Risonanza Schumann Oggi – Immagine più recente disponibile

Grafico Principale
Dipendenze dell’Ampiezza
Dipendenze della Qualità
Dipendenze della Frequenza
(Cliccare per ingrandire)

Risonanza Schumann Oggi

5 Marzo 2021 22:30 UTC

Grazie Stellalux per l’Energia Finanziaria! ❤❤❤

Grazie Christopher per l’Energia Finanziaria! ❤❤❤

Aggiornamenti sulle variazioni – Risonanza Schumann Oggi. Le grandi variazioni che nessuno sa spiegare con precisione ma che ci danno un chiaro segno che il Pianeta sta cambiando. La Terra sta risuonando sempre più in alto, così come noi!

Grafici basati sull’ora di Tomsk, Russia UTC +7 (UTC = Universal Time Coordinated )  –  Fonte 

RS Frequenza Base 7.83 Hz. –  RS Picchi Massimi di Oggi

Amplitude

Quality

Frequency Max

Frequency Min

Ampltude A2

Ampltude A3

Ampltude A4

Schumann Resonance Today - Latest Graphs

Schumann Resonance Today - Schumann Resonance 2020 Stripe

Amplitude Max Values and Average - Schumann Resonance Today

More Charts

Risonanza Schumann Oggi AGGIORNAMENTI

5/3 22:30 Dalle 17 UTC la Frequenza si è portata su 7,60 Hz e dalle 21 UTC si stanno verificando delle ampie oscillazioni, l’Ampiezza sta risentendo di questi movimenti e alle 21:30 UTC ha raggiunto il valore massimo di oggi di Power 28.

5/3 17:00 La Frequenza sta continuando con moderate oscillazioni e questa portano l’Ampiezza a raggiungere valori di poco superiori a Power 10. Da notare un picco della Qualità a 14 poco dopo le 14 UTC.

5/3 13:30 La Frequenza è tornata a oscillare, in modo repentino, sul valore base dalle 17 UTC di ieri; alcune affondate verso 7,50 Hz sono avvenute attorno alle 4 UTC e dalle 11 UTC di oggi. Questi cali hanno portato a dei leggeri movimenti dell’Ampiezza che ha raggiunto Power 16 alla 1 UTC e Power 17 alle 12:30 UTC.

4/3 17:00 A parte un breve momento dalle 8 alle 10 UTC, la Frequenza continua a oscillare attorno a 7,50 Hz e questo sta portando a una serie di movimenti dell’Ampiezza che alle 14 UTC ha raggiunto un nuovo massimo a Power 19.

4/3 08:30 La Frequenza ha iniziato a diminuire dalle 17 UTC di ieri, è stato lento e costante e ha raggiunto 7,38 Hz come valore minimo alle 7 UTC. L’Ampiezza ha reagito a questa diminuzione con un simmetrico aumento dei valori che hanno avuto il loro massimo a Power 16 poco prima delle 7 UTC. Una decisa oscillazione al rialzo della Frequenza attorno alle 8 UTC ha messo invece in moto la Qualità.

3/3 17:00 La situazione di calma che si protrae da 60 ore sta continuando, la Frequenza è stabile sul valore base da ieri. L’Ampiezza oggi ha raggiunto come valore massimo Power 10 poco dopo la 1 UTC.

2/3 17:00 Siamo tornati alla calma, il valore massimo finora è stato Power 11 alle 10 UTC. La Frequenza ha oscillato sotto il valore base nella prima parte di oggi per portarsi poi sopra dalle 8 UTC.

1/3 09:30 L’attività intensa è durata 6 ore, dalle 23 di ieri alle 5 UTC di questa mattina, il valore massimo registrato è stato di Power 48 alla 1:30 UTC. La Frequenza è rimasta sotto 7,50 Hz dalle 19 alle 7 UTC di oggi, ha oscillato su 7,30 Hz dalle 23 alle 5 UTC, momento in cui ha iniziato una ripida salita verso il valore base raggiunto alle 8 UTC. Ora la situazione è calma.

1/3 02:30 La Frequenza si è portata su 7,30 Hz attorno alle 22 UTC e questa ulteriore diminuzione ha portato l’Ampiezza verso movimenti significativi, prima con Power 40 attorno alla mezzanotte e poi con Power 48 alle 2 UTC.

28/2 20:00 La tendenza della diminuzione della Frequenza sta continuando, al momento di questo aggiornamento ha raggiunto 7,30 Hz, questo ha messo in movimento l’Ampiezza che si è portata a Power 14 alle 19 UTC.

28/2 17:00 La Frequenza ha iniziato a muoversi, dopo 2 giorni di calma piatta, attorno alla mezzanotte UTC iniziando un graduale calo che l’ha portata a 7,50 Hz al momento di questo aggiornamento. L’Ampiezza ha reagito a questi movimenti quando la Frequenza ha toccato 7,60 Hz o meno ma sono comunque stati leggeri movimenti attorno a Power 6. L’Ampiezza 2 ha dato una colorazione al grafico principale dalle 13 UTC.

27/2 17:00 Ancora condizione di calma totale, la Frequenza stabile sul valore base.

