Operazione in Nepal Parte 2 - Lev

Operazione in Nepal Parte 2

The Great Quantum Transition

Operazione in Nepal Parte 2 – Di Lev

Tutte le seguenti operazioni dei Guerrieri della Luce in Nepal erano legate al Buddha e subordinate al compito precedente. Vale a dire, smantellare la struttura energetica degli Arconti Neri e rimuoverne tutte le fonti di potere.

In molte di queste fonti aggiuntive c’erano aspetti del Buddha. I Co-Creatori hanno incaricato la squadra di terra di trovarli, purificarli dal karma degi Oscuri e riportarli a Buddha Gautama Shakyamuni, nella forma completamente restaurata.

I click sulle pubblicità ci tengono in vita 🙂

Per capire il significato dell’operazione, è importante ricordare chi è Buddha.

Non è un nome, ma un grado, un alto livello di perfezione spirituale. Ci sono stati, secondo diverse fonti, da 7 a 28 Buddha nel corso della storia dell’umanità.

Operazione in Nepal Parte 2 - Buddha Gautama

Buddha Gautama

Operazione in Nepal Parte 2

Il Buddha nel Cosmo spirituale è solitamente considerato un essere che ha rotto autonomamente la Ruota del Samsara (la necessità di incarnarsi sulla Terra per elaborare il suo karma) attraverso l’auto-miglioramento e l’Ascensione (ottenere l’immortalità). Ma nella stretta condizione della incarnazione sulla Terra e dopo la fine della missione terrestre.

Nel Cosmo Spirituale, c’è una specie di “club dei Buddha” composto de entità che sono diventate Buddha dopo aver terminato la loro missione terrestre.

Non tutti gli esseri superiori che si sono incarnati sul nostro pianeta per raggiungere il livello di Buddha hanno potuto farlo.

Avendo qui un corpo umano, sono stati lasciati soli con loro stessi, senza alcun aiuto e hanno attraversato la conoscenza della Verità e le lezioni della vita EQUAMENTE, su una base comune con altre persone comuni.

È per questa esperienza che vengono sulla Terra, trovando la loro strada qui e mostrandola agli altri. Molti esseri superiori non hanno potuto raggiungere il livello di un Buddha in una sola incarnazione.

A volte coloro che non avevano bisogno di rompere la Ruota del Samsara sono venuti sulla Terra perché non avevano karma, ma sono arrivati sul nostro pianeta per svolgere qualche compito.

Il più famoso fu Buddha Gautama Shakyamuni. Il suo vero nome spirituale è Yang Bao. È uno degli Arconti Primari della Luce, un abitante del Pleroma. Il suo dipolo di nascita è Guan Yin (Dea Kannon).

Yang Bao (Gautama Buddha) e Guan Yin non si sono incarnati sulla Terra insieme – solo separatamente. Ognuno ha realizzato un programma evolutivo personale. Di conseguenza, nessuno di loro ha potuto raggiungere il proprio obiettivo e portare a termine la propria missione nella misura massima.

Gli obiettivi di Gautama Buddha e Guan Yin erano simili. Entrambi volevano creare uno strumento universale per cancellare il karma umano, ma andavano per la loro strada e con tecnologie diverse. Forse se avessero agito insieme secondo lo stesso piano, avrebbero avuto successo.

Operazione in Nepal Parte 2 - Samsara Wheel

Ruota di Samsara

Operazione in Nepal Parte 2

DNit Telegram Channel

 

Operazione in Nepal Parte 2 - Guan Yin

Guan Yin

Operazione in Nepal Parte 2

In Nepal, ogni operazione dei Guerrieri della Luce si è svolta in luoghi legati a momenti chiave della vita del Buddha Gautama Shakyamuni.

Prima di tutto, il gruppo era interessato: perché è morto? Buddha è morto, non è asceso perché l’Ascensione era il modo in cui il suo viaggio terrestre doveva finire.

Si crede ufficialmente che dopo la sua morte, Gautama Buddha andò nel Nirvana e da lì nel Paranirvana. Il Nirvana corrisponde al campo del Logos dell’Universo Locale, il Paranirvana – al Pleroma, e il Mahaparinirvana – all’Assoluto.

Arrivarci direttamente dalla Terra è possibile solo sconfiggendo la morte, come risultato dell’Ascensione. Per esempio, come il profeta Elia o Gesù Cristo.

