Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Dicembre 2017 Archivio

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Dicembre 2017 Archivio

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Dicembre 2017 Archivio. Fonte Dutchsinse.

Stiamo tentando questo esperimento di divulgare le previsioni di Dutchsinse in Italiano per il Pianeta Terra. E’ un compito abbastanza impegnativo ma riteniamo che abbia una valenza effettiva per tutti noi e quindi eccoci qua. Se qualcuno si sentisse guidato ad aiutarci in questo intento è il benvenuto, nell’eventualità, il colui, è pregato di contattarci 🙂

Terremoti Tempo Reale 4.0 o Superiori

Terremoti Tempo Reale 4.0 o Superiori

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

Acquista la tua maglietta e sostieni DNI - paga con PayPal
Linee di Trasferimento di Pressione Punti di Scosse Profonde

Linee di Trasferimento di Pressione Punti di Scosse Profonde

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

I click sulle pubblicità ci tengono in vita 🙂

Previsione Globale Terremoti 9 Gennaio 2018

Una scossa molto forte, il più forte terremoto in decenni, di magnitudo 7.6 con l’epicentro localizzato al largo dell’Honduras a nord est vicino alla fossa delle Cayman. E’ stato emesso un’avviso di tsunami ma non si è verificato.

Questo evento non lo avevamo previsto ma sicuramente causerà nei prossimi gioni delle conseguenze nei prossimi giorni e settimane nelle zone circostanti e lungo le linee di trasferimento della pressione.

La cosa positiva è che si è verificato in mare, relativamente lontano da zone abitate.

Questa scossa si è verificata esattamente sul confine delle placche ed è una conseguenza della grossa frattura avvenuta con la scossa in Messico di mesi fa.

Nella stessa gionata 4 vucani sono stati in Centro America, circa 16 eurzioni, probabilmente c’è una correlazione.

Se si va a vedere le stazioni che hanno rilevato questa scossa la maggioranza di queste lo riporta di circa M6.7 e quindi sembrerebbe che come sempre più spesso succede, non si riesce a capire che gioco stiano giocando. Potete vedere le stazioni in questo link.

A questa scossa sono chiaramente seguite delle scosse di assestamento attorno alla magnitudo 4.

Ci aspettiamo che nei prossimi giorni le conseguenze del trasferimento di pressione inizino a manifestarsi a Porto Rico, a nord e al largo, sulla linea di confine delle placche con un M6.

Scossa Honduras 9 Gennaio

Scossa Honduras 9 Gennaio

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

Scossa Honduras 9 Gennaio Confine delle Placche

Scossa Honduras Confine delle Placche

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

Previsione Settimanale Terremoti 8-14  Gennaio 2018

Pacifico

Basandoci sulle scosse profonde del Pacifico il primo punto intermedio è nella zona a est della Nuova Caledonia con una scossa di M6 nei prossimi 4 giorni.

Un’altra zona di silenzio è nella zona delle Isole Salomone dove ci aspettiamo una scossa di M5.7 nei prossimi 4 giorni.

Al centro di PNG una nuova eruzione si è verificata nel vulcano Kadovar che era silenzioso da tempo sconosciuto, qui ci aspettiamo una scossa, nella parte est di PNG, di M5 nei prossimi 2 giorni.

Taiwan è un’altro punto di fulcro tra le scosse del Giappone e le Filippine, ci aspettiamo una scossa di M5.4 tra le Filippine e Taiwan nei prossimi 4 giorni.

Una ampia zona di silenzio si è crearta anche tra le Filippine e Guam, a sud di quest’ultima, a Palau, si prevede una scossa di M5 nei prossimi 4 giorni.

Al largo del Giappone nell’Izu Ridge, nella parte sud, ci asepttaiamo una scossa di M5.9 nei prossimi 4 o 5 giorni, una zona densa di vulcani sottomarini. Nel Giappone stesso, nella parte centrale vicino al Tokyo, ci aspettiamo una scossa di M5.9 nei prossimi 5 giorni. Le scosse dei gioni scorsi fanno prevedere un M5.3 nella zona della zona di Sendai sempre nei prossimi 5 o 6 giorni.