27/2 09:30 Ci stiamo avviando verso il secondo giorno consecutivo in cui la Frequenza è rimasta praticamente stabile sul valore base con pochissime variazioni, il grafico dell’Ampiezza mostra una linea quasi piatta e oggi finora il valore massimo è stato Power 6.

26/2 17:00 Con la Frequenza che è risalita al valore base la situazione si è considerevolmente calmata, l’Ampiezza ha registrato finora Power 8 come valore massimo alle 9:30 UTC.

25/2 17:00 Dalle 13 UTC la Frequenza ha iniziato a risalire, si nota una variazione alle 13 UTC che ha raggiunto il ragguardevole valore di 8,30 Hz correlato a un altrettanto notevole picco della Qualità a 16. L’Ampiezza invece si è portata su valori di calma.

25/2 14:00 La Frequenza continua a oscillare su 7,60 Hz e i movimenti continuano, non forti ma significativi. Tra le 11 e le 12 UTC sono stati registrati i valori massimi di oggi, prima Power 28 alle 11:30 UTC e poi Power 31 alle 12.

25/2 08:30 Il periodo più significativo dell’attività di ieri sera UTC è stato dalle 15 alle 18, dove sono stati registrati i picchi più forti, i movimenti sono comunque continuati. Ampie oscillazioni della Frequenza attorno al valore base si sono verificate dalle 18 alle 23 UTC ma sia l’Ampiezza che la Qualità sono rimaste su valori di calma. Attorno alla mezzanotte UTC la Frequenza è scesa attorno a 7,60 Hz e sono stati registrati Power 22 alle 23 UTC e Power 17 alle 6 UTC. Al momento di questo aggiornamento la situazione rimane instabile con la Frequenza che tocca ripetutamente 7,40 Hz.

24/2 20:30 I movimenti sono continuati fino a poco prima delle 18 UTC con un ultimo picco a Power 47, appena dopo le 18 la Frequenza ha avuto una improvvisa e impressionante risalita che l’ha portata, nel giro di circa 10 minuti, da 7,30 a 8,00 Hz. Ora questa ha iniziato una graduale discesa ma l’Ampiezza, in altrettanto brevissimo tempo, si è portata dal massimo di oggi fino a un valore di Power 6.

24/2 17:00 Con la Frequenza che continua a rimanere nel settore basso i movimenti dell’Ampiezza si fanno più significativi, alle 13:30 c’è stato un breve picco che ha raggiunto Power 18 seguito da un movimento più intenso che alle 16:30 UTC ha raggiunto Power 39.

24/2 14:00 Nelle ultime ore la Frequenza si è portata sotto 7,30 Hz e questo ha dato inizio a dei movimenti dell’Ampiezza che sono stati in leggero e continuo aumento, alle 13 UTC è stato raggiunto il valore massimo di questi ultimi giorni di Power 16.

24/2 07:00 I dati sono tornati attorno alle 5 UTC, mostrano picchi sia dell’Ampiezza, a Power 8, che della Qualità, a 10,70. La Frequenza è decisamente bassa a 7,33 Hz. I grafici Italiani mostrano una condizione di calma.

23/2 17:00 Il flusso di dati dai rilevatori si è interrotto alle 9:30 UTC di questa mattina, fino a quel momento la situazione è stata di calma totale, la Frequenza con piccole oscillazioni sul valore base e il valore massimo dell’Ampiezza che è stato di Power 6 appena prima dell’interruzione. I grafici Italiani riportano anch’essi una condizione di calma totale.

22/2 17:00 Calma totale, la Frequenza è stabile attorno al valore base e il valore massimo dell’Ampiezza è stato Power 6.

21/2 17:00 Fino alla mezzanotte di ieri la frequenza è rimasta sopra a 8 Hz e la calma è stata totale, dalla 1 UTC ha iniziato a diminuire alternando ampie oscillazioni che hanno principalmente messo in moto la Qualità. Alle 11 UTC la Frequenza ha raggiunto 7,50 Hz e sono iniziati dei leggerissimo movimenti anche dell’Ampiezza che però non ha superato Power 7.

20/2 17:00 Con la Frequenza che finora ha oscillato sul valore base ci sono stati pochissimi movimenti, l’Ampiezza ha raggiunto Power 12 in un brevissimo movimento alle 6:20 UTC e questo è stato tutto.

19/2 17:00 La Frequenza che dalle 10 UTC sta gradualmente risalendo da 7,50 Hz verso i 7,60 Hz sta generando leggeri movimenti dell’Ampiezza che in questa fase ha raggiunto come massimo Power 21 alle 13 UTC.

19/2 11:30 L’attività di ieri si è protratta per circa 7 ore, dalle 19 alle 1:30 UTC. Il picco massimo è stato di Power 56 alle 24 UTC, il valore massimo di oggi è stato registrato subito dopo, alla 1 UTC, a Power 54. In consuntivo l’Ampiezza è rimasta sopra Power 45 per 4 ore, dalle 21:30 alla 1:30 UTC. La Frequenza durante questo periodo di forte attività è rimasta su 7,45 Hz fino alla 1:30 per poi iniziare un graduale aumento fino al valore base raggiunto alle 7 UTC; al momento di questo aggiornamento è nuovamente scesa sotto 7,50 Hz.

