore o formano strutture di leadership come un branco perché non gli interessa delle altre pecore. Ogni pecora vive in un universo di Uno, che le rende quasi la creatura meno obbediente in giro.

 

  • La determinazione a perseguire ogni comportamento che si confà al punto 1 e 2, fino alla morte. La mia storia di suicidio di pecore? E’ stata installata una rete di fieno nel loro ovile, che mantenere il fieno lontano da terra e lasciare che le pecore si nutrano tirando il fieno attraverso le maglie molto larghe della rete. Le maglie, però, erano così larghe che una pecora determinata poteva mettere tutta la sua testa all’interno della rete e se una pecora potesse farlo, allora due pecore potevano farlo. E dato che la rete di fieno era appesa e dato che queste pecore si sentivano a vicenda, hanno cominciato a muoversi in senso orario all’unisono, ognuna cercando di ottenere un vantaggio rispetto all’altra, ancora con le teste bloccate nella rete. A quel punto la rete comincia a stringere. E stringere. E stringere. Alla fine si sono strangolate l’un l’altra fino alla morte, incapaci di smettere di cercare un vantaggio dal comportamento degli altri. Le altre pecore si erano affollate e si avvicinavano ai cadaveri, tirando il fieno fuori dalla rete.

In entrambi i casi dei mercati finanziari e nella politica, le nostre intelligenze umane vengono addestrate per essere intelligenze di pecora.

Ciò non ci rende pecore nel vernacolo moderno. Non stiamo diventando docili, stupidi e ciecamente obbedienti. Al contrario, stiamo diventando pecore come le vecchie storie intendevano le pecore… intensamente egoiste, intensamente intelligenti (ma solo in un modo diverso) e intensamente dogmatiche, disposte a perseguire un comportamento miopico fino alla morte.

Addestramento da Pecora

Addestramento da Pecora

Mentalità da Pecora

Perché siamo addestrati a pensare come pecore? Perché le pecore sono fantastici animali da preda. Pagano l’affitto con il loro vello, e quando è ora puoi anche mangiarle. Inoltre non sono prede inermi. Le pecore sono abbastanza competenti e piuttosto autosufficienti animali di preda.

Se le pecore fossero veramente docili e stupide, allora sarebbe stato troppo difficili da allevare. No, le pecore si possono lasciar vagare i giro tutto il giorno e fare le loro cose. Basta tenerle al sicuro dall’uccidersi in qualche incidente davvero stupido e puoi allevarle per anni e anni e anni.

Come siamo addestrati a pensare come pecore? Con le ricompense che riceviamo dalle nostre moderne istituzioni sociali per comportamenti legati agli altri, di gregge, come la gelosia (sentirsi tristi quando gli altri sono contenti) e lo schadenfreude (sentendosi contenti quando gli altri sono tristi, o piacere dalla sfortuna altrui) e dalle pene che riceviamo per i comportamenti legati al branco, come onore e vergogna. Se hai mai allevato un animale come un cane, sai quanto siano in grado di provare un senso di vergogna, quella sensazione quando crede di aver lasciato il branco.

Le pecore non hanno vergogna. Neanche un po. La vergogna richiede l’autovalutazione e l’autoconsapevolezza nei confronti di un certo livello di obbligo al branco, concetti che farebbero ridere le pecore, se potessero.

Schadenfreude

Schadenfreude

Mentalità da Pecora

Le pecore sono enormemente consapevoli degli altri, ma senza nessun obbligo verso di loro.

Sono sociopatici ad alta efficienza, creature senza vergogna. gelose e schadenfreude, che è esattamente il tipo dell’umano più puro progettato per avere successo nell’era moderna.

Il meccanismo per tutto questo corso da pecora, in particolare nelle nostre vite finanziarie, è quello che la teoria dei giochi chiama il Gioco della Conoscenza Comune. Una volta che si inizia a notarlo, la vedrai ovunque.