Tra il Giappone e la Kamchatka, nelle Isole Kurili, a sud, ci aspettiamo, in quanto nuovo punto di silnezio, un M5.0 nei prossimi 5 o 6 giorni.

In Nuova Zelanda ci si aspetta una scossa di M4.7 nella zona centrale nei prossimi 2 o 3 o 4 giorni.

Oceano Indiano e Asia

In Indonesia nell’isola di Java si trova la prossima zona di silenzio nella parte centrale dove ci aspettiamo un M5.3 nei prossimi 4 o 5 giorni.

Le Andamae e Nicobar hanno il prossimo punto di fulcro, qui ci aspettiamo un M5.6 nei prossimi 4 giorni. La parte centrale del Myanmar vedrà una scossa di M5 sempre tra 4 o 5 giorni

Continuando verso ovest c’è una zona di silenzio gigante, dal Myanmar fino al Turkmenistan. Nella zona dell’Hindukush verso l’India dove ci aspettiamo una scossa di M5.5 nei prossimi 4 o 5 giorni.

In Iran la zona di fulcro è nella parte centrale dove ci aspettiamo M5.7 come conseguenza delle scosse previste a est nell’Hinduukush, nei prossimi 5 o 6 giorni.

Europa

In Europa la zona dell’Isola di Rodi è il punto di silenzio successivo all’Iran e ci aspettiamo una scossa con con una magnitudo di 5.2, tra 4 o 5 giorni.

L’Europa vedrà la suddivisione della pressione dell’Isola di Rodi nelle solite 3 direzioni, Bosnia e Albania, Bulgaria Romania e Italia. Da questo si prevede che la Macedonia venga colpita da una scossa di M4.9 fra circa 5 o 6 giorni.

L’Italia Centrale, come conseguenza della scossa di Rodi vedrà invece uuno sciame che potrebbe raggiungere la magnitudo massima di 4.1 nella zona di di Norcia sempre nei prossimi 5 o 6 giorni.

Romania e Polonia vedranno delle scosse inferiori a quelle che prevediamo in Macedonia e Italia quindi sulla M3 alta dopo le scosse in queste zone.

Nello stretto di Gibilterra ci aspettiamo una scossa di M4 media sempre come conseguenza dei movimenti che abbiamo previsto più a est.

Anche l’Islanda vedrà il trasferimento di pressione dall’Europa con una scossa di M4.7, stessa cosa nelle Azzorre ma con una scossa attorno alla M4.

Americhe

In Sud America vedremo delle scosse di M5 media sulla punta delle due frecce. In Colombia ci aspettiamo in M5.8 nei prossimi 2 o3 giorni. Sul confine Argentina e Cile nella parte centrale ci aspettiamo un M6 nei prossimi 4 o 5 giorni.

Nel Centro America si sono verificate molte scosse di M4 e ci aspettiamo che queste diventino di M5, questi sono previsti nella costa pacifica del Messico del centro e del nord così come al sud confine con il Guatemala. Tutte queste scosse sono previste nei prossimi 4 o 5 giorni. Un M5.1 si verificherà anche nella zona di silenzio più a sud tra El Salvador e Nicaragua.

In America del Nord c’è sempre il dubbio che non vengano riportate le scosse quindi al previsione diviene più critica. Nel Golfo della California nella parte meridionale ci aspettiamo un M4.3 nei prossimi 3 giorni.

A causa del grande numero di movimenti minori in California e di scosse di M4 nei giorni precedenti nello stato di Washington, la California sarà soggetta a una scossa di M5.3 al largo della costa nord nei prossimi 4 o 5 giorni. In conseguenza a questa scossa dei movimenti di M4.7 si verificheranno nella California centrale.

Come sempre la pressione si sposterà poi verso il confine tra Oklahoma e Colorado con una scossa di circa M4.

Nel nord est del Canada prevediamo che per il trasferimento di pressione si manifesti una scossa di M2.9.

Punti di Rilascio Finali

Nella parte dell’Atlantico Centrale, nel punto di rilascio finale contrassegnato dalla X vedremo una scossa di circa M5 medio come conseguenza delle scosse che colpiranno centro e sud America. Una scossa, verso la fine della settimana, di M5 medio colpirà le South Sandwich Island nel punto di rilascio finale.