18/2 22:30 La Frequenza continua a rimanere sotto 7,40 e i movimenti dell’Ampiezza stanno raggiungendo picchi in graduale aumento, Power 51 è stato raggiunto alle 22:15 UTC.

18/2 22:00 Dopo essersi stabilizzata su 7,50 Hz dalle 13:30 UTC, dalle 18:30 UTC la Frequenza ha iniziato delle forti oscillazioni raggiungendo 7,30 Hz alle 19 UTC; da quel momento sono iniziati altrettanto significativi movimenti dell’Ampiezza che ha raggiunto Power 45 alle 21 UTC (contemporaneamente all’atterraggio del rover NASA su Marte). Al momento di questo aggiornamento la Frequenza rimane su 7,30 Hz e i movimenti sembrano continuare.

18/2 17:00 Una giornata di calma con la Frequenza relativamente stabile ma che nelle ultime ore ha avuto una leggera discesa verso 7,50 Hz e ha portato a dei leggeri movimenti della Qualità.

17/2 17:00 Anche se la Frequenza è rimasta sempre sotto il valore base, stabilizzandosi su 7,50 Hz dalle 3 alle 9 UTC, non ci sono stati movimenti significativi. Il valore massimo dell’Ampiezza è stato Power 12 poco dopo le 2 UTC.

16/2 17:00 Come detto in precedenza il graduale calo della Frequenza sta continuando toccando 7,50 Hz alle 16 UTC, questo ha portato a leggeri movimenti dell’Ampiezza che ha raggiunto Power 17 poco prima di questo aggiornamento.

16/2 15:00 Dalle 19 UTC di ieri fino alle 4 UTC di questa mattina è stato il periodo in cui si è verificata tutta l’attività delle ultime 24 ore, Power 32 è stato il valore maggiore di ieri, oggi alle 2 UTC c’è stato il picco a Power 24 che è il valore massimo odierno. Sempre dalle 2 la Frequenza ha iniziato una rapida risalita che l’ha portata a oscillare sul valore base dalle 8 UTC, ne è seguito un periodo di calm. Una nuova lieve discesa della Frequenza dalle 15 UTC sembra lasciar presagire qualche altro movimento.

16/2 00:30 Una ulteriore diminuzione della Frequenza dalle 21 UTC ha portato a un nuovo movimento più significativo che avuto come picco Power 32 alle 22 UTC. Al momento di questo aggiornamento la Frequenza rimane ancora sotto 7,30 Hz e i movimenti sembrano continuare.

15/2 17:00 Dalla mezzanotte UTC la Frequenza ha iniziato una graduale discesa raggiungendo 7,40 Hz tra le 6 e le 8 UTC e alle 8 c’è stato un movimento isolato di breve durata che ha raggiunto Power 22. Al momento di questo aggiornamento la Frequenza oscilla poco sotto 7,60 Hz e si registrano dei moderati movimenti della Qualità e lievi oscillazioni dell’Ampiezza sotto Power 10.

14/2 24:00 Rapide oscillazioni iniziate alle 18 UTC hanno portato l’Ampiezza a una breve serie di picchi che hanno raggiunto Power 19 alle 20:30 UTC e Power 23 poco prima delle 22 UTC.

14/2 17:00 Ampi ondeggiamenti della Frequenza hanno prodotto dei movimenti sia della Qualità che dell’Ampiezza durante la fase in cui questa ha raggiunto il valore minimo di 7,28 Hz nel periodo dalle 21 UTC di ieri fino alla 1 di questa mattina. Il valore massimo dell’Ampiezza è stato di Power 15 alle 00 UTC.

13/2 17:00 Anche se la Frequenza ha avuto ampie variazioni non si sono registrati movimenti significativi, l’Ampiezza ha avuto dei sussulti dalle 13 alle 14:30 UTC raggiungendo Power 8 come valore massimo.

12/2 17:00 La calma totale continua, la Frequenza dopo avere raggiunto il massimo alle 12 UTC sta gradualmente scendendo verso 7,50 Hz.

12/2 13:00 La calma che è iniziata ieri alle 13 UTC sta continuando, considerando calma anche le 5 ore di blackout dei dati dalle 2 alle 7 UTC. Dalla stessa ora, le 7, si nota una ripida risalita della Frequenza fin sopra il valore base.

11/2 17:00 Dopo aver oscillato sotto a 7,50 Hz producendo dei moderati movimenti dell’Ampiezza, la Frequenza si alzata leggermente per oscillare appena sotto 7,60 Hz. L’Ampiezza si è portata su valori di calma ma la Qualità ha avuto un forte poco prima delle 13 UTC raggiungendo Power 36.

11/2 09:30 Dalle 4 UTC la Frequenza è scesa attorno a 7,50 Hz e sia la Qualità che l’Ampiezza hanno iniziato dei leggeri movimenti. La Qualità ha raggiunto prima 15 e poi 17 alle 8:30 UTC mentre l’Ampiezza ha avuto una ascesa più graduale portandosi a Power 21 alle 6 UTC per rimanerci per circa 60 minuti fino a dopo le 7 UTC.

10/2 17:00 La Frequenza sta oscillando sul valore base e Ampiezza e Qualità sono tornati su valori di totale calma.