L’Isola della Tribù dagli Occhi Verdi

Sull’isola della Tribù dagli occhi verdi, gli occhi azzurri sono tabù. Se hai degli occhi azzurri devi prendere la tua canoa e lasciare l’isola la mattina successiva. Ma sull’isola non ci sono specchi o superfici riflettenti, quindi non sai quale sia il colore dei tuoi occhi.

È anche tabù parlare l’uno con l’altro sul colore degli occhi, quindi quando si vede un compagno di tribù con gli occhi azzurri, non dici niente. Di conseguenza, anche se tutti sanno che ci sono alcuni con gli occhi azzurri, nessuno ha mai lasciato l’isola per questo tabù.

Un giorno un missionario viene sull’isola e annuncia a tutti: “Almeno uno di voi ha gli occhi azzurri“.

Che succede?

Prendiamo il caso triviale di uno solo della tribù che ha gli occhi azzurri. Ha visto gli occhi di tutti gli altri, e sa che tutti gli altri hanno occhi verdi. Subito dopo la dichiarazione del Missionario, questo povero compagno si rende conto: “Oh, no! Devo essere quello con gli occhi azzurri “. Così la mattina successiva prende la sua canoa e lascia l’isola.

Tribù degli Occhi Verdi

Tribù degli Occhi Verdi

Mentalità da Pecora

Ma ora prendiamo il caso di due componenti della tribù che hanno occhi azzurri. I due dagli occhi azzurri si sono visti, così ciascuno pensa: “Wow! Quel ragazzo ha gli occhi azzurri, per cui deve essere quello di cui parlo il Missionario“. Ma poiché nessuno dei due crede di avere gli occhi azzurri, non prende la sua canoa la mattina successiva e lascia l’isola.

Il giorno dopo, ognuno dei due è molto sorpreso di vedere l’altro ancora sull’isola, a quel punto ciascuno pensa: “Aspetta un secondo … se non ha lasciato l’isola, significa che ha visto qualcun altro con gli occhi azzurri. E poiché so che tutti gli altri hanno occhi verdi, significa… no, no! Devo avere gli occhi azzurri“. Così, la mattina del secondo giorno, entrambi i due e con gli occhi azzurri prendono le loro canoe e lasciano l’isola.

La risposta generalizzata alla domanda di “cosa succede?” È che per ogni n membri con gli occhi azzurri, tutti lasciano contemporaneamente l’isola la n mattina, dopo la dichiarazione del Missionario. Si noti che nessuno costringe quelli con occhi azzurri a lasciare l’isola. La lasceranno volontariamente una volta che la conoscenza pubblica viene inserita nella struttura informativa del sistema tabù tribale, che è il segno distintivo di un cambiamento di equilibrio in qualsiasi gioco.

Dato il sistema tabù tribale (le regole del gioco) e la sua struttura informativa pre-missionaria, le nuove informazioni del Missionario provocano nei giocatori un aggiornamento delle loro valutazioni su dove stanno all’interno della struttura informativa e scelgono di passare ad un nuovo risultato di equilibrio.

Prima che arrivi il Missionario, l’isola è un esempio inconfondibile di informazioni private perfette. Ognuno conosce il colore degli occhi di tutti gli altri, ma questa conoscenza è bloccata all’interno di ogni testa di ciascuno della tribù, e non deve mai essere resa pubblica. Il Missionario NON trasforma le informazioni private in informazioni pubbliche. Non dice, per esempio, questo o quell’altro hanno gli occhi azzurri.

Tuttavia, trasforma le informazioni private di tutti nella conoscenza comune. La conoscenza comune non è la stessa cosa delle informazioni pubbliche. La conoscenza comune è informazione, pubblica o privata, che tutti credono siano condivisa da tutti gli altri. È la folla della tribù che si guarda intorno e vede che tutta la folla ha sentito il Missionario che sblocca le informazioni private nelle loro teste e le trasforma in conoscenza comune.