Ma Buddha è morto. E Buddha non dovrebbe morire, dovrebbe solo ascendere. Poi, si scopre che Gautama Shakyamuni non ha raggiunto il livello di Buddha. Durante le operazioni, i Guerrieri della Luce hanno chiarito questa contraddizione.

Hanno trovato le risposte alle loro domande quando sono andati nel luogo dove il Buddha è morto.

Si trova a Kushinagar, nel nord dell’India, vicino al confine con il Nepal.

Buddha fu avvelenato da una tossina messa nel suo cibo. Giacque in grande agonia per diversi giorni. Poi, girato sul fianco destro, morì, o entrò nel Nirvana, come lo interpreta la versione generalmente accettata. In effetti, Buddha Gautama Shakyamuni dopo la sua morte entrò nel Logos dell’Universo locale.

Ma ciò avvenne solo perché i suoi Fratelli Spirituali, i Gerarchi Superiori della Luce, lo aiutarono. Dopo tutto, Buddha ha ricevuto sulla Terra il corpo di manifestazione della sua Monade attraverso il Logos dell’Universo Locale, che era la sua patria ed era un Gerarca Universale.

Operazione in Nepal Parte 2 - Kushinagar

Kushinagar

Operazione in Nepal Parte 2

Operazione in Nepal Parte 2 - Jesus Christ

Gesù Cristo

Operazione in Nepal Parte 2

Buddha SAPEVA che stava per essere avvelenato e lo fece deliberatamente. Solo assumendo una grande dose del karma del mondo poteva innescare lo strumento di rimozione del karma che aveva creato.

La sua missione di vita era terminata e tutto ciò che serviva era mettere un punto finale o un punto esclamativo su di essa, sconfiggendo la morte in modo dimostrativo, come Cristo avrebbe fatto più tardi.

Sfortunatamente, non accadde per le ragioni sopra menzionate.

Il Paranirvana è lo stadio finale dell’immortalità, quindi chi lo ha raggiunto NON muore.

Per Buddha, la morte equivaleva al fallimento della missione.

Accadde a causa del sabotaggio degli Oscuri, che bloccarono i suoi aspetti e lui non ne era consapevole.

Come risultato, perse l’integrità, senza la quale l’immortalità è impossibile.

Gautama Shakyamuni tornò sulla Terra dopo otto (secondo altre fonti, dopo dodici) anni come Padmasambhava.

E questa volta ottenne ciò che non aveva potuto ottenere nella incarnazione precedente: l’immortalità fisica.

Operazione in Nepal Parte 2 - Padmasambhava

Padmasambhava

Operazione in Nepal Parte 2

Alla sua nascita sulla Terra, Buddha-Yang Bao (anche se allora non era ancora un Buddha) portò sulla Terra nella sua Monade un aspetto del Logos dell’Universo locale.

Mai prima d’ora era successo qualcosa del genere sul nostro peccaminoso pianeta.

Fu una mossa audace e rischiosa, dare alla Terra un pezzo del Sole Spirituale Centrale mentre qui regnavano incontrastate le Forze Oscure.

Il nucleo di questo aspetto, Yang Bao lo consegnò ai Mahatma di Shambhala che lo collocarono nell’Altare del sacro Monte Kailas.

Preliminarmente ha creato 12 copie dal nucleo in base ai suoi aspetti Monadici.

Operazione in Nepal Parte 2 - Kailas

Kailas

Operazione in Nepal Parte 2

Allo stesso modo, ha agito il suo dipolo Guan Yin. Nella sua prima incarnazione, ha portato un aspetto del Logos Galattico sulla Terra, che è stato posto in Jomolungma. Come Yang Bao, Guan Yin è il Guardiano ufficiale delle Fondazioni nel Cosmo.

Qual’era la missione terrestre di Yang Bao?

Voleva creare un reattore universale che potesse annientare il karma formato non solo nelle Forme d’Intelligenza del Logos (Pianeti, Stelle, Costellazioni, Galassie, ecc.) ma anche nell’Uomo (nel Corpo Causale e nella Monade).

La creazione di un tale rettore permetterebbe all’intero Universo di essere ripulito dal karma. Questo era il suo obiettivo. Ma per raggiungerlo, Yang Bao, per prima cosa, doveva raggiungere il livello di Buddha.

Viaggiando attraverso quello che oggi è il nord dell’India, il Nepal e l’Afghanistan (Altopiano di Bamiyan), Gautama Buddha iniziò a creare il Mandala anti-karmico dei 12 luoghi di potere – i Templi di Luce Universale – il fondamento del futuro reattore.