10/2 08:30 In queste ultime ore la Frequenza sta gradualmente risalendo verso il valore base e questo ha portato a una diminuzione dei movimenti. Finora il valore massimo è stato di Power 16 alla 1 UTC. In Italia si sono verificati alcuni movimenti, alla 2 e alle 4 UTC, quest’ultimo ha avuto un picco a 600 Hz alle 4:30 UTC.

9/2 17:00 Anche oggi, finora, la Frequenza è rimasta costantemente e parecchio sotto il valore base, se si esclude il periodo dalle 2 alle 3 UTC questa mattina. La magnitudo dei movimenti è comunque stata inferiore a ieri e i valori più elevato sono stati quelli riportati in precedenza. Nelle ultime ore si nota un picco della Qualità che ha raggiunto 15 alle 14:30 UTC mentre l’Ampiezza si è riportata lentamente sotto Power 10. Al momento di questo aggiornamento la Frequenza oscilla su 7,40 Hz.

9/2 08:30 Dopo i forti movimenti, dalle 17 UTC questi si sono leggermente attenuati in quanto la Frequenza ha avuto dei marcato ondeggiamenti. Da poco dopo le 17 UTC è tornata per circa 4 ore sopra il valore base, una nuova ripida discesa è iniziata alle 21 UTC e attorno alla 1 UTC di oggi ha raggiunto 7,50 Hz, questo ha portato a un movimento dell’Ampiezza che ha raggiunto Power 28. Una nuova onda di risalita e conseguente discesa è iniziata immediatamente dopo con la Frequenza a 7,30 Hz alle 6 UTC e Ampiezza a Power 35. Al momento di questo aggiornamento la Frequenza oscilla su 7,40 Hz.

8/2 17:00 Da poco dopo le 13 UTC, quando l’Ampiezza ha superato Power 36, fino a poco prima delle 17 UTC, se si esclude un breve periodo poco dopo le 14, il valore minimo è rimasto sempre sopra Power 36. Alle 16 UTC, con una rapida risalita della Frequenza a circa 8 Hz seguita da un’altrettanto ripida discesa sotto 7,50 Hz, l’Ampiezza ha prodotto il picco più elevato di oggi a Power 59.

8/2 15:00 I movimenti dell’Ampiezza continuano dato che la Frequenza rimane tendenzialmente bassa. Un nuovo movimento iniziato alle 12 UTC ha portato l’Ampiezza a raggiungere nuovamente Power 46 alle 13:30 UTC, si può notare come le altre misurazioni dell’Ampiezza della RS secondaria e le altre riportino valori molto elevati.

8/2 10:30 La Frequenza sta continuano con la significativa instabilità. Dopo avere raggiunto e superato varie volte il valore base nel pomeriggio UTC di ieri, alle 22 UTC ha iniziato una rapida diminuzione per portarsi su 7,45 Hz e continuare con una ulteriore lenta diminuzione verso 7,30 Hz raggiunto attorno alle 6 UTC. Questo valore ha messo in movimento l’Ampiezza che ha iniziato ad aumentare, prima verso Power 20 e in seguito, verso le 9 UTC, con un rapido movimento che l’ha portata a raggiungere Power 46 alle 9:30 UTC quando la Frequenza ha toccato 7,23 Hz.

7/2 17:00 Ampie oscillazioni della Frequenza nelle ultime ore hanno portato ad altri movimenti significativi dell’Ampiezza che ha raggiunto Power 34 alle 14:30 UTC e a un picco della Qualità che ha raggiunto 15 alle 16:30 UTC.

7/2 12:30 La Frequenza continua a oscillare su 7,60 Hz e anche se il valore non è particolarmente basso i movimenti dell’Ampiezza sono in aumento. Dalle 9 UTC, quando è iniziata la fase più significativa, sono stati registrati picchi a Power 17, come riportato in precedenza, Power 32 alle 10:30 UTC e quello che finora è il valore più alto a Power 37 alle 11:30 UTC.

7/2 11:00 Dopo essere tornata brevemente sul valore base poco prima della mezzanotte UTC, la Frequenza è nuovamente scesa a 7,60 Hz dalla 1 UTC dando origine a moderate oscillazioni della Qualità e leggeri movimenti dell’Ampiezza attorno a Power 10. Questi movimenti si sono leggermente intensificati attorno alle 9 UTC raggiungendo Power 17 poco prima delle 10 UTC. I grafici Italiani riportano sporadici movimenti che hanno raggiunto 30 Hz alle 2 e alle 7 UTC.

6/2 22:00 A Tomsk la Frequenza sta tornando verso il valore base e l’attività si è decisamente calmata. In Italia l’antenna Marconi sta rilevando un aumento del campo elettromagnetico, dalle 18 UTC, fino a 400 Hz in contemporanea a temporali nella zona.

6/2 17:00 La Frequenza ha iniziato dei movimenti poco prima della mezzanotte UTC iniziando delle ampie variazioni che hanno portato a un primo movimento dell’Ampiezza che ha raggiunto Power 19 alle 23:30 UTC ieri sera. Dalle 1 UTC di oggi si nota una graduale diminuzione della Frequenza che ha raggiunto 7,40 Hz attorno alle 11, qui è quando sono iniziati altri movimenti significativi dell’Ampiezza con un primo picco a Power 21 alle 13 e il valore massimo finora di Power 31 alle 14 UTC. I grafici Italiani riportano invece una situazione di completa calma.