La cosa importante non è che tutti sentano le parole del Missionario. La cosa importante è che tutti credono che tutti gli altri abbiano sentito le parole del Missionario, perchè è come aggiornare la stima delle stime di tutti gli altri (perché non ha lasciato l’isola da quel ragazzo con gli occhi azzurri? So che ha anche sentito la notizia… hmm… ma questo deve significare che anche lui ha visto un ragazzo dagli occhi azzurri… hmm… oh).

La fonte di alimentazione del Gioco della Conoscenza Comune è la folla che vede la folla, e la struttura dinamica del Gioco della Conoscenza Comune è la struttura dinamica del gregge. Non esiste un obiettivo mirato che animi un gregge come fa un branco, per questo famosamente ci sono persone che descrivono la “follia delle folle“. Ma non è follia, e non è anche un caos. Una folla è il meccanismo di comunicazione per il Gioco della Conoscenza Comune, con regole e strategie chiare per giocare e vincere.

La comprensione del Gioco della Conoscenza Comune è stato il segreto dei pastori di successo da tempo immemorabile, in attività, politica, religione… qualsiasi aspetto della nostra vita come animali sociali. L’unica differenza oggi è che l’innovazione tecnologica fornisce uno strumento multimediale per i pastori moderni che i pastori delle Storie Vecchie potevano solo sognare.

Folla che Guarda la Folla

Folla che Guarda la Folla

Mentalità da Pecora

Ecco perché esistono le risate di sottofondo nelle sitcom. Questo è il motivo per cui le prestazioni, sia che si tratti di calcio o di Dancing with the Stars , siano riprese davanti a un pubblico in diretta.

Ecco perché il Governo Cinese ancora proibisce le immagini su internet delle proteste della Piazza di Tiananmen, con le loro folle massicce, più di 20 anni dopo che si sono verificati.

Questo è ciò che John Maynard Keynes ha chiamato il Newspaper Beauty Contest, che ha creduto (e dimostrato) essere stato il segreto di investire con successo negli anni trenta.

Ecco come Dick Clark costruì una fortuna enorme con American Bandstand.

 

Non ha detto all’Americano medio quale musica gli deve piacere; ha ottenuto una folla di giovani attraenti per annunciare quale musica gli piaceva (“ha un buon successo e la puoi ballare, gli do un 94!“), e gli Americano hanno accettato le sue indicazioni.

Non solo è tutto quello di cui hai bisogno per motivare le pecore, è molto più efficace di qualsiasi azione diretta.

Questo è il motivo per cui le esecuzioni sono avvengono in pubblico e pure le inaugurazioni. Ecco perché Donald Trump si preoccupava tanto delle dimensioni della sua folla all’inaugurazione. E’ per questo che parla sempre del pubblico e del rating delle sue apparizioni televisive. Trump lo ottiene. Capisce come funziona il Gioco della Conoscenza Comune. Non è quello che crede la folla. È ciò che la folla crede che la folla creda. Il potere di una folla che vede una folla è una delle forze più straordinarie della società umana. Ribalta i governi. Lancia crociate. Costruisce le cattedrali. E danneggia sicuramente i mercati.

Onore al Lupo Geoff Taylor

Onore al Lupo Geoff Taylor

Mentalità da Pecora

Allo stesso modo per cui la storia moderna di ciò che significa essere una pecora, docile, obbediente, stupida, è totalmente sbagliata, così lo è la storia moderna di ciò che significa essere un lupo. Pensiamo a un lupo come l’emblema di una indipendenza rapace, ma i lupi, come tutti gli animali da branco, sono molto meno indipendenti (e molto meno avidi) della tua pecora media.

A differenza delle pecore, i lupi possono agire al di fuori del loro gruppo perché non sono consumati da comportamenti altrui, ma queste azioni sono in definitiva in servizio al branco. Una pecora agisce sempre all’interno del suo gruppo, ma non è mai in servizio al gregge, solo alle proprie esigenze.

