Mainstream ISIS Armata dalla CIA

Mainstream – ISIS Armata dalla CIA

Mainstream ISIS Armata dalla CIA. Di Rachel Blevins.

I teorici della cospirazione avevano ragione: i media corporativi sono stati infine costretti ad ammettere che l’ISIS è armata dall’ America

Una nuova inchiesta ha concluso che il 97% delle armi utilizzate dallo Stato Islamico sono state fornite illegalmente dagli Stati Uniti e dall’Arabia Saudita.

Mentre i media mainstream hanno scelto di proteggere il governo degli Stati Uniti considerando chiunque osasse mettere in discussione il ruolo del governo nell’ascesa dell’ISIS come pazzi teorici della cospirazione, un nuovo rapporto sta costringendo il MSM ad ammettere che quelle “cospirazioni” erano vere da sempre.

Ora, i media mainstream come Reuters e USA Today stanno improvvisamente riferendo che gli Stati Uniti e il loro stretto alleato, l’Arabia Saudita, sono stati determinanti nel fornire armi e munizioni all’ISIS.

Gioielli con Cintamani

Entrambi i rapporti citano un’indagine condotta da Conflict Armament Research (CAR), che ha esaminato 40.000 oggetti recuperati dai militanti dello Stato islamico tra luglio 2014 e novembre 2017.

Un rapporto finale del CAR intitolato “Armi dello Stato Islamico” ha concluso che la stragrande maggioranza delle armi utilizzate dall’ISIS sono state fornite a migliaia, data la loro origine e il fatto che sono state trovate “in quantità ben oltre quelle che sarebbero state disponibili per il gruppo attraverso la sola cattura dal campo di battaglia. “

Armi della NATO in Siria

Armi della NATO in Siria

ISIS Armata dalla CIA

I click sulle pubblicità ci tengono in vita 🙂

Armamenti Americani in Mano a Daesh

Armamenti Americani in Mano a Daesh

ISIS Armata dalla CIA

Le armi e le munizioni furono originariamente acquistate dagli Stati Uniti e dall’Arabia Saudita, e poi distribuite ai gruppi ribelli che si opponevano all’amministrazione del presidente siriano Bashar al-Assad.

Mentre gli Stati Uniti affermavano di combattere l’ISIS, il fatto è che l’ISIS era uno dei gruppi ribelli siriani che si opponevano ad Assad e, come ha notato il rapporto, quasi tutte le loro armi provenivano da quelle acquistate dagli Stati Uniti e dall’Arabia Saudita.

Più del 97 per cento delle armi e l’87 per cento delle munizioni usate dall’ISIS erano calibri del Patto di Varsavia – fabbricate principalmente in Cina, Russia e altri Stati produttori dell’Europa orientale“, secondo il rapporto.

Tuttavia, le armi non sono state mai distribuite ai militanti dalla Cina o dalla Russia.

 

Perché gli USA Attaccano i Siriani e non ISIS?

L’Esercito Americano ha attaccato due volte le forze Governative Siriane da una base militare che occupa illegalmente all’interno della Siria.

“Il ritrasferimento non autorizzato – la violazione degli accordi per cui un governo dei fornitori proibisce la riesportazione di materiale da parte di un governo destinatario senza il suo previo consenso – è una fonte significativa di armi e munizioni per l’IS.

Gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita hanno fornito la maggior parte di questo materiale senza autorizzazione, apparentemente alle forze di opposizione siriane.

Questo materiale deviato, recuperato dalle forze dell’IS, comprende esclusivamente armi e munizioni del calibro del Patto di Varsavia, acquistate dagli Stati Uniti e dall’Arabia Saudita dagli Stati membri dell’Unione europea (UE) nell’Europa orientale”

CAR

Weapons of the Islamic State

Mentre il rapporto afferma che molte delle armi erano destinate ad altri gruppi ribelli siriani prima che finissero nelle mani dei militanti dell’ISIS, si nota anche quanto rapidamente avvenisse la transizione tra i gruppi, dopo che le armi erano state originariamente fornite.