Sul Piano Sottile, investì in ogni Luogo del Potere uno dei 12 aspetti copiati del Logos Universale, di cui la sua Monade era portatrice.

Operazione in Nepal Parte 2 - Bamyan Plateau

Altopiano di Bamyan

Operazione in Nepal Parte 2

Gradualmente si costruì una struttura composta da parti locali della realtà terrestre e aspetti della Monade di Buddha. Questo doveva essere il corpo del futuro reattore.

I Guerrieri della Luce cercarono a lungo il suo centro ma non lo trovarono mai. Molto probabilmente, non c’era affatto, o il centro era il Buddha stesso.

I Gerarchi Oscuri impedirono a Buddha di realizzare la sua missione. Lo fecero in modo insidioso, disonesto e crudele, cercando di impadronirsi di un aspetto del Logos Universale che aveva portato sulla Terra, per essere usato per il Male.

Si impadronirono segretamente di tutti i 12 Templi di Luce creati da Buddha e li collegarono ai cimiteri karmici, ottenendo il controllo della situazione.

Il piano era semplice e ingegnoso. Al momento dell’attivazione, il reattore doveva assorbire e annientare (trasformare in Luce) una certa dose di karma, prima del Logos della Terra, poi del karma umano.

Tutto questo doveva passare attraverso il Buddha stesso. Tutti i 12 Templi sono stati creati come un unico insieme.

Operazione in Nepal Parte 2 - Light Temple

Tempio di Luce

Operazione in Nepal Parte 2

Gli Arconti Neri hanno interrotto l’unità del sistema interrompendo la connessione tra i Templi. Al momento del lancio del sistema, Buddha era già avvelenato e ci è andato di proposito, sperando nel reattore.

Buddha ha tirato giù una quantità colossale di karma che avrebbe dovuto essere immediatamente reindirizzato nel reattore per l’annientamento. Invece, la sostanza super tossica delle voragini karmiche degli Oscuri si riversò sul Buddha.

Poiché l’integrità del reattore era distrutta, non si è acceso e non ha funzionato. L’intera quantità di karma ricevuta dovette essere bruciata dal Buddha stesso.

Durante i giorni della sua malattia, lo elaborò completamente. Ma il suo corpo fisico non poté resistere e morì.

L’intera infrastruttura del reattore da lui creato (i 12 Templi di Luce Universale con il suo e l’aspetto Logos dell’Universo Locale) passò nelle mani dei Gerarchi Neri che su questa base crearono una parte del loro sistema energetico globale.

Operazione in Nepal Parte 2 - Buddha Dying

Buddha Disteso

Operazione in Nepal Parte 2

Il Consiglio dei Co-Creatori incaricò la squadra di terra di raccogliere e purificare tutti i 12 aspetti del Buddha, combinarli in un unico insieme e restituirlo al Buddha insieme agli aspetti purificati e restaurati del Logos dell’Universo locale. Tranne quello principale, a Kailas, che non è caduto nelle mani degli Arconti Neri.

Questa operazione dei Co-Creatori è stata assegnata esclusivamente ai Guerrieri della Luce maschi, cioè ai portatori della Fondazione Maschile.

Il compito della metà femminile del gruppo comprendeva un lavoro simile con gli aspetti illiquidi di Guan Yin. Li ha lasciati sulla Terra durante l’incarnazione quando stava creando la sua versione del reattore universale anti-carmico.

Durante l’operazione in Nepal, la squadra ha visitato molti luoghi dove Buddha ha costruito Templi di Luce, collocando aspetti del Logos Universale e della sua Monade al loro interno.

All’arrivo, i Guerrieri della Luce hanno estratto gli aspetti da questi luoghi di potere e li hanno messi nel corpo Monadico creato dai frammenti delle Monadi di tutti i membri maschili della squadra.

Il gruppo non poteva visitare tutti i 12 Templi. Perciò i Gerarchi Superiori della Luce e i Signori del Karma con Buddha-Yang Bao (dopo l’incarnazione, si è unito al numero dei Signori del Karma) hanno trasferito essi stessi gli aspetti da altri Luoghi del Potere non visitati, nei luoghi dove la squadra ha soggiornato.

Ciò ha permesso di coprire tutti i Templi. Allo stesso modo, le donne del gruppo lavoravano con gli aspetti di Guan Yin.

La prima operazione che i Guerrieri della Luce hanno effettuato dallo Stupa di Boudhanath che DNI ha raccontato nella PARTE 1.