Come conclusione se si verificassero altre scosse, più di due o tre, profonde nel Pacifico riaggiusteremo le magnitudo che andranno elevate di una unità.

Previsione Globale Terremoti 4 Gennaio 2018

Una serie di scosse profonde ha continuato a manifestarsi nel Pacifico Sud Occidentale e alle Isole Karmadec. La pressione che si sta creando in questa zona è enorme.

La pressione si è sparsa verso nord della Placca Pacifica con scosse attorno alla M5 da Guam al Giappone alla Kamchatka con una serie di scosse in successione durante la giornata.

In Myanmar al confine con la Cina si sono verificate delle scosse attorno alla M4 dopo la scossa di M5 di qualche giorno fa.

In Iran abbiamo avuto la scossa ieri di M4.5 e oggi un’altra scossa nella parte centrale di M4 media come conseguenza del trasferimento da est, ci si aspetta quindi che questa pressione raggiunga l’Europa nei prossimi giorni.

Europa 2-3 Dicembre e Previsione

Europa 2-3 Dicembre e Previsione

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

In Europa un nuovo set di M4 si è manifestato in Grecia come conseguenza del trasferimento da est in Iran. Nei prossimi due giorni un nuovo M4 colpirà verso Cirpo a conseguenza delle nuove scosse Iraniane.

L’Italia rimane ancora l’ultima zona che non ha visto una scossa di M4, ci sono invece una serie di sciami attorno alla M2 alta un po’ ovunque nell’Italia Centrale, includendo un M2 a sud di Roma nella zona dei Castelli Romani e alle Isole Eolie con una scossa di M2.3 a 300 km di profondità.

Tra Serbia e Romania una scossa di M2.5 si è verificata a 266 km di profondità.

Queste due scosse provocheranno scosse superficiale più potenti , quindi tra M3.5 fino a 4.5 probabilmente a metà strada tra le due scosse profonde.

Azzorre e Islanda vedranno nei prossimi 2 giorni delle scosse attorno alla M5 dal trasferimento di pressione dall’Europa.

Nota DNI: Esattamente come previsto da Dutch la scossa a metà strada tra le due scosse profonde di ieri si è manifestata oggi 4/1 alle 10:46 UTC con una magnitudo di M5 a 10 km di profondità, la magnitudo quindi è stata leggermente superiore a quella prevista ma la zona è esattamente quella. Una ulteriore scossa profonda si è invece verificata, 10 minuti dopo quella appena citata, a 300 km di profondità con una magnitudo di M3.0 nell’Adriatico al largo di Bari. Tutta l’area è sotto enorme pressione e quindi possiamo aspettarci delle scosse tra M4 e M5 anche nei punti intermedi tra queste scosse, quindi Italia Cento Sud, Albania e Grecia del Nord.

In Centro America alcune scosse in Messico mentre nei Cairaibi una serie di scosse attorno alla M4 media con la scossa a est di Porto Rico come previsto. La pressione sismica infine si è trasferita nell’Atlantico Centrale nel punto di rilascio finale con una scossa di M4.8 nella zone delle Isole dell’Ascensione.

In Sud America stiamo vedendo una anomala calma in una zona che normalmente si muove molto, probabilmente vedremo a breve dei grossi movimenti.

San Francisco 4 Dicembre

Pacifico 3 Dicembre

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

Pacifico 3 Dicembre

Pacifico 3 Dicembre

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

Negli Stati Uniti si assiste a uno sciame al Monte St. Helens, alcune localizzate esattamente all’interno del cratere, che ha messo in movimento la zona circostante con una scossa di M3.9. Non significa che stia per eruttare, questi movimenti sono causati dalla pressione proveniente da ovest. Il Midwest ora verrà colpito da scosse attorno alla M4 nelle zone di pompaggio nell’Oklahoma.

Nota DNI: Una scossa di M4.4 ha colpito la zona di San Francisco, risultato della pressione di cui abbiamo parlato nei giorni precedenti, in tutta la California continua lo sciame dei M2.