5/2 17:00 La calma totale sta continuando, nessun movimento significativo nelle ultime ore con la Frequenza che oscilla poco sotto il valore base.

5/2 10:30 Con la Frequenza che tornata a oscillare sul valore base la situazione si presenta di completa calma con i grafici dell’Ampiezza e della Qualità praticamente piatti. L’Ampiezza ha raggiunto come valore massimo Power 9 attorno alle 6 UTC. Calma totale anche nei grafici Italiani.

4/2 17:00 L’attività di oggi UTC è la coda dei movimenti iniziati ieri alle 5 UTC e che sono continuati per circa 24 ore fino alle 5 UTC di questa mattina, alle 2 UTC c’è stato il valore più alto raggiunto oggi a Power 26 durante una fase iniziata alle 19 e finita alle 4 UTC in cui l’Ampiezza è rimasta praticamente sempre sopra a Power 15. Da notare il picco della Qualità che alle 19 di ieri ha raggiunto 14,20 durante una forte oscillazione della Frequenza. Quest’ultima ha iniziato la risalita verso il valore base alle 5 UTC e dalle 11 sta oscillando su 7,83 Hz. I grafici Italiani riportano una situazione di calma con uno sporadico picco a 30 Hz alle 11:30 UTC.

3/2 17:00 I movimenti dell’Ampiezza si sono ridotti significativamente, ora sono costanti su Power 10 anche se la Frequenza continua a oscillare su 7,50 Hz. Sui grafici Italiani la situazione si presenta calma.

3/2 13:30 L’attività iniziata alle 5 UTC con la diminuzione della Frequenza sotto 7,50 Hz sta continuando, dalle 6 UTC l’Ampiezza si è mantenuta praticamente sempre sopra Power 20. Il valore maggiore che ha raggiunto è ancora Power 36 alle 7 UTC ma sono seguiti altri movimenti che hanno raggiunto Power 31 alle 9 e Power 32 alle 13 UTC. Nei grafici Italiani si nota una leggera attività di sottofondo che non ha generati picchi significativi.

3/2 7:30 Dopo un breve periodo in cui la Frequenza ha toccato il valore base, dalla mezzanotte UTC è iniziata nuovamente a diminuire fino a portarsi su 7,47 Hz e oscillare ampiamente. La Qualità durante questa fase è tornata sotto 10 mentre l’Ampiezza sta avendo dei movimenti significativi dalle 5 UTC quando ha iniziato una rapida salita che ha portato a un primo picco a Power 26 poco dopo le 6 UTC e un’ulteriore aumento a Power 36 alle 7 UTC, questa attività sembra continuare.

2/2 17:00 Dopo vari giorni la Frequenza è infine tornata a oscillare attorno al valore base anche se la situazione di calma rimane. Oggi il valore massimo dell’Ampiezza è stato Power 7 alla 1 UTC. I grafici Italiani riportano anch’essi leggera attività, il massimo registrato finora è stato 30 Hz poco dopo le 14 UTC.

1/2 17:00 Ancora in condizione di bassa Frequenza, dal grafico degli ultimi 3 giorni si nota come il valore base sia stato raggiunto una sola volta, e momentaneamente, il 30 Gennaio. Per la maggior parte del tempo in questi ultimi giorni è stata calma totale, oggi il valore massimo dell’Ampiezza è stato Power 6 attorno alle 13 UTC. I grafici Italiani oggi riportano una condizione simile, nessun movimento a parte un picco isolato che ha raggiunto 40 Hz alle 14:30 UTC.

31/1 17:00 Anche oggi la Frequenza è rimasta sempre sotto il valore base ma ancora una volta nessun movimento rilevante, l’Ampiezza ha raggiunto il massimo di Power 11 alle 3 e alle 13 UTC. I grafici Italiani riportano calma con leggeri movimenti attorno a 25 Hz.

30/1 22:30 Mentre in Russia la situazione è tornata alla calma pressoché totale con la Frequenza leggermente sotto il valore base, i grafici Italiani riportano una forte attività elettromagnetica iniziata poco dopo le 18 UTC con picchi che hanno raggiunto 400 e 450 Hz numerose volte ed è attualmente in corso.

30/1 17:00 La lenta e costante risalita delle Frequenza è iniziata ieri attorno alle 11 UTC e oggi alle 10, dopo quasi 24 ore, ha raggiunto momentaneamente il valore base. La giornata di oggi non ha visto movimenti significativi, i valori massi di Power 11 sono stati raggiunti alle 12 e alle 16 UTC. I grafici Italiani riportano il consueto picco a 70 Hz, registrato alle 11:30 UTC, seguito da una leggera attività attorno a 20 Hz.

30/1 00:30 Con la Frequenza che continua a mantenersi ampiamente sotto il valore base continuano anche i movimenti dell’Ampiezza che nelle ultime 24 ore è rimasta molto attiva producendo picchi in leggero ma costante aumento, alle 19:30 UTC ha fatto registrare il valore più alto a Power 44.