Operazione in Nepal Parte 2 - Boudhanath Stupa

Boudhanath Stupa

Operazione in Nepal Parte 2

Prima, con l’aiuto dei Gerarchi e del Buddha stesso, gli uomini hanno preso la parte dei suoi aspetti a livello Causale. Poi, li hanno filtrati, purificati e disinfettati. Poi, hanno trasferito gli aspetti nella loro Monade unita. Da essa, con l’aiuto delle vibrazioni di Luce Assoluta, gli aspetti furono restituiti al Buddha.

Allo stesso modo, i Guerrieri della Luce hanno lavorato sul sito dell’operazione successiva, da Swayambhunath Stupa.

Operazione in Nepal Parte 2 - Swayambhunath Stupa

Swayambhunath Stupa

Operazione in Nepal Parte 2

È costruito nel luogo più energeticamente potente della valle di Kathmandu.

Si crede che le preghiere dette qui abbiano un potere 13 miliardi di volte più grande che nei luoghi ordinari.

Naturalmente, è il cuore, non il luogo che dà potere alla preghiera. Tuttavia, Swayambhunath Stupa è davvero costruito su un luogo unico.

Quando i Guerrieri della Luce salirono in cima alla collina dove si trova lo Stupa e lo videro con la chiaroveggenza, rimasero indicibilmente sorpresi.

Lo Stupa era stato costruito esattamente dove si trovava inizialmente uno dei Templi planetari del Fiore della Vita.

Operazione in Nepal Parte 2 - Life Flower

Fiore della Vita

Operazione in Nepal Parte 2

Gli Arconti Neri si impadronirono di questo Tempio e lo trasformarono nel loro Portale. Numerosi sacrifici, anche umani, furono fatti qui.

I Gerarchi Oscuri usarono questo Luogo di Potere per la nascita e l’incarnazione di entità demoniache provenienti da altri Piani Sottili. Una sorte simile toccò a molti dei Templi del Fiore della Vita.

Nel corso dell’operazione, i Guerrieri della Luce evacuarono l’aspetto di Buddha dal campo del Tempio. Poi cancellarono completamente l’infrastruttura del Portale e vi ripristinarono la Luce originale, installando la Matrix del Fiore della Vita Assoluto.

Lo stesso giorno, l’aspetto ritirato del Buddha è stato fuso con gli altri e collegato brevemente all’Aspetto dell’Assoluto attraverso le sue vibrazioni di sintesi. Fu fatto con ogni aspetto estratto per la loro graduale Assolutizzazione.

Quella stessa notte, i Co-Creatori hanno condotto una prova sui Guerrieri della Luce per il rilascio degli aspetti come fuochi d’artificio (o raffiche).

Prima si credeva che la Monade potesse rilasciare un solo aspetto alla volta. L’esperimento ha dimostrato il contrario. La Monade può allocare molti aspetti alla volta, cioè può scambiare aspetti con diverse Monadi o Logos contemporaneamente.

L’operazione successiva è stata effettuata presso l’antico Tempio Narayan a circa 7 miglia a est di Kathmandu. Lì il gruppo lo ha anche ripulito dalla negatività accumulata a causa dei numerosi sacrifici.

Operazione in Nepal Parte 2 - Narayan Temple

Tempio di Narayan

Operazione in Nepal Parte 2

Insolita fu un’operazione nel villaggio di Parping, nella grotta di Padmasambhava (Guru Rimpoche), dove trascorse sette anni in meditazione.

Anche lì c’erano diversi aspetti del Buddha.

Ma tutti erano già stati purificati e assolutizzati da Padmasambhava stesso.

I Guerrieri della Luce dovevano solo accoglierli e combinarli con gli altri aspetti che avevano raccolto in precedenza. Rimaneva un mistero perché, dopo la purificazione, non li avesse presi una volta asceso.

Dopo tutto, Padmasambhava è un’incarnazione di Buddha. 

In primo luogo, è stato necessario raccogliere tutti i dodici aspetti che non sembrano essere avvenuti.

Dopo che i Guerrieri della Luce lasciarono la grotta di Rimpoche, il loro leader fu improvvisamente attratto di nuovo da essa. Ritornò, si avvicinò all’Altare e sentì le vibrazioni della 14D. Risultò che un aspetto del Pleroma era stato lasciato nel campo della grotta, di cui Padmasambhava era il portatore.

Cioè, la prima volta che Buddha consegnò sulla Terra un aspetto del Logos Universale, e nell’incarnazione di Guru Rimpoche, portò anche un aspetto del Pleroma. Era rischioso, molto rischioso, visto quello che è successo ad alcuni aspetti del Logos Universale che sono stati presi dagli Oscuri.