Previsione Globale Terremoti 3 Gennaio 2018

Come abbiamo riportato in precedenza le scosse profonde nel Pacifico sono state misurate da varie agenzie a differenti magnitudo a 5.1 e a 5.9 non è proprio chiaro se siano 2 scosse anche se sembrano la stessa.

PNG, Nuova Zelanda e il Sud America saranno sotto la spinta dalla pressione da questa scossa.

La Nuova Caledonia è stata colpita da una scossa come previsto. Ora la zona di silenzio che si è creata con le nuove scosse va da PNG ovest fino a nuovamente la Nuova Caledonia. Il punto di fulcro si trova a est di PNG e le Isole Salomone e qui si verificherà la scossa sulla M6.

Tra Tonga e le Fiji è un’altro punto intermedio che verrà probabilmente una scossa superiore a M6 nei prossimi 2 o 3 giorni.

Anche la Nuova Zelanda ha visto una scossa profonda sopra i 200 km di M3.0 nella parte sud, questo provoca un allarme nella parte centrale per una scossa da M4 a M5.

In Giappone varie scosse hanno colpito con una magnitudo di M4 medio, stessa cosa nella Penisola della Kamchatka.

Le Andamane sono state colpite dalla scossa prevista, nella parte sud, con una magnitudo di 4.9.

A Est di Taiwan anche c’è un’altra zona di silenzio dove si prevede una scossa di M4.7.

Tutta la zona del Pacifico vedrebbe tutte le previsioni aumentate di qualche decimale se si verificasse una nuova scossa profonda.

Nota DNI: Al momento della pubblicazione di questo articolo, 3 Gennaio, si è verificata una nuova scossa profonda tra Tonga e Fiji di M5.0 a 620 km di profondità, questo come detto sopra crea qualche cambiamento nelle previsioni globali, specialmente quelle a breve termine nelle zone circostanti dove probabilmente le scosse previste essere di M6 si sposteranno verso l’M7.

Nella zona dell’Hindukush una scossa di M4.9 spingerà la pressione ancora una volta in Iran dove ci aspettiamo varie scosse, 2 scosse da M5 una a nord e una a ovest di Teheran.

In Europa abbiamo avuto le scosse che abbiamo citato, due di M5 in Grecia e Algeria. La pressione sta transitando a sud. In Italia, come abbiamo citato nel nostro aggiornamento in attesa di Dutch, la pressione attesa nel Centro Italia ha colpito al sud, ci si aspettava un M4 che invece si è forse manifestato con un M3.5 al sud, non possiamo però ancora essere certi che la scossa di M4 non colpisca il Centro Italia nella zona di Norcia.

Anche la Bosnia ha subito il M4 ieri quindi tutte le previsioni si sono manifestate ma rimane il dubbio sul Centro Italia. Rimangono le Azzorre e l’Islanda per due scosse prossime alla M5 nei prossimi 2 o 3 giorni.

Pressione in Trasferimento da Est Rosso Rosa Bianco

Pressione in Trasferimento da Est Rosso 2 giorni fa, Rosa ieri, Bianco oggi.

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

Europa 1-2 Gennaio

Europa 1-2 Gennaio

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

Negli Stati Uniti la scossa prevista in Maine si è manifestata al confine con il Canada con una magnitudo di 2.5. Questa scossa è stata generata dal trasferimento della pressione dal Sud Ovest. In Oklahoma si sono verificati i movimenti di M3.5 come previsto nelle solite zone di pompaggio. Anche in California si sono avuti numerosi movimenti sulla M3. Se totalizziamo tutte le scosse il rilascio di pressione vediamo una totale di circa M3.5, si è quindi persa una parte di potenza dalla scossa di qualche giorno fa di M4.6 al largo della costa ovest Americana.

In Centro America la pressione ancora non ha colpito nei Caraibi Est dove ci aspettiamo un M4 medio alto (Nota DNI: avvenuto questa mattina 3 Gennaio a Trinidad Tobago di M4.5 mentre pubblichiamo questo post). In Messico ci aspettiamo ancora una scossa al massimo di M5 nella zona del vulcano Popo.