29/1 17:17 La Frequenza rimane su 7,40 Hz e le oscillazioni dell’Ampiezza continuano e dopo il movimento a Power 35 riportato in precedenza vediamo altre variazioni che hanno raggiunto Power 25 tra le 14 e le 15 UTC. I grafici Italiani riportano una condizione simile con latri picchi che hanno raggiunto 70 Hz poco dopo le 14 UTC.

29/1 13:13 Con la Frequenza che dalle 9 UTC oscilla tra 7,40 e 7,20 Hz l’Ampiezza sta infine mostrando dei movimenti consistenti. Dalle 9 UTC ha iniziato una ripida salita che alle 11 ha portato al picco più forte di oggi a Power 35. Questa attività è registrata anche in Italia con dei leggeri movimenti di sottofondo e un picco isolato a 70 Hz poco dopo le 12 UTC.

29/1 10:00 La moderata attività iniziata ieri attorno alle 19 UTC sta continuando anche se in tono minore in quanto la Frequenza si trova in una graduale e lenta discesa, al momento di questo aggiornamento si trova su 7,28 Hz. L’Ampiezza ha continuato le oscillazioni in modo sporadico con un movimento a Power 30 alle 2:30 UTC e die picchi a Power 17 tra le 6 e le 8 UTC. I grafici Italiani riportano invece una condizione di calma.

28/1 21:30 Le oscillazioni della Frequenza continuano avvicinandosi nuovamente a 7,30 Hz e questa volta stanno producendo dei movimenti significativi, questi sono iniziati alle 19 UTC e alle 20 l’Ampiezza ha raggiunto Power 41 e rimanendo fino a ora attorno a quel valore.

28/1 17:00 La giornata di oggi è stata finora caratterizzata da grandi oscillazioni della Frequenza, ancora una volta per la maggior parte del tempo sotto il valore base. Queste variazioni non hanno comunque portato a picchi significativi, l’Ampiezza ha avuto la parte più attiva dalle 6 alle 12 UTC e il valore massimo raggiunto è stato Power 12 alle 7 UTC in contemporanea al picco minimo della Frequenza a 7,33 Hz. I grafici Italiani riportano una situazione di calma con il “solito” picco isolato di breve durata che ha raggiunto 70 Hz poco dopo le 14 UTC.

27/1 17:00 Ampie oscillazioni della Frequenza, rimasta sempre ad disotto del valore base, hanno portato a dei leggeri movimenti dell’Ampiezza che hanno avuto la fase più significativa dalla mezzanotte alle 7 UTC raggiungendo il valore massimo di Power 18 poco prima delle 2 UTC. Dalle 7 i valori dell’Ampiezza sono tornati normali mentre continuano gli ondeggiamenti della Qualità senza però raggiungere picchi significativi. I grafici Italiani riportano un picco isolato di breve durata che ha raggiunto Power 65 alle 14 UTC, per il resto anche in qui è stata principalmente calma.

26/1 17:00 I grafici Russi riportano la Frequenza nuovamente su 7,40 Hz e nient’altro se non lievi movimenti iniziati attorno alle 13 UTC quando la Frequenza ha raggiunto il minimo di oggi. I grafici Italiani rispecchiano questa situazione di calma totale dalle 15 UTC.

26/1 13:30 Oggi si presenta come la copia di ieri, nulla di significativo a Tomsk mentre in Italia viene riportato un picco isolato a Power 70 poco dopo le 11 UTC.

25/1 17:00 Nessun cambiamento significativo, rimane la leggera attività di fondo nei grafici Italiani mentre a Tomsk viene registrata calma piatta.

25/1 14:30 Mentre a Tomsk viene riportata attività quasi nulla con la Frequenza che tendenzialmente rimane sotto il valore base e l’Ampiezza a Power 6, in Italia i grafici riportano una leggera attività iniziata poco dopo le 10 UTC che si è mantenuta attorno a Power 10 a parte un picco isolato di breve durata a Power 70 alle 11:30 UTC.

24/1 17:00 Anche oggi bassa frequenza e pochissimo altro, attorno alle 14 UTC c’è stato un rapido calo a 7,23 Hz e questo ha prodotto un picco della Qualità che ha raggiunto 14. L’Ampiezza è praticamente in pausa, il valore più alto finora è stato Power 6 poco dopo la 1 UTC. I grafici Italiani riportano altrettanta calma, qui il massimo è stato Power 20.

23/1 17:00 La Frequenza continua a rimanere attorno a 7,60 Hz e questo sembra mantenere la Qualità attorno a 9 e l’Ampiezza che continua a oscillare senza però raggiungere valori significativi, i massimi sono leggermente aumentati raggiungendo Power 10. I grafici Italiani riportano una condizione simile con movimenti attorno a 20.

23/1 09:00 L’attività registrata in Italia è durata circa 9 ore, dalle 12 alle 21 UTC di ieri con la parte più intensa dalle 13 alle 19; dalle 21 la situazione è tornata calma. A Tomsk si registra ancora la Frequenza a livelli molto bassi che nelle ultime ore riporta leggere oscillazioni su 7,60 Hz. La Qualità si è stabilizzata appena sotto 9 e l’Ampiezza, dopo un periodo di calma piatta che dura da circa 48 ore sta oscillando attorno a Power 9.