Fortunatamente, il principale – a Kailas – è rimasto intatto e tutti gli aspetti catturati erano copie, cloni di esso.

Operazione in Nepal Parte 2 - Padmasambhava (Guru Rimpoche) In Parping

Padmasambhava (Guru Rimpoche) a Parping

Operazione in Nepal Parte 2

Su richiesta dei Co-Creatori, il Guerriero della Luce ascese l’aspetto del Pleroma fino alla sua fonte.

Sulla via del ritorno sentì la chiamata di tornare di nuovo alla grotta. Dovette tornarci per la terza volta, mentre tutto il gruppo si era già riunito per partire in autobus. Questa volta, i Gerarchi Superiori della Luce gli chiesero di portare dentro di sé una copia della Matrix del Pleroma.

Operazione in Nepal Parte 2 - Guru Rimpoche's Cave

Guru Rimpoche

Operazione in Nepal Parte 2

Si scoprì che Padmasambhava lo portò anche sulla Terra, lasciandolo sul Piano Sottile dell’Altare che aveva creato durante i sette anni in questa grotta. Più tardi, il gruppo scoprì – a quale scopo.

Era coinvolto nel piano dei Co-Creatori per la salvezza della cosiddetta Tredicesima Tribù di Caino. Le loro Monadi dovevano essere trasformate nei Nati nel Pleroma. Un piano audace, niente da dire.

Non è stato realizzato in passato perché tutte le cose necessarie sono state fatte solo recentemente, nello Yemen, durante l’Operazione Caino. Resta da vedere se continuerà.

Dopo l’operazione successiva al tempio di Namo Buddha, dove i Guerrieri della Luce hanno condotto un altro lavoro con gli aspetti del Buddha e di Guan Yin, il gruppo è tornato a Kathmandu, e da lì ha proseguito per Pokhara.

Operazione in Nepal Parte 2 - Namo Buddha Temple

Tempio Namo Buddha

Operazione in Nepal Parte 2

Sulla strada, si sono fermati nell’antica città sacra di Patan.

Anche lì hanno condotto un lavoro con aspetti del Buddha e di Guan Yin. Patan (Lalitpur) è una delle tre antiche città della valle di Kathmandu.

A Pokhara, nella grotta Gupteswar Gupha, gli uomini del gruppo hanno assimilato tre aspetti del Buddha preparati dai Gerarchi Superiori della Luce.

Le donne, rispettivamente, hanno lavorato con aspetti di Guan Yin.

Operazione in Nepal Parte 2 - Pokhara

Pokhara

Operazione in Nepal Parte 2

Operazione in Nepal Parte 2 - Gubteswar Gupha Cave

Gubteswar Gupha

Operazione in Nepal Parte 2

Il giorno successivo il gruppo ha lavorato al tempio Barahi, conosciuto anche come il Tempio del Lago Phewa, a Pokhara. Questo tempio era dedicato alla dea Kali (alias Durga, Parvati, Bhairavi) e ospitava il suo aspetto conservato.

I Guerrieri della Luce non potevano crederci: la ex Kali se n’era andata da tempo, si era trasferita nel Lato della Luce e i suoi vecchi aspetti Neri erano ancora qui. La ragione era che erano stati conservati dai rituali e dall’energia dei sacrifici di sangue.

Operazione in Nepal Parte 2 - Barahi Temple

Tempio di Barahi 

Operazione in Nepal Parte 2

Il gruppo ha estratto l’aspetto di Kali dal Tempio, lo ha purificato e poi lo ha annientato. Dopo di che, la parte femminile del gruppo ha fatto il lavoro previsto con l’aspetto di Guan Yin.

Poi, i Guerrieri della Luce sono arrivati a Lumbini, il luogo di nascita di Gautama Buddha, per completare la loro missione in Nepal.

All’inizio, c’era un Portale di riserva per l’incarnazione degli Esseri Superiori. Gautama Buddha venne dal Pleroma attraverso di esso, portando sulla Terra un aspetto del Logos dell’Universo Locale.

Operazione in Nepal Parte 2 - Lumbini

Lumbini

Operazione in Nepal Parte 2

Questo aspetto fu installato a Kailas. Ma prima, fu diviso in copie secondo il principio della parzialità dello Spirito.