Quindi cosa facciamo? Smettiamo di far finta di essere falsi lupi e cominciamo a agire come quelli veri. Smettiamo di agire come gli animali del gregge e cominciamo a agire come animali del branco. Rifiutiamo le emozioni altrui riguardanti la gelosia e lo schadenfreude. Abbracciamo emozioni che riguardano l’autostima come l’onore e, ecco dove pochi ci seguiranno, vergogna.

Sì, abbiamo bisogno di più vergogna nel mondo. La perdita del nostro senso di vergogna è, credo, la più grande perdita del nostro mondo moderno, dove la scala e la distribuzione di massa sono fini a se stessi, dove altri ti dicono cosa è meglio per te e per la tua famiglia, dove le politiche della comunicazione e le notizie manipolate uccidono l’autenticità, dove il narcisismo rapace del “non ne sapevo nulla” viene celebrato come leadership e dove la civiltà, la competenza e il servizio sono etchettati come puttanate.

O per metterlo in termini logici di pecora: la tragedia del gregge è che tutto è strumentale, incluso il nostro rapporto con gli altri. Compreso il nostro rapporto con noi stessi .

Perché abbiamo bisogno di vergogna? Perché senza senso di vergogna non c’è senso d’onore. Non c’è misericordia. Non c’è carità. Non c’è perdono. Non c’è fedeltà. Non c’è coraggio. Non c’è nessun servizio. Non esiste alcun codice. Non ci sono legami che ci legano come cittadini, come altri membri del branco che vogliono raggiungere qualcosa di più grande e più importante della nostra capacità di pascolare più erba possibile. Qualcosa come, libertà e giustizia per tutti.

Qualsiasi moneta ha sempre due lati. Una politica senza vergogna non ha alcun onore. Un mercato senza rischio non ha alcuna ricompensa. Oh, i Missionari ti diranno che c’è onore nella politica senza vergogna e ricompensa nei mercati privi di rischio, e per tutti i sociopatici ad alta funzionalità là fuori sono sicuro che sia vero, ma se non sei ancora completamente sommerso, se il tuo l’obiettivo è ancora un servizio onorevole ai vostri clienti o ai vostri partner, alla tua famiglia o alla tua nazione o alla tua specie, qualunque sia il tuo pacchetto, allora sai che questo non è vero. Sai che la vergogna e il rischio possono essere rinviati o spostati, ma mai eliminata.

Questa è l’Età del Sociopatico ad Alta Funzionalità. Questa è la logica dell’età della pecora. Dobbiamo sopravvivere, ma non dobbiamo soccombere.

Come possiamo resistere? Non spostando i missionari blu per i missionari rossi o i missionari rossi per i missionari blu. Non togliendo un cattivo pastore per un altro pastore cattivo. Non dobbiamo giocare a quel gioco!

È il momento di essere lupi. Non come divoratori, ma come animali che conoscono onore e vergogna. È tempo di essere saggi come serpenti e innocui come colombe. È tempo di ricordare le Vecchie Storie. È giunto il momento di trovare il tuo branco.

Pillole Disclosure News Testata

Il Lamento

Lamentarsi di un problema senza cercare una soluzione si chiama piagnucolare.  

Theodore Roosevelt

Sostieni Disclosure News Italia

Ci stiamo impegnando molto per mantenere questo blog e ci lavoriamo ogni giorno, cerchiamo e traduciamo articoli ma ne pubblichiamo anche di nostri. Come voi siamo alla ricerca della verità. Se volete collaborare con noi siete i benvenuti, scriveteci! Le spese del blog sono a nostro carico, la pubblicità ci rimborsa in modo molto marginale quindi se vi piace il nostro lavoro e lo trovate utile offriteci un caffè cliccando sul bottone di donazione con PayPal. Ci serve l'aiuto di gente come te!




Pin It on Pinterest

Vai alla barra degli strumenti