22/1 19:00 Ulteriore aumento, attorno alle 18 UTC i grafici riportano il valore massimo di Power 6000.

22/1 17:00 Il massimo dell’attività è stato attorno alle 15:30 UTC per circa 20 minuti, è seguita altra forte attività che ha toccato Power 600 poco prima delle 16 UTC.

22/1 16:00 Una potente attività viene riportata nei grafici Italiani che ha raggiunto il fondo scala in 2 dei 3 grafici riportati, i valori rilevati del campo elettrico dall’Antenna Marconi (VLF – Very Low Frequency) sono molto elevati e toccano Power 3000. Nella zona non sono riportati fulmini.

22/1 14:00 Oggi la Frequenza è tornata a oscillare tra 7,50 e 7,60 Hz, abbondantemente sotto il valore base e, come da qualche giorno, nessun movimento significativo degli altri parametri, l’Ampiezza ha raggiunto Power 6. Alcuni movimenti sono invece riportati sui grafici Italiani, attorno alle 12:30 UTC c’è stata una fase in cui è stato raggiunto Power 20, attorno alle 13 UTC si nota un’intensificazione che ha raggiunto Power 30.

21/1 17:00 Massima calma, la Frequenza oscilla attorno a 7.60 Hz ma questo è tutto, lAmpiezza ha raggiunto Power 7 come valore massimo.

20/1 17:00 La situazione è di calma totale, la Frequenza è infine tornata sul valore base nel pomeriggio UTC di ieri ma dalla mezzanotte sono iniziate delle oscillazioni più ampie che però non hanno prodotto movimenti significativi degli altri parametri. L’Ampiezza oggi ha raggiunto come valore massimo Power 6. Situazione di calma piatta anche nei grafici Italiani.

19/1 17:00 Nessun cambiamento rispetto al precedente aggiornamento, la Frequenza continua a rimanere sotto il valore base senza però dare origine a movimenti significativi degli altri parametri.

19/1 13:30 Ancora una giornata in cui la Frequenza rimane molto sotto il valore base, nelle ultime 48 ore ha superato 7,83 Hz una sola volta, alle 11 UTC di questa mattina. Tutto questo non ha però comportato gradi movimenti negli altri parametri, solo la Qualità ha raggiunto Power 10 in contemporanea al brevissimo ritorno della Frequenza al valore base alle 11 UTC. L’Ampiezza ha raggiunto varie volte Power 8, il valore più altro delle ultime 30 ore. I grafici Italiani, dopo un lungo periodo in cui non sono stati registrati dati, mostrano una calma piatta, a parte un leggero movimento attorno alle 12 UTC che ha raggiunto Power 25.

18/1 17:00 La situazione dalle 7 UTC è di calma anche se la Frequenza rimane ancora significativamente sotto il valore base. La fase di attività di oggi è durata circa 6 ore, dalla mezzanotte alle 6 UTC.

18/1 10:00 Dopo vari giorni in cui la Frequenza è rimasta decisamente sopra il valore base negliultimi 3 giorni la situazione si è invertita completamente, anche oggi i valori sella Frequenza sono decisamente sotto 7,83 Hz. Dalla mezzanotte UTC è iniziata una fase di ulteriore diminuzione quando si è portata su 7,40 Hz, questo ha portato a movimenti della Qualità e dell’Ampiezza, la prima ha raggiunto Power 10 mentre l’Ampiezza ha registrato una serie di picchi il maggiore dei quali ha raggiunto Power 31 poco prima della 1 UTC. La fase più significativa è terminata alle 7 UTC con la Frequenza che è tornata a risalire a 7,70 Hz.

17/1 17:00 Nessun cambiamento significativo nelle ultime ore, solo un ulteriore abbassamento della Frequenza verso 7,40 Hz dalle 11 UTC che ha portato a dei movimenti della Qualità e un picco dell’Ampiezza che rappresenta il valore massimo di oggi a Power 13 poco dopo le 16 UTC. I grafici Italiani riportano invece un blackout dei dati da poco dopo le 14 UTC quando si è registrato un movimento che ha raggiunto Power 30.

17/1 14:00 Per il secondo giorno consecutivo troviamo la Frequenza stabile molto sotto il valore base, la coincidenza sospetta è che questo stato è iniziato esattamente durante il periodo di blackout del 15 Gennaio che è durato 6 ore, dalle 3 alle 9 UTC. Nonostante questo però non ci sono stati movimenti significativi degli altri parametri, oggi l’Ampiezza ha raggiunto Power 10 come valore massimo attorno alle 9:30 UTC. La stessa situazione è riportata nei grafici Italiani dove il valore massimo è stato Power 20.

  • Frequenza significa quanti cicli ondulatori si verificano in un secondo, 1 Hz. significa 1 ciclo al secondo, 40 Hz. significa 40 cicli al secondo, L’Ampiezza è la dimensione della vibrazione, quanto è grande l’onda, il grafico mostra la variazione di frequenza in Hz e l’ampiezza usando il colore bianco.