In Sud America la situazione si dovrebbe scaldare, dipende dalla scossa del pacifico se è di 5.1 o 5.9, grossa differenza. Nei prossimi giorni, 2 o 3, sulla punta delle due frecce ci aspettiamo scosse prossime alla M6 in Ecuador e Colombia. Le scosse potrebbero anche verificarsi al largo della costa Pacifica. Nel sud, zona di Val Paraiso in Cile al confine con l’Argentina ci aspettiamo scosse fino alla M6. In seguito il punto intermedio verrà colpito, in prossimità del vulcano Sabancaya in Bolivia, anche qui la scossa sarà di M6 ma questa volta potrebbe essere anche più potente.

Previsione Globale Terremoti 2 Gennaio 2018

Pubblichiamo questo aggiornamento in attesa di Dutch che sicuramente farà una pubblicazione speciale compatibilmente con il fuso orario per rilevare questa incredibile scossa che è stata appena riportata a sud delle Isole Fiji.

Si tratta di una scossa di M5.8 ad una profondità di 580 Km, una di quelle scosse che può creare del dissesto a livello globale! Essendo avvenuta sotto le placche tettoniche in una zona chiamata l’Anello di Fuoco sicuramente metterà in allarme da subito tutta la zona del Pacifico a causa del fatto che può causare delle scosse superficiali di M1 o M2 superiori, stiamo quindi parlando si magnitudo da 6.8 fino a 7.8!

Una scossa di questo tipo si può ripercuotere fini dall’altra parte del globo passando all’interno della Terra. Dutch aveva fatto notare nell’ultimo aggiornamento che se si fosse verificata una scossa profonda in questi giorni gran parte delle previsioni fatte andrebbero aumentate di una unità di magnitudo, speriamo nel controllo della Fratellanza Galattica per evitare disastri che sembrano incombenti.

Scossa M5.8 500km Fiji 2 Gennaio

Scossa M5.8 500km Fiji 2 Gennaio

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

Previsione Globale Terremoti 1 Gennaio 2018

Negli Stati Uniti si è verificata una scossa al largo nel Pacifico di magnitudo M5.2 riportata dopo molto tempo anche da USGS a M4.7 (USGS ha poca credibilità, sarà una vera scossa o una trollata?).

Ci aspettavamo questa scossa nelle Axial Sea Mountains al largo dell’Oregon ma molto più a sud.

Questa scossa testimonia il trasferimento di pressione verso la California, la zona di San Diego potrebbe ricevere una scossa di M4 medio nei prossimi 2 o 3 giorni.

Il Midwest nelle solita zona fracking in Oklahoma verrà colpito da una scossa nello stesso periodo di 2 o 3 giorni attorno alla M3 alta, in seguito la pressione potrebbe causare un M3 medio nel Maine.

La pressione in trasferimento dal Messico provocherà delle scosse attorno alla M5, in prossimità dei vulcani in eruzioni in Centro e Sud America. Nuove scosse quindi in prossimità di Popocatepetl in Messico così come in Guatemala, Ecuador e in Bolivia centro occidentale, questo nei prossimi 2 giorni.

In Nuova Zelanda continuano le scosse in modo massiccio, una infinità di scosse particolarmente nella parte nord. Ci aspettiamo la scossa di M4 alto nella parte centrale.

A ovest delle Fiji la zona di silenzio è in Nuova Caledonia dove ci aspettiamo una scossa fra M5 medio e M6 medio nei prossimi 3 o 4 giorni.

In Giappone e nell’Izu Ridge si sono verificate una numero di scosse tutte alla M4.6 a testimonianza che tutta la placca si sta muovendo.
Sempre in Giappone a sud Honshu e Okinawa ci si aspetta una scossa di circa M5 in prossimità del vulcano Skarujima.

Stati Uniti 1 Gennaio

Placche Tettoniche

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

In Sud America si sono avute scosse in Ecuador con un M4 medio, nel Pacifico tra il continente e la Micronesia un M4.7 testimonia che la pressione sta arrivando. Nei prossimi 2 o 3 giorni, questa scossa farà aumentare la magnitudo della scossa che colpirà la zona centrale del Cile.

In Centro America in Messico la pressione sta finalmente trasferendosi nei Caraibi, le scosse sono diminuite, vedremo Porto Rico e Barbados con delle scosse attorno alla M4 per poi proseguire verso i punti di rilascio finali nell’Atlantico.