In un caso, un’avanzata arma teleguidata anticarro è stata “fabbricata nell’UE, venduta negli Stati Uniti, consegnata a una fazione nel conflitto siriano, trasferita alle forze IS in Iraq e documentata da una squadra investigativa sul campo CAR che seguiva il recupero dalle forze dell’IS“. (Nota DNI: Non ci stupiremmo se lo IOR avesse investito nelle azioni di questo fabbricatore di armi)

Il rapporto ha osservato che “l’intera catena di transazioni è avvenuta entro due mesi dalla spedizione delle armi dalla fabbrica“.

I numeri seriali sulle armi sono anche cruciali nel determinare come i militanti le hanno acquisite.

ATGW Missile Konkurs NATO in Mano a ISIS

ATGW Missile Konkurs NATO in Mano a ISIS

ISIS Armata dalla CIA

Secondo il rapporto, quasi la metà delle armi esaminate mostrava “numeri seriali che sono vicini in sequenza a quelli di altre armi identiche nel campione”.

Come risultato, hanno trovato almeno 240 serie di armi che sono state prodotte nelle stesse produzioni e probabilmente esportate negli stessi lotti, o successivi.

Questo suggerisce che in alcuni casi le armi sono state consegnate ai militanti a migliaia.

Il rapporto ha rilevato che in molti casi le “forniture di materiale nel conflitto siriano” da parte degli Stati Uniti e dell’Arabia Saudita hanno permesso all’ISIS “di ottenere quantità considerevoli di munizioni anti-armatura.

Queste armi includono ATGW e diverse varietà di missili con testate tandem, progettati per distruggere le moderne armature reattive.

Come hanno concluso le indagini di Conflict Armament Research, sebbene gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita abbiano entrambi dichiarato di sostenere le coalizioni formate allo scopo di sconfiggere lo Stato islamico, le migliaia di armi che hanno fornito ai gruppi ribelli dimostrano l’esatto contrario.

Queste scoperte sono un forte richiamo alle contraddizioni inerenti alla fornitura di armi nei conflitti armati in cui operano più gruppi armati non-statali in competizione e sovrapposti.

In tali circostanze, è difficile esercitare un controllo effettivo sui gruppi che alla fine ottengono la custodia delle armi.

Come dimostra questo rapporto, l’Iraq e la Siria hanno visto le forze IS utilizzare un gran numero di armi, fornite da stati come l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti, contro le varie coalizioni internazionali anti-IS che i due stati supportano” .

Perché si Combatte in Siria

Vortice della Dea

Perché si Combatte in Siria

Aleppo

Mentre i media mainstream non sono riusciti a fare domande su alcune delle bandiere rosse più ovvie nella politica estera degli Stati Uniti, molti media alternativi hanno fornito una copertura approfondita sia dell’ipocrisia degli Stati Uniti nel conflitto siriano, sia del ruolo dell’Arabia Saudita. nell’aiutare a rafforzare lo stesso gruppo di militanti per cui i due paesi avevano affermato di lavorare per sconfiggerli.

Aiuti in Siria

Aiuti in Siria

ISIS Armata dalla CIA

Pillole Disclosure News Testata

Universo e Stupidità

Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana. Riguardo all'universo ho ancora dei dubbi...  

Alberti Einstein

Fai una Donazione in Bitocoin

1NrkczypToK9xZAY26nyAn8UEC127cgPk8

  • Supporto per il Costo del Server 2019 - 2400 € 68% 68%
Acquista la Tua Pietra Cintamani

I click sulle pubblicità ci tengono in vita 🙂

Sostieni Disclosure News Italia

Ci stiamo impegnando molto per mantenere questo blog e ci lavoriamo ogni giorno, cerchiamo e traduciamo articoli ma ne pubblichiamo anche di nostri. Come voi siamo alla ricerca della verità. Se volete collaborare con noi siete i benvenuti, scriveteci! Le spese del blog sono a nostro carico, la pubblicità ci rimborsa in modo molto marginale quindi se vi piace il nostro lavoro e lo trovate utile offriteci un caffè cliccando sul bottone di donazione con PayPal. Ci serve l'aiuto di gente come te!

Pin It on Pinterest