Il grafico è basato sull’orario di Tomsk – Russia – UTC +7

Note

Gli antichi indiani, Rishis (saggi) chiamavano 7.83 Hz la frequenza di OM. È anche il ritmo naturale di Madre Terra, Le Risonanze Schumann prendono il nome professore Schumann che è stato coinvolto nei primi mesi del Programma Spaziale Segreto Tedesco e fu poi paperclipped negli Stati Uniti. Le frequenze di Risonanza Schumann sono piuttosto stabili e sono prevalentemente definite per le dimensioni fisiche della cavità ionosferica. L’ampiezza delle risonanze Schumann non cambia ed è più grande quando il plasma ionosferico viene eccitato. L’eccitazione del plasma ionosferico accade a causa dell’attività solare, temporali, uso di Armi Scalari al Plasma e HAARP e ultimamente anche quando le Forze della Luce compensano l’anomalia plasmatica.

Schumann Resonance Today

Data from Cumiana, Italy

Risonanza Schumann Oggi – Energia Delle Correnti Di Coscienza Articoli

Stellium E Luna Nuova Di Febbraio 2021

Stellium E Luna Nuova Di Febbraio 2021

Giovedì 11 febbraio 2021 con la Luna Nuova (circa 2:06 PM EST), abbiamo avuto uno “Stellium” di sei pianeti in Acquario: Sole, Luna, Mercurio, Giove, Saturno e l’asteroide Pallade. Questa formazione specifica in Acquario non si verificava dal 1962.

Aggiornamenti Intensificati dell’Equinozio!

Aggiornamenti Intensificati dell’Equinozio!

Il 20 marzo 2021, l’equinozio primaverile si verificherà nell’emisfero settentrionale mentre l’equinozio autunnale avverrà nell’emisfero meridionale. A partire dal 20 febbraio 2021 circa, questo nuovo portale con il suo elettromagnetismo in crescendo, è stato aperto.

Potente Energia Curativa Dell’Ambra – Dr. Schavi

Potente Energia Curativa Dell’Ambra – Dr. Schavi

L’AMBRA è stata utilizzata per la guarigione sin dai tempi antichi. I gioielli realizzati con essa sono stati scoperti nelle rovine Kemetiche (egiziane) e nelle rovine di molte altre antiche civiltà. I corredi del faraone Tutankhamon, ad esempio, erano pieni di molti gioielli con AMBRA.

Archivio Immagini

Tutte le Immagini Giornaliere
Risonanza Schumann Oggi - Space Weather DNI
Spiegazione del Grafico Risonanza Schumann

Il Grafico Spettrografico della Risonanza

Il Grafico Spettrografico della Risonanza mostra i dati del rilevatore di campi magnetici per monitorare le risonanze che si verificano nelle onde del plasma che circondano costantemente la terra nella ionosfera. Questi spettrogrammi di tre giorni mostrano l’attività che si verifica alle varie frequenze di risonanza da 1 a 40 Hz. All’interno dello spettrogramma, la potenza o il livello di intensità di ciascuna frequenza viene visualizzato come un colore, con il bianco più intenso. Le risonanze di Schumann appaiono come linee orizzontali a 0.0, 4.0, 8.0, 12.0, 16.0, 20.0, 24.0, 28.0, 32.0, 36.0 e 40.0 Hz. Questo grafico si basa sull’ora di Tomsk, Russia, UTC +7 (UTC = Universal Time Coordinated).

Cos’è uno Spettrogramma?

Lo Spettrogramma è una rappresentazione visiva della gamma di frequenze nel campo magnetico in una determinata posizione. Simile a come un equalizzatore visualizza il contenuto in frequenza della musica riprodotta sullo stereo, lo spettrogramma visualizza il contenuto in frequenza di un campo magnetico. Invece di mostrare una breve istantanea, mostra le modifiche su un periodo di tempo, in questo caso 3 giorni.

Il campo magnetico locale è un campo dinamico che cambia costantemente a causa delle variazioni della ionosfera e del Sole e di molte altre influenze non ancora pienamente comprese. L’intervallo di variazione visualizzato nel grafico a spettrogramma va da 0 a 40 cicli al secondo. L’asse verticale è la frequenza e l’asse orizzontale è il tempo. L’ampiezza di una particolare frequenza in un momento specifico è rappresentata dall’intensità del colore (verde, giallo, bianco) di ciascun punto dell’immagine.

Ampiezza e Periodo

I Click Sulle Pubblicità Ci Tengono In Vita 🙂

Pillole Disclosure News Testata

Porte della Percezione

Se le Porte della Percezione fossero purificate, tutto apparirebbe all'uomo come in effetti è, Infinito.

William Blake

Fai una Donazione in Bitocoin

1NrkczypToK9xZAY26nyAn8UEC127cgPk8

Sostieni Disclosure News Italia

Ci stiamo impegnando molto per mantenere questo blog e ci lavoriamo ogni giorno, cerchiamo e traduciamo articoli ma ne pubblichiamo anche di nostri. Come voi siamo alla ricerca della verità. Se volete collaborare con noi siete i benvenuti, scriveteci! Le spese del blog sono a nostro carico, la pubblicità ci rimborsa in modo molto marginale quindi se vi piace il nostro lavoro e lo trovate utile offriteci un caffè cliccando sul bottone di donazione con PayPal. Ci serve l'aiuto di gente come te!

  • 2021 Server & Site Tech Support 4200 € 55% 55%

Pin It on Pinterest