Attacco Fake negli USA Ben Fulford 19 Aprile

Attacco Fake negli USA Ben Fulford

19 Aprile 2017

Attacco Fake negli USA Ben Fulford. Un egiziano americano con il nome di Amin Amin mi ha contattato per chiedere protezione, perché sentiva che la sua vita era in pericolo e che stava per essere usato come un capro espiatorio per un attacco terroristico “musulmano” negli Stati Uniti.

Amin, che è attualmente in Tennessee, dice che sia la CIA che l’intelligence Sudanese lo hanno contattato e hanno cercato di convincerlo a lavorare per loro. Amin dice che i funzionari dei Servizi Segreti Sudanesi comprende persone che vanno sotto il nome di Tarik e Wahir. Dice che li conosce fin dall’infanzia e che sono nipoti del primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu, che è, in realtà, un arabo e non un Ebreo.

Le altre persone che hanno cercato di reclutarlo sono un ebreo di nome Andrew Lamont e un palestinese Massone 33° grado con il nome di Jamal Abuseyada.

Amin dice che gli sono state offerte ingenti somme di denaro per collaborare, ma quando ha rifiutato è stato licenziato dal suo lavoro come assistente di insegnamento in una scuola musulmana in Tennessee. Amin mi ha chiesto di informare il mondo che è pulito, sobrio e non violento e che non sta progettando un eventuale attacco terroristico. Vorrebbe i White Hats nella comunità di intelligence lo contattassero.

Deep State

Deep State

Attacco Fake negli USA Ben Fulford

Egli ha anche detto che conosceva un palestinese di nome Nazar che è stato un compagno di stanza di Unabomber. Dice che Nazar gli ha detto che l’ex capo dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina Yasser Arafat è stato “ucciso in un raid e sostituito da un doppione”.

Kissinger e Guerra all'Isola K

Scatenare la WW3

13 Giorni di Preparazione

19 Aprile 1° Maggio

Pillole Disclosure News Testata

La Vita

La vita è come uno specchio: ti sorride se la guardi sorridendo.  

Jim Morrison

Sostieni Disclosure News Italia

Ci stiamo impegnando molto per mantenere questo blog e ci lavoriamo ogni giorno, cerchiamo e traduciamo articoli ma ne pubblichiamo anche di nostri. Come voi siamo alla ricerca della verità. Se volete collaborare con noi siete i benvenuti, scriveteci! Le spese del blog sono a nostro carico, la pubblicità ci rimborsa in modo molto marginale quindi se vi piace il nostro lavoro e lo trovate utile offriteci un caffè cliccando sul bottone di donazione con PayPal. Ci serve l'aiuto di gente come te!




Pin It on Pinterest

Vai alla barra degli strumenti