Nuova Zelanda 1 Gennaio e Previsione

Nuova Zelanda 1 Gennaio e Previsione

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

In Indonesia a Sumatra si è verificata la scossa prevista, due scosse che combinate eguagliano M5.

A causa delle scosse profonde in Indonesia e Pacifico ci aspettiamo una scossa di M5 in PNG nella parte ovest nei prossimi 1 o 2 giorni.
A Java sempre per gli stessi movimenti e quelli a Sumatra, Java, nuovo punto di silenzio, potrebbe essere colpita da una scossa attorno alla M5 alta nella parte centrale nei prossimi 2 o 3 giorni.

Continuando a ovest il punto a metà del confine della placca ci porta nuovamente nelle Andamane del nord, la magnitudo dovrebbe essere superiore a 5 dato che il vulcano Sinabung aggiunge della pressione a quella in trasferimento da Sud Est.

Pacifico 1 Gennaio e Previsione

Pacifico 1 Gennaio e Previsione

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

Nell’Oceano Indiano del sud dopo la scossa di M5.8 di ieri la pressione piuttosto che andare verso l’Africa ha preso la direzione verso il sud ovest con una rara scossa di M5 a sud del Madagascar.

In Europa una scossa di M5, e un conseguente sciame, ha colpito al confine tra Grecia e Macedonia come previsto e come conseguenza della pressione in trasferimento dalle scosse dei giorni precedenti più a est.

In Italia nella parte Centrale Adriatica si potrebbe verificare una scossa simile a quella che ha colpito la Grecia nei prossimi giorni anche se lo possibilità che questo avvenga non sono molto elevate. (Nota DNI: Oggi 2/1 una scossa di M3.4 ha colpito l’Isola di Corfù quindi un leggero movimento verso ovest e l’Italia. Sempre oggi si sono verificate 2 scosse di M3 e di M3.5 nell’Arcipelago delle Eolie a nord della Sicilia, speriamo che questo sia il risultato del trasferimento di pressione da Est e che non ci siano ulteriori scosse nel Centro Italia.)

La pressione in trasferimento è più probabile che segua il margine della placca verso nord e quindi la Romania e la Polonia subiranno scosse dovute a questo trasferimento, la Romania attorno alla M4, la Polonia potrebbe invece subire una scossa leggermente superiore fino alla M5.

In Islanda ci si aspetta che la pressione raggiunga l’isola con una magnitudo di M5.

Nell’Atlantico Centrale la pressione ha avuto il rilascio finale dall’Europa della settimana scorsa con due scosse di M4 alta.

Europa 1 Gennaio

Europa 1 Gennaio

Dutchsinse Previsione Globale Terremoti Gennaio 2018 Archivio

Dutchsinse Previsore di Terremoti

Dutchsinse è una persona, Michael Janitch (di St. Louis Missouri), uno scienziato indipendente che sta studiando e insegnando temi legati alla geofisica. I suoi studi sono noti per essere controversi e provocatori.

Pillole Disclosure News Testata

Una Mela

Se hai una mela e io ho una mela, ce le scambiamo, e abbiamo sempre una mela per uno. Ma se tu hai un'idea e io ho un'idea, ce le scambiamo e allora abbiamo entrambi due idee. 

G.B. Shaw

Fai una Donazione in Bitocoin

1NrkczypToK9xZAY26nyAn8UEC127cgPk8

  • Supporto per il Costo del Server 2019 - 2400 € 28% 28%
Acquista la Tua Pietra Cintamani

I click sulle pubblicità ci tengono in vita 🙂

Sostieni Disclosure News Italia

Ci stiamo impegnando molto per mantenere questo blog e ci lavoriamo ogni giorno, cerchiamo e traduciamo articoli ma ne pubblichiamo anche di nostri. Come voi siamo alla ricerca della verità. Se volete collaborare con noi siete i benvenuti, scriveteci! Le spese del blog sono a nostro carico, la pubblicità ci rimborsa in modo molto marginale quindi se vi piace il nostro lavoro e lo trovate utile offriteci un caffè cliccando sul bottone di donazione con PayPal. Ci serve l'aiuto di gente come te!

Pin It on Pinterest