Nel luogo di nascita di Buddha Gautama Shakyamuni, i Guerrieri della Luce hanno riunito tutti i restanti 12 aspetti del Budiddha e di Guan Yin. Gli aspetti di quest’ultima furono consegnati dalla parte femminile del gruppo alla Dea, dopo di che si fusero con la Sua Monade.

Inoltre, ci fu un’assemblea forzata di tutti gli aspetti illiquidi degli Esseri Femminili Superiori bloccati in vari luoghi della Terra come risultato dei sacrifici fatti lì.

Gli aspetti furono poi purificati e riportati alla vibrazione dell’Amore Assoluto. Poi, sono stati trasmessi al Portatore Femminile della Fondazione dell’Assoluto.

Un lavoro simile fu compiuto dagli uomini della squadra. Essi misero gli aspetti illiquidi del Buddha nella loro Monade temporaneamente unita e li formarono in un unico corpo.

Il passo successivo fu la sua ascensione e la fusione con la Monade di Buddha. Fu fatto a Kapilavastu, dove Gautama Shakyamuni trascorse la sua infanzia e adolescenza.

Operazione in Nepal Parte 2 - Kapilavastu

Kapilavastu

Operazione in Nepal Parte 2

Lì il gruppo trovò il Portale di Luce con un Mandala incompiuto al centro. Sembra che Buddha non abbia avuto il tempo di completarlo.

A Kapilavastu, attraverso la sintesi inter-Monadica, i Guerrieri della Luce hanno elevato l’aspetto unificato del corpo di Buddha che hanno creato dagli aspetti illiquidi restaurati nei 12 Templi Universali, nella sua Monade e si sono fusi con esso.

Tutti i compiti delle operazioni del Nepal furono completati. Ma i Co-Creatori chiesero al gruppo di rimanere a Kapilavastu un po’ più a lungo. Hanno diretto i Guerrieri della Luce a due Stupa costruiti sul sito della Tomba dei Genitori del Buddha.

Lì gli Alti Gerarchi della Luce misero nel caposquadra l’aspetto sporco del Padre di Buddha per la purificazione. Era necessario tirare dentro e purificare tutti gli aspetti illiquidi maschili degli Esseri Superiori bloccati sulla Terra a causa dei sacrifici di sangue. 

Operazione in Nepal Parte 2 - Aspects' Clear Up

Aspetti Chiariti

Operazione in Nepal Parte 2

I Guerrieri della Luce li hanno raccolti e ripuliti per una settimana. Dopo la sanificazione, tutti gli aspetti sono stati consegnati al Portatore del Maschile Fondamentale Assoluto nel Pleroma.

La sera dello stesso giorno, la squadra di terra ha lasciato il Nepal per l’operazione successiva.

Altro da Lev

Fine Della Dualità – Da 3D A 4D E 5D – Lev

Fine Della Dualità – Da 3D A 4D E 5D – Lev

A partire dagli anni 2000, nuove Anime arrivano sulla Terra in ondate – Indaco, Cristallini, Radianti, poi si incarneranno esseri Plasmoidi. La loro immunità dovuta ai codici e ai programmi incorporati e ricevuti, è progettata per la 5D e oltre.

I Click Sulle Pubblicità Ci Tengono In Vita 🙂

Pillole Disclosure News Testata

Energia

Nella Natura esiste un'energia condensata e un giorno, quando diventerete santi, la saprete utilizzare al posto del pane, delle scarpe, dei vestiti, e sarete rivestiti, come gli Angeli, da calore condensato. Gli alberi da frutto conoscono già quest'Arte e formano i frutti sottraendo l'energia solare alla Terra 

Peter Deunov

Fai una Donazione in Bitocoin

1NrkczypToK9xZAY26nyAn8UEC127cgPk8

Sostieni Disclosure News Italia

Ci stiamo impegnando molto per mantenere questo blog e ci lavoriamo ogni giorno, cerchiamo e traduciamo articoli ma ne pubblichiamo anche di nostri. Come voi siamo alla ricerca della verità. Se volete collaborare con noi siete i benvenuti, scriveteci! Le spese del blog sono a nostro carico, la pubblicità ci rimborsa in modo molto marginale quindi se vi piace il nostro lavoro e lo trovate utile offriteci un caffè cliccando sul bottone di donazione con PayPal. Ci serve l'aiuto di gente come te! 

  • 2022 Server & Site Tech Support 4200 € 47% 47%

Bitcoin & Cryptocurrencies Donation

1M9dohWnHBwNLSPd6afRaJackrw6wK9bxY

Pin It on Pinterest